Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 23 ottobre 2017 - Ore 02:47

Archiviata la posizione di Miccoli nell'inchiesta su schede sim

Archiviata la posizione di Miccoli nell'inchiesta su schede sim

Lecce - Nessun rinvio a giudizio per Fabrizio Miccoli. Il calciatore salentino è stato prosciolto dall'accusa di accesso abusivo a sistema infromatico, presunto reato per cui era stato indagato in concorso con il gestore di un centro autorizzato Tim di Palermo. Miccoli era sospettato di aver acquistato quattro schede telefoniche sim intestate ad ignari cittadini, una delle quali sarebbe poi finita nella disponibilità di Mauro Lauricella - figlio del noto boss mafioso Antonio - oltre che di aver avuto accesso in maniera illecita al sistema informatico Tim, ai tempi in cui era capitano della squadra rosanero. Dopo mesi di una lunga indagine cominciata nel 2013, la richiesta di archiviazione presentata dalla Procura Distrettuale Antimafia è stata dunque accolta dal Gip del Tribunale del capoluogo siciliano, Giangaspare Camerini, per il quale non sono emersi elementi e prove sufficienti per sostenere l'accusa e per arrivare a processo. A rendere nota la notizia riportata dalla "Gazzetta dello Sport", è stato il legale del giocatore, avvocato Gianpiero Orsini, il quale ha affermato che "Miccoli ha sempre cercato di dimostrare la propria estraneità ai fatti, confidando nella Giustizia e dimostrando da subito grande collaborazione"; "Questa decisione - ha poi proseguito il legale - restituisce dignità e la giusta serenità a Fabrizio". Grande soddisfazione è stata espressa anche da parte del procuratore del fuoriclasse salentino, Francesco Caliandro.

Dopo il proscioglimento dell'asso leccese del calcio in sede di Giustizia Sportiva a seguito delle frasi ingiuriose rivolte alla memoria del giudice Falcone in una conversazione privata - captata in un'intercettazione proprio nell'ambito di tali indagini e di cui il calciatore si è subito scusato in pubblico, tramite un'apposita conferenza stampa - ecco che giunge il definitivo epilogo della vicenda, ora totalmente archiviata anche dal punto di vista penale. Una vera e propria liberazione per Fabrizio Miccoli, che dopo aver vestito le maglie di Benfica, Juventus, Fiorentina e Palermo (per citare solo i club più blasonati in cui ha militato) sta concludendo la sua prestigiosa carriera da calciatore nella squadra della propria città, il Lecce.

Matteo Sbenaglia


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "SPORT"
14 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce impatta contro l'Akragas e rallenta, ma non arresta, la propria marcia in campionato. La formazione allenata da Liverani non riesce a...

07 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Quinta vittoria consecutiva per il Lecce, la quarta da quando sulla panchina siede mister Liverani. I giallorossi si impongono realizzando ancora una...

02 Settembre 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce riscatta l'opaco pareggio dell'esordio contro il Francavilla battendo con ampio merito e con una prestazione di carattere il Trapani. I...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner