Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 18 agosto 2017 - Ore 03:26

Tagliaferro: "Sciacallaggio informativo ridicolo ed inattendibile"

Tagliaferro: "Sciacallaggio informativo ridicolo ed inattendibile"

Melendugno - "Sciacallaggio informativo ridicolo ed inattendibile. Se TAP, per mezzo del suo Amministratore Delegato Giampaolo Russo, pensa di fuorviare l’attenzione dalle innumerevoli criticità tecniche che il progetto di gasdotto denuncia, con seri rischi sotto il profilo ambientale, economico e paesaggistico, credo che non abbia capito nulla della coscienza ambientale e territoriale matura ed informata dimostrata dal territorio salentino. Tutto ciò nonostante lo stesso Russo sia stato protagonista della procedura di ascolto OST di Regione Puglia, dove si è potuto confrontare direttamente con le istanze tecniche di territorio ed istituzioni locali".

Con queste parole il coordinatore provinciale di Ecodem Salento, Mario Tagliaferro, sintetizza il pensiero dell’intera associazione suscitato dalle dichiarazioni di Giampaolo Russo agli organi di informazione, a commento dell’ordinanza 22/14 con cui la Capitaneria di Porto di Otranto vieta larga parte della costa di Melendugno alla balneazione ed alla pesca professionale.

Nei commenti rilasciati alla stampa, infatti, l’amministratore delegato di TAP aveva sottolineato il netto rifiuto del sindaco di Melendugno, Marco Potì, alle offerte economiche avanzate da TAP nell’ordine di 5 mln di euro per combattere l’erosione costiera, come misura di compensazione che il consorzio offriva in cambio del sospirato via libera dell’ente locale al gasdotto. Il tutto, accusa Russo, nonostante lo stesso comune guidato da Potì, senza tenere in considerazione le preoccupazioni degli operatori turistici del territorio per la fruibilità delle coste (che TAP avrebbe invece attentamente ascoltato e raccolto) non si sia ancora dotato di un Piano Comunale delle coste.

Nelle parole di Russo, dunque, gli stessi soggetti istituzionali che nella vicenda TAP difendono la vocazione turistica del territorio, su altri versanti ne ignorerebbero invece le urgenze. “È inutile sottolineare – continua Mario Tagliaferro – l’assoluta mancanza di nesso tra la vicenda gasdotto ed i provvedimenti assunti dalla Capitaneria di Porto di Otranto per i fenomeni erosivi della falesia. Anzi, se proprio un collegamento può essere fatto è esattamente nella direzione opposta rispetto a quanto prospettato da Russo: l’erosione della falesia, infatti, ci dimostra ancora di più quanto sia fragile il territorio di Melendugno su cui TAP intende installare la sua opera e quanto sia prevalente l’esigenza della tutela ambientale e paesaggistica in funzione dei comparti del turismo e della pesca”.

“Perciò, se questo è il livello della campagna informativa che TAP sa mettere in campo, non si dovrebbe stupire allora lo stesso Russo se la sua azienda non riesce a far breccia sul territorio. Al contrario, restano ben fermi nella mente di quanti hanno preso parte alla procedura OST della Regione i silenzi, i balbettii e le incertezze dimostrate dai tecnici, che in quell’occasione rappresentavano TAP, di fronte agli interrogativi posti dagli esperti del Comune di Melendugno”.

“Dunque – conclude Tagliaferro – senza con questo volerci allineare al livello dell’informazione licenziata da TAP, per fare una battuta vorrei dire che se Russo pensa di concentrare l’attenzione sui provvedimenti della Capitaneria di Porto di Otranto per sviarla dalle lacune tecniche che lo stesso Comitato VIA Regionale ha denunciato, è come se tentasse di coprire le tante falle della sua barca con uno scolapasta”.

Allo stesso tempo, Ecodem Salento invita il Partito Democratico regionale e provinciale a prendere decisa posizione sulla vicenda, difendendo la serietà del lavoro fatto dalle istituzioni regionali nella redazione del parere sul gasdotto e le istanze che provengono dai tanti militanti che da tempo chiedono al partito maggiore centralità alle tematiche ambientali ed una posizione chiara e definitiva su TAP.

“Messaggio questo – sottolinea il coordinatore di Ecodem Salento – rivolto soprattutto al neo segretario regionale Emiliano che dopo aver mancato di affidare, in spregio agli impegni assunti, ad Ecodem Puglia il ruolo di guida delle politiche ambientali nella nuova segreteria regionale del PD, non si è ancora preoccupato di dare il suo sostegno a chi lotta ogni giorno su un territorio così delicato come il Salento, neanche con una telefonata di buon lavoro”.

Un ultimo pensiero va infine a quanto dichiarato in merito alla vicenda dal presidente della Rete civica nazionale Angelo Todaro il quale, preoccupato dalla crisi geopolitica tra Russia ed Ucraina, teme pesanti ripercussioni economiche e lancia un appello a favore del gasdotto TAP. "Non possiamo mancare di ricordare a Todaro – dice il coordinatore di Ecodem Salento - non solo che il gasdotto TAP, per come oggi progettato, è lacunoso sul piano tecnico, ma anche che le sue preoccupazioni in merito alla sicurezza degli approvvigionamenti non troverebbero comunque conforto nella costruzione di TAP. Se solo Todaro si fosse premurato di prendere parte ad uno dei tanti incontri pubblici sulla vicenda TAP, avrebbe appreso che anche il paese fornitore del gas di TAP, l’Azerbaigian, ufficialmente una Repubblica, è retto dal presidente – dittatore Ilham Aliyev che insieme alla sua dinastia incentra il suo potere proprio sulle esportazioni del gas all’estero. Tuttavia, Todaro fa ancora in tempo a prendere notizie da Wikipedia".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "TERRITORIO"
30 Maggio 2017 - Salento

Salento - Si parte da giovedì 1° giugno. Torna puntuale, anche quest’anno, con tante novità, “SalentoinBus”, il servizio di...

02 Maggio 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Grande successo per la prima edizione della "Gallipoli Run - Corri per la ricerca", manifestazione podistica nazionale non profit organizzata dalla...

29 Marzo 2017 - Melendugno

Melendugno - Come annunciato, il Movimento Culturale “Valori e Rinnovamento” è stato in trincea al cantiere Tap di San Basilio al fianco di...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
mario - 12/03/2014
Vero" sciacallaggio politico".
Evidentemente "RUSSO" non conosce il territorio, grave per chi è nato in questi luoghi. Le uniche frane "chiamamole frane??"
sono il crollo di qualche macigno che si trovava già in bilico su qualche scogliera dove batte il mare in tempesta.Russo
non capisce che in questo modo danneggia il buon none del nostro "Salento" dicendo cose non vere.
Certi articoli ,per il loro contenuto fanno solo pena, sono altri i problemi del nostro territorio, come" ferrovie strade ,sanità ecc. ecc..".


Banner
Banner
Banner