Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 20 novembre 2017 - Ore 01:06

Il Livello 11/8 rischia di chiudere

Il Livello 11/8 rischia di chiudere

Trepuzzi - Il Livello 11/8 di Trepuzzi rischia di chiudere. E' quanto hanno appena comunicato i gestori dell'11/8 Records, vincitori di un bando pubblico per attività di valorizzazione del territorio.
Si legge nel comunicato:"La nostra splendida avventura rischia di giungere al suo epilogo come fosse l’ultimo atto di una commedia tragicomica. ABBIAMO BISOGNO DI AIUTO!"

La Casa della Musica, fiore all'occhiello dei Laboratori Urbani finanziati dal programma regionale Bollenti Spiriti, rischia di chiudere i battenti per un motivo non molto chiaro legato a problemi di accesso.
Un dubbio che era già venuto a qualcuno alla notizia dello spostamento del concerto de Il Teatro degli Orrori, previsto per domani sera presso la struttura di Trepuzzi e trasferito presso le Officine Cantelmo.

"Sembra un paradosso, ma di fatto né gestori, né fruitori, possono oggi varcare i cancelli della Casa della Musica di Trepuzzi", spiega il comunicato, "L’immobile (ex mercato dei fiori), di proprietà della Provincia di Lecce, dato in affidamento all’Unione dei Comuni a Nord Salento e ristrutturato con i fondi del programma regionale Bollenti Spiriti, si trova sulla strada statale 7 ter, gestita dall’Anas. Il problema dell’accesso, di cui la struttura soffre sin dal 2009 (data di consegna dell’immobile per la gestione), è stato sempre superato, di volta in volta, attraverso permessi temporanei concessi grazie ad accordi privati fra 11/8 Records e i proprietari dei terreni retrostanti che hanno consentito di sfruttare un percorso di ingresso alternativo all’entrata principale sulla ss 7 Ter e grazie anche alla disponibilità delle istituzioni preposte alla sicurezza (Vigili Urbani, Carabinieri)".

Il reale nodo della questione non è, però, stato ancora chiarito. Ma, come spiegano i gestori, il Livello non ha avuto vita facile sin dal principio: "Dalla sottoscrizione del contratto per la gestione, dopo regolare bando pubblico, con 11/8 Records (società di produzione discografica, eventi e management), abbiamo dovuto combattere battaglie estenuanti per ottenere permessi di accesso che pure erano previsti contrattualmente; conosciamo tutti gli uffici tecnici comunali, provinciali e quelli dell’Anas, rimbalzando dall’uno all’altro senza ottenere alcuna risposta. Un labirinto nel quale non abbiamo ancora trovato il bandolo di Arianna. Il risultato è che una delle più operose realtà gestite con successo da giovani imprenditori salentini, distintasi per le buone pratiche, è costretta a fermarsi a causa delle inadempienze degli Enti di riferimento o solo per lassismo di alcuni dipendenti".

Cesare Dell’Anna, direttore artistico di 11/8 Records, ha dichiarato: "A nulla sono serviti i nostri sforzi per rendere la struttura perfettamente funzionante dopo la sua consegna, per farla diventare punto di riferimento sul territorio di attività artistiche di altissimo livello culturale. Non siamo noi a dirlo, ma la nutrita rassegna stampa a livello locale e nazionale che documenta il nostro lavoro. È assurdo, inconcepibile, per me e per il mio staff, essere costretti ad annullare la programmazione artistica per il raggiungimento della quale abbiamo investito mesi di lavoro. Un cartellone che coinvolge artisti internazionali e produzioni esterne. Il danno economico è elevatissimo, ma quello d’immagine è in quantificabile! Posso solo sottolineare con rammarico che a nulla sono valse le nulle trattative intercorse con gli enti titolati a dare risposte".

"Non vogliamo accettare che investimenti di tale portata si traducano in fallimento", continua Dell'Anna, "La nostra casa non diventerà una cattedrale nel deserto per colpa di chi, con approssimazione, non permette di mettere a valore e a tutela un bene comune che ad oggi è costato circa 700.000,00 € (importo che ha riguardato la sola ristrutturazione e riconversione della struttura).
In questo particolare momento di recessione, non è giustificabile dichiarare che un fallimento sia figlio della burocrazia o dell’approssimazione e non frutto della crisi.
È facile e retorico dire che in generale, e per i giovani in particolare, non c’è lavoro. Non siamo dipendenti che, sicuri del loro stipendio a fine mese, possono dormire sonni tranquilli, senza riuscire a immaginare cosa significhi costruire con sacrificio un’ipotesi di futuro economico.
Noi il lavoro ce lo siamo costruito, ma di fatto, ci stanno impedendo di continuare a produrre gli ottimi risultati che la nostra azienda ha raggiunto con tanta difficoltà e in così poco tempo".

Il direttore artistico invita, dunque, "tutti gli operatori della cultura, organizzatori, artisti, musicisti, giornalisti e tutti gli amici che credono nel nostro “fare cultura”, ad aderire alla nostra PETIZIONE (www.firmiamo.it/livelloundiciottavi) e a tutte le iniziative volte a far sì che il Livello Undiciottavi non marcisca nell’indifferenza".

Una struttura ben attrezzata e fornita di sala prove, sala live, sala di registrazione, sala multifunzionale per convegni e conferenze, spazi destinati a laboratori creativi e alla realizzazione e produzione di videoclip e spot pubblicitari nonché produzioni discografiche, creazione e sincronizzazione di colonne sonore per film, documentari, spot, dotata di uno sportello permanente di consulenza sul Diritto d'Autore ma che, soprattutto, coniuga divertimento e passione al lavoro, rischia dunque di chiudere causando una grave perdita per il territorio che si gioca così una chances di essere competitivo in quella che è una delle peculiarità della nostra terra, l'arte e la creatività.

Marcella Barone


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "TERRITORIO"
30 Maggio 2017 - Salento

Salento - Si parte da giovedì 1° giugno. Torna puntuale, anche quest’anno, con tante novità, “SalentoinBus”, il servizio di...

02 Maggio 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Grande successo per la prima edizione della "Gallipoli Run - Corri per la ricerca", manifestazione podistica nazionale non profit organizzata dalla...

29 Marzo 2017 - Melendugno

Melendugno - Come annunciato, il Movimento Culturale “Valori e Rinnovamento” è stato in trincea al cantiere Tap di San Basilio al fianco di...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
leo carcagn - 19/04/2012
sono indignato nel sentire queste notizie, speriamo si risolva presto la questione, forza ragazzi :)


Banner
Banner
Banner