Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 19 novembre 2017 - Ore 00:33

Compravendita di bambini, Anfaa denuncia l'accaduto

Compravendita di bambini, Anfaa denuncia l'accaduto

Lecce - Nei giorni scorsi è stata scoperta un'organizzazione criminale di Caserta che reclutava giovani donne bulgare e le conduceva in Italia per farle partorire, vendendo poi i neonati a coppie italiane senza figli, che se ne appropriavano attraverso falsi riconoscimenti di paternità.

La presidente nazionale di Anfaa, Donata Nova Micucci, ha condannato con forza la compravendita di neonati, prendendo una presa di posizione anche nei confronti dell'attività di controllo da parte degli ufficiali di stato civile, visto che l'escamotage sfruttato dai malviventi per "regolarizzare" il tutto era quello di far riconoscere il piccolo come figlio naturale da un uomo coniugato che, in realtà, lo acquistava al prezzo di circa 20.000 euro.

Anche Grazia Manni, presidente della sezione leccese di Anfaa, ha commentato questo grave caso di cronaca: "Non riesco a concepire che un rapporto genitoriale possa fondarsi su un inganno tanto crudele. La dignità della persona-bambino viene calpestata barbaramente sia dai criminali che hanno orchestrato l’affare sia dagli pseudo- genitori, criminali anch’essi, che hanno contrattato l’acquisto di un altro essere umano, come se si trattasse di un oggetto qualsiasi".

"Accogliere nella propria casa, nella propria famiglia e nel proprio cuore", continua la presidentessa, "un figlio, nato in un altro contesto, è una scelta di vita e d’amore, che passa, nel nostro Paese, da una serie di pratiche burocratiche e di tempi tecnici necessari, anche lunghi, utili, però, per assicurare ad ogni bambino la migliore famiglia possibile. Pensare che tutto questo possa essere bypassato in una maniera così indegna e incivile mi rattrista e mi indigna come donna e come madre adottiva. L’adozione è un percorso che va fatto in maniera scrupolosa e che deve mettere al centro l’interesse del bambino, prima anche di quello della coppia stessa. Come Anfaa, la nostra mission è proprio la tutela del minore, quindi mi unisco all’invito della nostra presidente nazionale affinché gli uffici preposti mantengano altissima l’attenzione quando arrivano loro pratiche dubbie e attivino subito il Tribunale e la Procura, in modo che possano emanare tempestivamente i provvedimenti necessari".

A conclusione del suo intervento, Grazia Manni rivolge un invito alle donne salentine che desiderano diventare madri senza riuscirci: "adottare un bambino è un’esperienza straordinaria, che va fatta insieme a consulenti ed esperti, funzionari e assistenti sociali. Fidatevi solo di loro e, per qualunque dubbio o necessità, il nostro sportello quotidiano in viale Marche – aperto grazie alla sensibilità del sindaco di Lecce Paolo Perrone – è a vostra disposizione".

Marcella Barone


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "TERRITORIO"
30 Maggio 2017 - Salento

Salento - Si parte da giovedì 1° giugno. Torna puntuale, anche quest’anno, con tante novità, “SalentoinBus”, il servizio di...

02 Maggio 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Grande successo per la prima edizione della "Gallipoli Run - Corri per la ricerca", manifestazione podistica nazionale non profit organizzata dalla...

29 Marzo 2017 - Melendugno

Melendugno - Come annunciato, il Movimento Culturale “Valori e Rinnovamento” è stato in trincea al cantiere Tap di San Basilio al fianco di...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner