Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 20 ottobre 2017 - Ore 23:26

Gasdotto Tap: politici divisi in "Verdi" e "Rossi"

Gasdotto Tap: politici divisi in "Verdi" e "Rossi"

Melendugno - "Rosso o verde" sono i due colori scelti per indicare la posizione contraria o favorevole alla realizzazione del gasdotto Tap. A far luce sulla vicenda, il "Fatto Quotidiano" che in un articolo ha svelato alcuni dettagli di una riunione segreta tenutasi in Svizzera il 14 febbraio, a Baar. Nel corso della riunione, il manager per l’Italia, Giampaolo Russo, ha incontrato gli azionisti del progetto. L’appuntamento è arrivato circa un mese dopo il parere negativo da parte della Regione Puglia.

Nell'articolo comparso sul "Fatto Quotidiano" Russo definisce "debole" la forza del governo italiano, e del ministro dello sviluppo economico Zanonato.

"Verdi", ovvero favorevoli, sarebbero: l’ex premier Enrico Letta, l'ex ministro degli Esteri Emma Bonino, l'ex vice ministro Esteri Marta Dassù e Raffaele Fitto. "Rossi", ovvero contrari, il presidente della Regione puglia Nichi vendola, l'amministrazione comunale di Melendugno, Claudio De Vincenti, sottosegretario allo Sviluppo economico, Gilberto Dialuce, responsabile delle infrastrutture energetiche.

Sulla vicenda è intervenuto anche il Comitato No Tap: "Apprendiamo dalle pagine del "Il Fatto Quotidiano” del 9 aprile 2014 che un gruppo di arguti signori in giacca e cravatta il 14 febbraio si è riunito a Baar in svizzera,a 2000 km da San Foca,per decidere sulla testa dei salentini. Queste "volpi" della finanza, riunite nel "paradiso fiscale" dove hanno intenzione di portare i loro guadagni in maniera strafottente, hanno tracciato le linee guida per portare avanti la “guerra”alla popolazione.

Sembra che le bocciature tecniche regolamentate da leggi italiane ed europee, poco importino ai finanzieri d'assalto di TAP, loro possono intervenire sulla politica,almeno così fanno capire. I signori sconfitti tecnicamente hanno pensato bene di andare all'attacco della classe politica, ebbene si, in Italia la classe politica, secondo loro, è come quella di un paese del terzo mondo pieno di risorse ma povero di dirigenza in grado di sfruttarle autonomamente.

Ora stendendo un velo pietoso sulla linea da tenere messa a nudo dal giornalista de "Il Fatto Quotidiano”, noi ci chiediamo se una società possa ”cospirare” all'estero sul destino italiano.
Dividere la classe politica in rossi(contrari) e verdi(favorevoli) la dice lunga sui politici avvicinati dal lobbista Russo,e ci piacerebbe avere qualche delucidazione da chi è stato tirato nel calderone dei”verdi”.
Ora non entriamo nella lista dei nomi snocciolati nel resoconto della riunione,TAP ci ha abituati a storiche figuracce,ma vorremmo che qualcuno smentisse UFFICIALMENTE.
CARO POLITICO ITALIANO SEI ROSSO O SEI VERDE?
Dopo che il progetto è stato considerato per ben due volte un disastro,sia in VIA regionale che nazionale,chi vuole essere “verde”?
CARI POLITICI POSSIAMO SAPERE CHI DI VOI VUOLE AVERE LA RESPONSABILITÀ DI UN DISASTRO ANNUNCIATO?".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "TERRITORIO"
30 Maggio 2017 - Salento

Salento - Si parte da giovedì 1° giugno. Torna puntuale, anche quest’anno, con tante novità, “SalentoinBus”, il servizio di...

02 Maggio 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Grande successo per la prima edizione della "Gallipoli Run - Corri per la ricerca", manifestazione podistica nazionale non profit organizzata dalla...

29 Marzo 2017 - Melendugno

Melendugno - Come annunciato, il Movimento Culturale “Valori e Rinnovamento” è stato in trincea al cantiere Tap di San Basilio al fianco di...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner