Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 19 ottobre 2017 - Ore 05:34

Lecce, che colpo! Dopo Salerno espugnata anche Benevento

Lecce, che colpo! Dopo Salerno espugnata anche Benevento

Lecce - Gran colpo del Lecce, che si aggiudica meritatamente il big-match contro il Benevento. Allo stadio Ciro Vigorito gli uomini di mister Lerda mettono in scena la partita perfetta, andando in vantaggio di due gol dopo appena 18 minuti di gioco e dominando di fatto l'avversario per tutto il prosieguo della gara. Unico neo nella prestazione della formazione salentina, il gol subìto per una disattenzione a dieci minuti dal termine: a quel punto, il timore di una ripetizione del finale sciagurato della partita contro il Catanzaro, con la beffa nei minuti di extra-time, si è fatto strada tra i tifosi leccesi presenti allo stadio e non solo; ma stavolta Caglioni e compagni sono rusciti a difendere l'importantissimo risultato, portando a casa i tre punti. Con le reti realizzate da Salvi e Abruzzese, i giallorossi si sono imposti per 2 a 1 sugli stregoni campani. Il Lecce, dunque, espugna anche Benevento e bissa così il successo conseguito a Salerno circa un mese fa, dando un segnale fortissimo al campionato. Vincere fuori casa, sui campi di due delle formazioni più accreditate alla vittoria finale del torneo, non è impresa di poco conto.

Franco Lerda, per il suo Lecce, sceglie di puntare sul collaudato modulo del 4-3-3. Nella formazione titolare, l'unico reparto ad essere confermato al completo è quello arretrato, con Caglioni tra i pali e la difesa a 4 composta da Mannini, Abruzzese, Martinez e Lopez; rivoluzione a centrocampo, dove si rivede la coppia Salvi-Papini, affiancata dal play-maker Filipe Gomes; il tridente offensivo è formato da Moscardelli al centro e Doumbia-Carrozza ai lati. Della Rocca e Miccoli si accomodano in panchina. Le scelte del tecnico piemontese, giustamente criticato per gli errori di una settimana fa, questa volta si riveleranno vincenti. Il tecnico dei campani, Fabio Brini, deve far fronte a numerose assenze ed opta per il classico 4-4-2, in cui il duo d'attacco Marotta-Eusepi è coadiuvato sulle fasce da Campagnacci ed Alfageme. Il terzino croato Celjiak, squalificato, è sostituito da Padella.

La partenza di Moscardelli e compagni risulta devastante. Il primo affondo della gara è per gli ospiti e giunge dopo 10 minuti di gioco con un colpo di testa Papini su azione da corner. Al 12' il risultato si sblocca grazie a Salvi, che corona al meglio il suo rientro da titolare dopo un mese di stop: il centrocampista leccese lascia partire un potente e preciso destro dalla distanza che sorprende Pane e si insacca alla destra del portiere, portando in vantaggio il Lecce. Il Benevento subisce il colpo ed appare in confusione, mentre i salentini continuano a spingere ed al 17' trovano il raddoppio: traversone da sinistra di Carrozza sul secondo palo, Moscardelli di testa colpisce il legno e sulla ribattuta Abruzzese è lesto a ribadire in rete, siglando la marcatura dello 0-2. Partenza micidiale per la compagine pugliese. La reazione dei padroni di casa arriva al 26' con un tentativo ravvicinato di Lucioni su traversone di Campagnacci. Al 34' doppia occasione per i sanniti, vicini al gol prima con una discesa in area di Marotta, poi con il colpo di testa di Scognamiglio, alto sopra la traversa. Tre minuti più tardi Doumbia impegna il portiere Pane ad una deviazione difficile in corner. L'allenatore Brini cambia le carte in tavola al 38', inserendo l'attaccante Mazzeo al posto del centrocampista Vitiello e passando ad un più offensivo 4-3-1-2, con il neoentrato che si va a schierare alle spalle delle due punte. I giallorossi locali reclamano il rigore al 40' per un fallo di mano di Abruzzese in area, non punito dal direttore di gara. Allo scadere dei primi 45 minuti il Lecce è avanti di due gol.

Nel secondo tempo i sanniti si riversano in avanti ed al 51' Marotta non sfrutta al meglio il suggerimento rasoterra di Padella, consentendo il recupero ai difensori ospiti. Si creano ampi spazi per le ripartenze leccesi, come al 54', quando Moscardelli spreca l'occasione per chiudere il conto: su di lui, ottima chiusura in uscita dell'estremo difensore beneventano. I campani non incidono, dimostrando poca aggressività, mentre la formazione leccese, forte di un coperto 4-5-1 in fase di non possesso-palla, cerca di gestire il risultato, mantenendo basso il ritmo dell'incontro e provando a colpire in contropiede. Al minuto 68' Della Rocca prende il posto di un affaticato Moscardelli. Proprio il neoentrato attaccante pugliese è autore di una bella girata al volo al 74', ma il pallone si spegne sul fondo. Il Benevento non punge e allora ad un quarto d'ora dal termine mister Brini manda in campo la punta Kanoute in luogo del mediano Agyei. La squadra di casa non riesce a rendersi pericolosa, eccetto che in un'unica occasione in cui la retroguardia ospite si lascia trovare sguarnita: è il minuto 80', quando su una sventagliata di Campagnacci il terzino Padella è lasciato solo in area e, totalmente indisturbato, colpisce di testa spedendo la sfera alle spalle di Caglioni, dimezzando così lo svantaggio. Mister Lerda decide di coprirsi ed all'84' inserisce il difensore Vinetot al posto di Papini. Un minuto dopo, terzo cambio tra le fila leccesi, con Lepore che subentra a Salvi. All'89' il Lecce rimane in inferiorità numerica per l'epulsione rimediata da Filipe Gomes per doppio cartellino giallo. Forcing dei locali nei 4 minuti di recupero, coi tentativi di Lucioni in acrobazia e di Marotta allo scadere, non andati a buon fine. 

Con grande sofferenza nel finale, il Lecce conquista così un preziosissimo e meritato successo sul campo della diretta concorrente Benevento -che incassa la prima sconfitta in campionato- e riscatta il pareggio rimediato nei minuti di recupero sabato scorso col Catanzaro. Ora la compagine sannita dista solo una lunghezza in classifica, che vede la Salernitana capolista con 31 punti, seguita da Juve Stabia e Benevento a 29 e dal Lecce a quota 28. Gran colpo, per i giallorossi salentini, che sabato prossimo ospiteranno al Via del Mare il Melfi, vittorioso nella giornata odierna contro la Casertana. Il campionato del Lecce prosegue nel verso giusto.

Il tabellino di  BENEVENTO - LECCE  1 - 2

BENEVENTO (4-4-2): Pane, Pezzi, cap. Scognamiglio, Lucioni, Padella, Agyei (75',Kanoute), Vitiello (38',Mazzeo), Alfageme, Campagnacci, Marotta, Eusepi. A disp. Layeni, Bassini, Frasciello, Allegretti, D'Angelo, Mazzeo.  All. Brini

LECCE (4-3-3): Caglioni, Mannini, cap. Abruzzese, Martinez, Lopez, Filipe Gomes, Papini (84',Vinetot), Salvi (86'Lepore), Carrozza, Doumbia, Moscardelli (68',Della Rocca). A disp. Petrachi, Donida, Bogliacino, Miccoli.  All. Lerda

Arbitro: Baroni di Firenze. Assistenti: Galetto di Rovigo e Baccini di Conegliano

Angoli: 5 a 4 per il Benevento.  Espulso Filipe Gomes al minuto 89'

Reti: 11' Salvi, 17' Abruzzese, 80' Padella

Matteo Sbenaglia


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "SPORT"
14 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce impatta contro l'Akragas e rallenta, ma non arresta, la propria marcia in campionato. La formazione allenata da Liverani non riesce a...

07 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Quinta vittoria consecutiva per il Lecce, la quarta da quando sulla panchina siede mister Liverani. I giallorossi si impongono realizzando ancora una...

02 Settembre 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce riscatta l'opaco pareggio dell'esordio contro il Francavilla battendo con ampio merito e con una prestazione di carattere il Trapani. I...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner