Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 11:54

Lecce, addio sogno promozione. Il Foggia merita la finale

Lecce, addio sogno promozione. Il Foggia merita la finale

Lecce - I sogni di promozione del Lecce svaniscono definitivamente a Foggia. Nel retour match della semifinale di Lega Pro, è la compagine dauna ad imporsi come una settimana fa nella gara d'andata e a conquistare meritatamente la finale, che vedrà la formazione allenata dal giovane e ottimo allenatore Roberto De Zerbi contrapposta al Pisa. Coi punteggi di 3-2 (andata) e di 2-1 (ritorno), la squadra rossonera nel computo del doppio incontro ha dimostrato di meritare la serie cadetta ed ora andrà a giocarsi la promozione contro i toscani guidati da Rino Gattuso. Tanta, tantissima delusione per il Lecce, che non riesce a ribaltare il pronostico che dava i cugini pugliesi come favoriti e per il quarto anno consecutivo non centra l'obiettivo. La tifoseria giallorossa è costretta a masticare amaro, nonostante lo sforzo profuso dalla compagine societaria che da un anno gestisce le sorti dell'U.S.Lecce.

Cambio tattico per Piero Braglia, che sceglie il 4-4-2 per il suo Lecce, con Caturano-Moscardelli coppia offensiva e Surraco e Doumbia ad agire sulle fasce; Papini e Salvi presidiano la mediana, mentre la linea difensiva è composta da Lepore, Abruzzese, Cosenza e Legittimo, davanti a Perucchini. De Zerbi non si scosta invece dal 4-3-3 di riferimento, affidandosi al tridente Chiricò-Iemmello-Sarno così prolifico nella gara d'andata; Agnelli, Riverola e Vacca si schierano sulla mediana; Loiacono, Coletti, Gerbo e Di Chiara coprono la porta difesa da Narciso.

La prima occasione è per i padroni di casa al quarto d'ora, con l'ex leccese Di Chiara che dribbla Abruzzese e si presenta davanti a Perucchini, il quale si immola e salva il risultato. Al 25' è Sarno a sfiorare il palo con un bel sinistro a giro da fuori area. Un minuto dopo Moscardelli ci prova su punizione, di poco a lato. Gli ospiti si rendono pericolosi al 35', ma Doumbia spreca da buona posizione dopo un batti e ribatti in area rossonera. Un primo tempo combattuto, ma di marca prettamente foggiana si chiude a reti inviolate.

In avvio di ripresa il Foggia passa in vantaggio grazie ad una prodezza di Riverola, che al 50' converge da sinistra e conclude dai 25 metri, disegnando una traiettoria imprendibile per Perucchini, col pallone che va a togliere le ragnatele da sotto l'incrocio. Nei minuti successivi grande reazione del Lecce, che sfiora il pareggio per ben due volte con Moscardelli. Lo stesso bomber barbuto prova il pallonetto dalla distanza al 60' (ma Narciso non si fa sorprendere) e reclama il rigore un minuto più tardi. Ora i salentini provano ad attaccare con maggiore convinzione, ma proprio nel momento migliore arriva la doccia gelata per Braglia, espulso poi dal direttore di gara per eccesso di nervosismo: è il 62' quando Sarno, servito dal cross di Chiricò, realizza il raddoppio, spegnendo di fatto i sogni di rimonta dei giallorossi

Gli ospiti mettono in campo l'orgoglio e accorciano le distanze al 73' con Caturano, che di testa insacca il pallone ribattuto dalla traversa sulla conclusione di Doumbia. I locali mancano clamorosamente la terza marcatura con Iemmello su suggerimento di Di Chiara al 77'. Nel finale nulla cambia. Il triplice fischio finale certifica il 2-1 finale che spedisce in finale il Foggia e fa piombare nello sconforto il Lecce, per la gioia dei circa 16mila foggiani sugli spalti e la concomitante delusione dei 500 tifosi salentini presenti allo Zaccheria. Per la squadra giallorossa sarà ancora un'altra stagione Lega Pro.

Tabellino di  FOGGIA - LECCE  2 - 1

FOGGIA (4-3-3): Narciso, cap. Agnelli, Vacca, Loiacono, Gerbo, Iemmello, Sarno, Chiricò (74',De Giosa), Di Chiara (83',Angelo), Riverola, Coletti. A disp. Quinto, Sainz-Maza, Micale, Arcidiacono, Lodesani, Lauriola, De Gennaro, Floriano, Lanzetta, Sansone.  All. De Zerbi

LECCE (4-4-2): Perucchini, Legittimo, cap. Papini, Cosenza, Lepore, Moscardelli, Surraco (73',De Feudis), Salvi (78',Carrozza), Caturano, Abruzzese, Doumbia (83',Sowe). A disp. Bleve, Beduschi, Camisa, Liviero, Alcibiade, Vecsei, Curiale, Lo Sicco.  All. Braglia

Arbitro: Livio Martinelli di Tivoli.  Assistenti: Gianluca Sechi di Cagliari e Francesco Rossini di Padova.

Ammoniti: Papini, Chiricò, Moscardelli, Agnelli. Espulsi Braglia ed il team menager del Lecce Claudio Vino per proteste.

Reti: 50' Riverola, 62' Sarno, 73' Caturano.

Matteo Sbenaglia


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "SPORT"
04 Giugno 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce dice addio anche quest'anno ai sogni promozione. I ragazzi di mister Rizzo vengono eliminati ai quarti dall'Alessandria, pur avendo superato...

31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Finisce in parità la gara d'andata dei quarti di finale dei playoff, tra Lecce ed Alessandria. Ennesimo pareggio per i salentini, che hanno...

31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Il tecnico Roberto Rizzo ha convocato 22 giocatori per la gara Lecce - Alessandria, andata dei Quarti di Finale dei Play Off, in programma...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner