Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 21 ottobre 2017 - Ore 12:26

Quattro gol ed il Lecce si sbarazza del Melfi

Quattro gol ed il Lecce si sbarazza del Melfi

Lecce - Quattro gol per stendere il Melfi. Al Via del Mare il Lecce conquista il sesto successo su sette partite disputate tra le mura amiche e riesce a dare continuità alla vittoria conseguita una settimana fa sul campo della diretta concorrente Benevento. A dispetto del pesante 4-1 finale, risultato con il quale i giallorossi salentini si sono imposti sui gialloverdi lucani, la gara è risultata tutt'altro che agevole per i giocatori di casa, poco tonici soprattutto ad inizio partita. Merito di una compagine, quella melfitana, ben messa in campo e in grado di esprimere un buon gioco, che per alcuni tratti ha messo in difficoltà Caglioni e compagni. Alla fine, la differenza di valori in campo è emersa in tutto il suo spessore ed il Lecce è salito in cattedra, realizzando 4 reti di ottima fattura e fallendo financo un rigore nel finale con Della Rocca. Una partita ricca di gol ed emozioni, che si è conclusa nel migliore dei modi per i padroni di casa.

Solito 4-3-3 per il Lecce di Franco Lerda, che conferma in blocco l'undici titolare di Benevento, eccezion fatta per lo squalificato Filipe Gomes, sostituito a centrocampo da Lepore. Per il resto, classica difesa a 4 formata da Mannini-Abruzzese-Martinez-Lopez, Papini-Salvi in mezzo al campo e tridente offensivo composto da Moscardelli al centro e Doumbia-Carrozza ai lati. Miccoli si accomoda in tribuna. Il tecnico pugliese Leonardo Bitetto, invece, sceglie per il suo Melfi un inedito 4-1-3-2, col numero 6 Spezzani schierato a far da filtro davanti alla difesa e la coppia d'attacco Caturano-Tortori coadiuvata alle spalle dal fantasista Berardino e dal duo Fella-Agnello.

Nei minuti iniziali appare più tonico il Melfi, che si rende da subito pericoloso con un tentativo dalla distanza di Berardino. Al minuto 8' Walter Lopez, tra l'elenco dei diffidati, rimedia un cartellino giallo per un fallo nella metà campo avversaria che gli costerà la squalifica per la prossima giornata. Gli ospiti sembrano ben ispirati e vanno vicini alla marcatura anche all'11' con un tiro dal limite di Caturano deviato da Caglioni, sulla cui ribattuta si avventa Agnello, ma il suo tentativo di tap-in termina a lato. La prima azione di marca giallorossa giunge al quarto d'ora con un radente di Mannini che colpisce l'esterno della rete. Alla mezz'ora ci prova Moscardelli con un ottimo sinistro al volo da fuori area che finisce non di molto alto sulla traversa. Due minuti più tardi, sul fronte opposto, risponde Tortori con un insidioso calcio di punizione da posizione defilata. Al 38' la bordata di Salvi dai 25 metri non centra il bersaglio. Al 40' il Melfi passa in vantaggio: Lopez si fa beffare da Caturano, che supera troppo facilmente il difensore leccese e libera al tiro il compagno di reparto Berardino, il quale solo davanti a Caglioni non può sbagliare e trafigge l'estremo giallorosso. La reazione dei giocatori di casa non si fa attendere e dopo appena due minuti, al 42', Papini agguanta il pareggio con un tiraccio dal limite e con la grande complicità del portiere Perina, autore di un'autentico "liscio", che si lascia infilare da un tiro potente ma centrale. Allo scadere dei primi 45 minuti Doumbia tenta un delizioso pallonetto, ma il pallone sfiora il palo e si spegne sul fondo. Un primo tempo disputato con maggiore lucidità e ordine dalla formazione lucana si chiude sul punteggio di uno pari. 

La ripresa si apre nel migliore dei modi per i salentini, che trovano il gol del raddoppio dopo appena due giri di lancette: a siglarlo, con un colpo di testa su corner battuto da Carrozza, è il capitano Abruzzese, che si ripete dopo la rete segnata a Benevento. La reazione dei gialloverdi è tutta in un tentativo di Caturano, neutralizzato da Caglioni. Al 53' però i locali trovano la terza marcatura al termine di un'ottima azione manovrata che si conclude con l'assist del solito Carrozza per Moscardelli, che solo davanti alla porta insacca con freddezza, realizzando il quinto gol in campionato ed il 150esimo in carriera. Gran traguardo per un grande attaccante come "Mosca-gol". Il Melfi non ci sta ed al 59' Agnello impegna Caglioni con un potente diagonale, mentre al 61' una poderosa discesa in area di Berardino è stoppata all'ultimo istante dallo stesso numero uno leccese. Ma il match risulta ormai in discesa per i padroni di casa, che non rinunciano ad attaccare ed al 63' vanno vicini al poker, di nuovo con Moscardelli, il cui sinistro stavolta non è preciso. Proprio l'attaccante italo-belga lascia il campo tra gli applausi di tutto lo stadio al 65', in favore di Della Rocca. Pochi secondi più tardi Fella sfiora il palo alla destra di Caglioni. La compagine ospite, indomita, cerca insistentemente la porta avversaria con diverse folate offensive e si rende più volte pericolosa in avanti. Al 74' l'esterno offensivo melfitano Giacomarro rileva Agnello, mentre al 76' ritorna a calcare il rettangolo verde dopo un lungo stop Bogliacino, che subentra a Lepore. Un minuto dopo Amelio entra in luogo di Berardino tra le fila dei lucani. La girandola di cambi non produce effetti. Al minuto 80' il Lecce può usufruire di un calcio di rigore assegnato, forse generosamente, dall'arbitro per un fallo di mano su tiro di Della Rocca: sul dischetto si presenta lo stesso attaccante salentino, la cui battuta risulta però debole e poco angolata e viene bloccata da Perina. Il gol del poker è soltanto rinviato: all'87, infatti, Bogliacino festeggia al meglio il rientro con un rasoterra millimetrico che si insacca nell'angolino basso, per il 4 a 1 finale. 

Finisce quindi con un risultato roboante una partita in realtà ben giocata anche dalla squadra gialloverde lucana, che subisce un passivo forse fin troppo pesante per il gioco espresso in campo. Il Melfi, alla sua prima sconfitta in trasferta, rimane fermo a quota 16 punti in classifica. Il Lecce, invece, fa valere tutto il proprio spessore tecnico e fa suo un incontro tutt'altro che semplice, conquistando così altri tre preziosi punti che proiettano la formazione salentina a quota 31. Moscardelli e compagni nel prossimo turno sono attesi dal derby pugliese contro il Foggia, una delle squadre più in forma del momento, nell'anticipo di venerdì sera allo stadio Zaccheria.

Il tabellino di  LECCE - MELFI  4 - 1

LECCE (4-3-3): Caglioni, Mannini, Matrinez, cap. Abruzzese, Lopez, Lepore (74',Bogliacino), Salvi, Papini, Doumbia, Carrozza (87',Rosafio), Moscardelli (65',Della Rocca). A disp. Petrachi, Donida, Vinetot, Carini.  All. Lerda

MELFI (4-1-3-2): Perina, Guerriera, Pinna, cap. Dermaku, De Filippo, Spezzani, Fella, Agnello (74',Giacomarro), Caturano, Berardino (77',Amelio), Tortori. A disp. Gagliardini, Annoni, Colella, Libutti, Chiumarulo.  All. Bitetto

Arbitro: Colosimo di Torino. Assistenti: Abagnara di Nocera Inferiore e Pepe di Ariano Irpino.

Spettatori: 4083 (di cui 2228 abbonati), con rappresentanza ospite.

Reti: 40' Beradino, 42' Papini, 47' Abruzzese, 53' Moscardelli, 87' Bogliacino.

Matteo Sbenaglia


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "SPORT"
14 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce impatta contro l'Akragas e rallenta, ma non arresta, la propria marcia in campionato. La formazione allenata da Liverani non riesce a...

07 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Quinta vittoria consecutiva per il Lecce, la quarta da quando sulla panchina siede mister Liverani. I giallorossi si impongono realizzando ancora una...

02 Settembre 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce riscatta l'opaco pareggio dell'esordio contro il Francavilla battendo con ampio merito e con una prestazione di carattere il Trapani. I...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner