Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 12:29

Emergenza xylella: come potare gli ulivi con disseccamenti

Emergenza xylella: come potare gli ulivi con disseccamenti

Corigliano D'Otranto - Una giornata dimostrativa incentrata sulla potatura fitosanitaria degli ulivi con disseccamenti da Xylella Fastidiosa e sugli innesti, organizzata da Coldiretti Lecce.  Riccardo Gucci, professore ordinario nel Dipartimento di scienze agrarie, alimentari e agro-ambientali dell'Università di Pisa, presidente dell'Accademia nazionale dell'olivo e dell'olio e componente della Task force regionale convocata dal governatore Michele Emiliano, sarà venerdì 4 marzo nel Salento per un corso intensivo teorico-pratico di potatura e innesto dell'olivo.

 Alle 8.30, in agro di Cavallino, in contrada Occhio Rosso, il professor Gucci incontrerà i giornalisti con i quali effettuerà un sopralluogo in un campo colpito dai disseccamenti e darà alcune indicazioni sulle potature fitosanitarie. 

 Indicazioni importanti visto che con l'arrivo della primavera e la rivegetazione degli ulivi si sta assistendo ad una nuova ondata di disseccamenti in tutta la provincia di Lecce.  Dalla gestione della chioma, alle spollonature, dalla sterilizzazione dei mezzi agricoli, agli innesti, il docente proverà a spiegare come provare a contenere l'avanzata del batterio e dei disseccamenti negli uliveti, “tenendo sempre bene a mente – dice – che parliamo di una fitopatologia che colpisce per la prima volta gli ulivi e dunque siamo sempre a livello di prove empiriche che vanno poi approfondite con ricerche ad hoc”. 

Docente di arboricoltura generale e di coltivazioni arboree, Gucci ha svolto parte della sua attività scientifica presso il Dipartimento di orticoltura della Michigan State University. E' direttore scientifico di Italus Hortus, il magazine della Società italiana di orticoltura, di cui è membro dal 1996. Nello stesso anno fu nominato Accademico dei Georgofili. 

Come presidente dell'Accademia nazionale dell'olivo e dell'olio, Gucci ha messo da subito la struttura a disposizione dell'emergenza pugliese. “Purtroppo, di emergenza si tratta - dice - con implicazioni che travalicano gli aspetti strettamente tecnico-scientifici e interessano il commercio, l'ambiente, il paesaggio”.

 Il docente terrà poi per tutta la giornata di venerdì un corso rivolto agli olivicoltori e agli operatori agricoli, nella cooperativa “Agricola Nuova Generazione” di Corigliano d'Otranto (zona industriale). Il corso inizierà alle 9 con l'intervento del vicepresidente di Unaprol, Pantaleo Piccinno e del presidente di Coopolio Salento, Giuseppe Pisanello. Spazio poi al professor Riccardo Gucci che terrà sino alle 12 una lezione teorica in aula e dalle 12 alle 14 effettuerà una prova su campo. Alle 14 previsto un “agripanino”. Alle 15, dibattito sul tema “Azioni di contenimento e prevenzione da Xylella”. Modera il direttore di Coldiretti Lecce, Giuseppe Brillante. Il corso intensivo è organizzato dall’Organizzazione di Produttori Coopolio Salento, con la collaborazione del Consorzio Agrario di Lecce e della Cooperativa “Agricola Nuova Generazione”.

 Per info sul corso te.0832.228830, coop.oliosalento@gmail.com.  


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "TERRITORIO"
30 Maggio 2017 - Salento

Salento - Si parte da giovedì 1° giugno. Torna puntuale, anche quest’anno, con tante novità, “SalentoinBus”, il servizio di...

02 Maggio 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Grande successo per la prima edizione della "Gallipoli Run - Corri per la ricerca", manifestazione podistica nazionale non profit organizzata dalla...

29 Marzo 2017 - Melendugno

Melendugno - Come annunciato, il Movimento Culturale “Valori e Rinnovamento” è stato in trincea al cantiere Tap di San Basilio al fianco di...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
mario - 11/03/2016

E scioccante, navigando qua e la fra i vari blog"Renzi forum,Michele Emiliano .it......,e per ultimo il Quotidiano Lecce e Salento"
non ho trovato nulla riguardante l'mportazione dell'olio Tunisino.Secondo me c'è da aggiungere:i pomodori marocchini,le arance
importate da tutti i paesi ecc.. ecc.. ecc..Il sud può esportare solo: laureati ,diplomati,ricercatori e tutte le altre categorie che
difficilmente troveranno lavoro.Nel sud è rimasta solo la guerra dei prezzi al ribasso, che sta distruggendo quel poco che ancora
ci è rimasto.I nostri politici sono solo delle comparse e degli inetti, noi dobbiamo svendere la nostra agricoltura in cambio delle
esportazioni di macchine varie che fa, il nord e gli altri stati dell'unione.Tutto tace e tutta questa gente che manteniamo per
rappresentarci se ne frega di tutto, o sono solo, degli incapaci prezzolati dai poteri forti.La xylella sta dando una mano alla
nostra economia di base.Mi consola solo un fatto; l'impoverimento del sud porterà un drastico calo dei consumi in tutti i
settori,siamo più di 20 milioni è siamo un'enorme peso che incide moltissimo sull'economia del paese.Alla fine vale il detto
"muore Sansone con tutti i Filistei".



Banner
Banner
Banner