Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 19:40

Lecce, poker al Catanzaro. Distanze invariate in vetta alla classifica

Lecce, poker al Catanzaro. Distanze invariate in vetta alla classifica

Lecce - Il Lecce surclassa il Catanzaro e resta agganciato alla capolista Benevento. Con un sonoro 4-0, la squadra di mister Braglia si impone nel posticipo del lunedì sera su un avversario mai apparso in partita, in un incontro letteralmente dominato dai padroni di casa. Due reti nel primo tempo ad opera di Moscardelli (in avvio di gara) e Doumbia, più altrettante nella seconda frazione siglate da capitan Papini e Caturano, servono ai salentini per conquistare tre punti fondamentali per rimanere ad un solo punto di distacco dalla vetta della classifica, quando mancano sette giornate al termine del campionato. Da segnalare l'ottima condizione atletica dimostrata dalla formazione allenata da mister Braglia, segnale incoraggiante in vista del finale di torneo.

Piero Braglia torna a sedere sulla panchina giallorossa dopo due truni di squalifica e conferma il 3-4-3 di partenza, riproponendo dal primo minuto il tridente Moscardelli-Doumbia-Surraco; sulla sinistra Legittimo torna titolare, in mediana con Papini, Salvi e Lepore; in difesa, inamovibili Abruzzese, Cosenza e Alcibiade, a far da guardia a Perucchini. Il Catanzaro del tecnico Alessandro Erra si schiera con un classico 4-4-2; tra i calabresi, si accomoda inizialmente in panchina l'acciaccato Razziti, sostituito in avanti dalla punta Mancuso, supportata dal numero 10 Firenze.

Grande partenza del Lecce, che passa dopo appena 2 minuti di gioco con Moscardelli: il bomber giallorosso realizza la settima marcatura stagionale raccogliendo di petto il cross di Surraco e gonfiando la rete in girata di sinistro. I padroni di casa trovano anche il raddoppio un quarto d'ora più tardi, quando al 19' un altro traversone, stavolta proveniente da Salvi, è sfruttato al meglio da Doumbia, che approfitta dell'inconsistenza difensiva della formazione ospite e insacca di potenza sotto la traversa. La gara si mette in discesa per i salentini e prosegue senza emozioni fino al termine della prima frazione.

Nella ripresa l'andazzo del match non cambia. Al 51' Moscardelli sfiora la doppietta colpendo con precisione di testa su palla inattiva, ma il pallone colpisce la base del palo e danza sulla linea di porta prima di essere intercettato dal portiere Grandi. Il terzo gol è solo rimandato: splendida azione del Lecce al 54', avviata da un elegante tocco di Surraco per Lepore, che con una finezza di tacco serve un assist d'oro per l'accorrente Papini, il cui millimetrico e potente diagonale rasoterra si infila nell'angolino alla destra del portiere, non lasciando scampo all'estremo calabrese. Ospiti alla deriva e locali che dilagano, sfiorando la marcatura con Moscardelli e con un Lepore in gran spolvero. La quarta marcatura è nell'aria e giunge al minuto 65' ad opera di Caturano, subentrato poco prima all'ottimo Surraco: l'attaccante sigla il poker con un buon guizzo personale, finalizzando con estrema precisione sul primo palo. Girandola di cambi, che vede l'ingresso di Carrozza e Curiale in luogo di Moscardelli e Doumbia tra le fila di casa e di Olivera e Fulco per Agnello e Foresta nella formazione ospite (Razzitti aveva già rilevato in avvio di secondo tempo Calvarese).

Nel finale il Lecce concede spazio al Catanzaro, che va vicino al gol della bandiera in un paio di circostanze in cui si dimostra però pronto e reattivo Perucchini, per il resto della gara di fatto inoperoso. Ci provano anche Carrozza e Curiale per la squadra di casa, ma il risultato non cambia. Dopo neanche un minuto di recupero, il triplice fischio del direttore di gara certifica il 4-0 finale, per la gioia dei 10mila del "Via del Mare". Sabato prossimo, alla vigilia di Pasqua, i salentini saranno impegnati sul campo di un'altra compagine calabrese, il Cosenza terzo in classifica a 4 punti di distanza dai giallorossi.

Il tabellino di  LECCE - CATANZARO  4 - 0

LECCE (3-4-3): Perucchini, Alcibiade, Legittimo, cap. Papini, Cosenza, Abruzzese, Lepore, Salvi, Moscardelli, Surraco, Doumbia. A disp. Bleve, Liviero, Camisa, Lo Sicco, De Feudis, Carrozza, Caturano, Vecsei, Curiale, Beduschi, Sowe.  All. Braglia

CATANZARO (4-4-2): Grandi, Calvarese, cap. Squillace, Agnello, Ricci, Orchi, Bernardi, Maita, Mancuso, Firenze, Foresta. A disp. Scuffia, Caselli, Barillari, Fulco, Olivera, Garufi, Caruso, Agodirin, Razzitti.  All. Erra

Arbitro: Fabio Piscopo di Imperia. Assistenti: Francesco Rossini di Padova e Davide Marcolin di Schio

Ammoniti: Agnello.

Spettatori: 9953, quota abbonati 6802.

Reti: 2' Moscardelli, 19' Doumbia, 54' Papini, 65' Caturano.

Matteo Sbenaglia


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "SPORT"
04 Giugno 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce dice addio anche quest'anno ai sogni promozione. I ragazzi di mister Rizzo vengono eliminati ai quarti dall'Alessandria, pur avendo superato...

31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Finisce in parità la gara d'andata dei quarti di finale dei playoff, tra Lecce ed Alessandria. Ennesimo pareggio per i salentini, che hanno...

31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Il tecnico Roberto Rizzo ha convocato 22 giocatori per la gara Lecce - Alessandria, andata dei Quarti di Finale dei Play Off, in programma...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner