Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 18 novembre 2017 - Ore 15:09

Petizione per dire NO alla distruzione di Torre Guaceto

Petizione per dire NO alla distruzione di Torre Guaceto

Brindisi - Si scatena sul web una petizione popolare volta alla raccolta di 10.000 firme per dire NO alla distruzione di Torre Guaceto.
L'area Marina Protetta di Torre Guaceto è infatti seriamente minacciata dall'attivazione dell'Impianto di Depurazione Consortile del Comune di Carovigno, che scaricherà le acque reflue depurate all'interno del Canale Reale, un canale già seriamente compromesso e che sfocia nella Zona A (quella più importante dal punto di vista ambientale) dell'Area Marina Protetta. Il bacino idrografico del Canale Reale è soggetto a forti pressioni antropiche dovute allo sfruttamento agricolo dei suoli che esso attraversa e dall’immissione nelle sue acque degli scarichi prodotti da aziende di confezionamento alimentare, in particolare oleifici. Non è escluso che il Canale possa raccogliere scarichi occasionali effettuati da soggetti diversi e comunque non autorizzati.
La foce del canale Reale dista 900 metri dall’habitat prioritario Praterie di Posidonia presente nel SIC Torre Guaceto Macchia san Giovanni.
L'Acquedotto Pubblico Pugliese intende realizzare lo scarico dei reflui depurati, provenienti dall’ Impianto di depurazione consortile di Carovigno, nel Canale Reale; l'AQP ha chiesto autorizzazione in data 18 febbraio 2011 alla Provincia di Brindisi.
Tale progetto mette però fortemente a rischio l'Area Marina Protetta di Torre Guaceto, che rappresenta un tesoro di biodiversità per il mare pugliese e mediterraneo: in caso di prolungato malfunzionamento dell'impianto non sono state individuate soluzioni per la mitigazione di un eventuale impatto derivante da tale malfunzionamento.
La minaccia per la biodiversità dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto rimane molto alta, in caso di messa in funzione del depuratore, poiché lo scarico in mare di 10.000 m3 al giorno, di acqua dolce depurata ricca quindi di materiale organico sospeso, avrà notevoli conseguenze ecologiche, provocando una variazione locale della salinità e uno spostamento verso un sistema eutrofico, anche a causa della bassa profondità e scarsa motilità delle acque della laguna. Il peggioramento dello stato di salute del posidonieto accelererà per aumento della sedimentazione.
L’A.Q.P. chiede 120 giorni, dall’attivazione dello scarico, per la messa a regime dei processi depurativi; ciò comporterà nei primi mesi lo scarico in zona A di acque non sufficientemente depurate. In caso di malfunzionamento del depuratore anche per breve/medio termine, non è stato previsto alcun sistema di salvaguardia cosa che porterà reflui non depurati in una zona A di un’area marina protetta e a cento metri da un habitat prioritario.
I cittadini che promuovono la petizione vi allegano le seguenti motivazioni:oltre al danno ecologico irreversibile vi sarà un danno economico: la popolazione di specie ittiche di valore commerciale che in zona A rappresentano un “serbatoio” per tutta la costa brindisina saranno danneggiate con riduzione delle rendite di pesca, in primis per i pescatori autorizzati a svolgere tale attività nella zona C, in misura minore per tutti gli operatori della piccola pesca costiera delle aree limitrofe. Il danno economico maggiore ricadrà sugli operatori del settore turistico; direttamente sui fornitori di servizi presenti nella riserva, compreso questo ente; indirettamente sugli operatori turistici dell’intero territorio provinciale.   

Per firmare la petizione: http://www.firmiamo.it/salviamo-torre-guaceto-dal-depuratore

Marcella Barone


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "TERRITORIO"
30 Maggio 2017 - Salento

Salento - Si parte da giovedì 1° giugno. Torna puntuale, anche quest’anno, con tante novità, “SalentoinBus”, il servizio di...

02 Maggio 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Grande successo per la prima edizione della "Gallipoli Run - Corri per la ricerca", manifestazione podistica nazionale non profit organizzata dalla...

29 Marzo 2017 - Melendugno

Melendugno - Come annunciato, il Movimento Culturale “Valori e Rinnovamento” è stato in trincea al cantiere Tap di San Basilio al fianco di...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner