Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 19 ottobre 2017 - Ore 05:41

“Un nuovo sistema socioeconomico" assemblea pubblica di Confindustria

“Un nuovo sistema socioeconomico" assemblea pubblica di Confindustria

Lecce - “Un nuovo sistema socioeconomico. Le prospettive e le aspettative delle imprese”: questo il tema dell’Assemblea Annuale Pubblica 2012 di Confindustria Lecce, che si è svolta questa mattina alle ore 10.30, presso il Teatro Paisiello, alla quale è intervenuto il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi.

L’evento si colloca in un momento particolarmente delicato per le imprese e per il tessuto economico e sociale: la crisi sta facendo sentire la gravità dei suoi effetti, di fronte ai quali è necessario individuare strategie chiare e condivise che consentano al sistema nel suo complesso di recuperare una visione di futuro.

“Le trasformazioni del sistema economico mondiale – afferma il presidente di Confindustria Lecce Piernicola Leone de Castris – hanno impresso un’accelerazione straordinaria ai meccanismi che regolavano le relazioni e gli scambi internazionali. I nuovi sistemi di comunicazione, il progresso tecnologico, la ricerca spingono i Paesi, che fino a qualche anno fa venivano definiti emergenti, ad essere i nuovi protagonisti del mercato globale. Da questo mondo cambiato, dobbiamo ripartire per trovare nuove opportunità di crescita, che diano speranza, anzi certezza, di futuro alle imprese, alle famiglie, ai lavoratori, ai giovani”.

“Occorre – continua Leone de Castris - una reale presa di coscienza che quello che si è verificato fino ad oggi, nel modo in cui è accaduto, non ci sarà più. Sia dal punto di vista economico che sociale. Il Paese ha bisogno di nuove regole, del rispetto delle stesse, di leggi chiare e durevoli nel tempo, di tagli netti ai costi della politica e delle istituzioni, di innovazione in alcuni istituti del welfare, di minore pressione fiscale, di un sistema bancario che creda e per questo investa nell’imprenditoria, di opportunità per i giovani. Con grande senso di responsabilità la nostra classe dirigente – dai politici, agli amministratori di enti pubblici e privati, dagli imprenditori ai docenti di ogni ordine e grado - è chiamata a trovare soluzioni che rimettano il Paese nelle condizioni di competere e di creare occasioni di sviluppo. Importante, per tali ragioni, il confronto con il presidente Squinzi, il quale, dalla sua ottica privilegiata, sono certo, porterà numerosi spunti di riflessione, alimentando il dibattito ed evidenziando i nodi che strozzano la nostra economia, con l’obiettivo, magari, di tentare di scioglierli”.

Fondamentali, da questo punto di vista, anche i contributi che verranno dal mondo imprenditoriale: si alterneranno sul palco, nello spazio dedicato alle imprese (La voce delle imprese: le proposte): Luciano Barbetta, Presidente Sezione Abbigliamento; Luca Calò, Vice Presidente Sezione Energia; Giacinto Colucci, Presidente Sezione Metalmeccanica; Nicola Delle Donne, Presidente Ance Lecce; Grazia Manni, Presidente Terziario Avanzato; Andrea Montinari, Presidente Sezione Turismo; Mario Montinaro, Presidente Sezione Ambiente; Giancarlo Negro, Presidente Information Technology; Maurizio Zecca, Presidente Sezione Agroalimentare.

Dalla lotta alla contrattazione al mondo del lavoro con particolare riferimento al cuneo fiscale ed all’impiego femminile, dalle problematiche energetiche alle strategie per rendere conveniente investire in Italia, dalle richieste di semplificazione e snellimento burocratico alla necessità di recuperare, come auspicato anche dal presidente Napolitano, proprio in questi giorni, gli investimenti in cultura per la valorizzazione delle specificità del “made in Italy”, dal turismo alla ricerca ed innovazione, al fisco, tante sono le problematiche che le nostre imprese si trovano ad affrontare e che devono essere risolte al più presto per ridare al nostro Paese forza competitiva. E’ l’appello che gli imprenditori di Confindustria Lecce rivolgeranno al Presidente Squinzi, affinché si faccia interprete presso il Governo delle istanze provenienti dal mondo imprenditoriale salentino.

Ore 11, aprono i lavori con i saluti da parte di Paolo Perrone Sindaco di Lecce, Giuliana Perrotta Prefetto di Lecce ed Angelo Bozzetto Presidente Confindustria Puglia.

A seguire la relazione a cura di Piernicola Leone de Castris Presidente Confindustria Lecce.

Spazio agli interventi con Loredana Capone Vice Presidente Regione Puglia, Antonio Gabellone Presidente Provincia di Lecce e Domenico Laforgia Rettore Università del Salento.

In conclusione, "La voce delle imprese: le proposte", e l'intervento di Giorgio Squinzi Presidente Confindustria

A moderare l'incontro, Marcello Favale Giornalista Rai.

La Redazione


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "TERRITORIO"
30 Maggio 2017 - Salento

Salento - Si parte da giovedì 1° giugno. Torna puntuale, anche quest’anno, con tante novità, “SalentoinBus”, il servizio di...

02 Maggio 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Grande successo per la prima edizione della "Gallipoli Run - Corri per la ricerca", manifestazione podistica nazionale non profit organizzata dalla...

29 Marzo 2017 - Melendugno

Melendugno - Come annunciato, il Movimento Culturale “Valori e Rinnovamento” è stato in trincea al cantiere Tap di San Basilio al fianco di...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner