Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 18 novembre 2017 - Ore 07:40

Il Lecce cade in riva allo Stretto: tre sberle dal Messina

Il Lecce cade in riva allo Stretto: tre sberle dal Messina

Lecce - Trasferta amara in riva allo Stretto per il Lecce. A Messina, Caglioni e compagni rimediano tre sonore "sberle" ed incassano la seconda sconfitta stagionale in sette partite, in una gara in cui speravano, al contrario, di conquistare il primo successo fuori casa. La compagine siciliana si impone con un secco 3 a 1, risultato da considerarsi fin troppo pesante per i salentini, i quali, però, in fin dei conti sembrano "meritare" la sconfitta, contro una formazione dallo spessore tecnico di gran lunga inferiore e che, per giunta, navigava a dir poco in cattive acque, come dimostrano i numeri delle tre sconfitte nelle ultime tre partite. Senza dubbio, determinante per l'esito finale della gara risulta l'espulsione rimediata sul finire del primo tempo da Walter Lopez, che lascia i compagni in inferiorità numerica a causa di una reazione troppo nervosa ed evitabile nei confronti di un avversario, a seguito della quale si vede sventolare il cartellino rosso da parte dell'arbitro. Eppure, il Lecce aveva cominciato nel migliore dei modi il match, passando in vantaggio grazie ad un bellissimo gol di Moscardelli. La buona prestazione della punta giallorossa, però, non basta alla squadra per evitare la dèbacle. Nella seconda frazione, le marcature di Orlando, Corona e Pepe ribaltano il risultato e sanciscono la vittoria dei padroni di casa, che si risollevano in tal modo dalla crisi in cui erano sprofondati. Il Lecce, invece, perde una buona occasione per conquistare i primi tre punti lontano dalle mura amiche; il ruolino di marcia fuori casa della squadra di mister Lerda continua a lasciare a desiderare.

CRONACA: Allo stadio San Filippo si affrontano la difesa più battuta del campionato (14 reti al passivo per il Messina, di cui 12 subite in casa) e quella più solida (granitica la retroguardia pugliese, che finora ha subìto solo 2 gol nella gara iniziale contro la Lupa Roma). Il tecnico Franco Lerda, rientrante in panchina dopo la squalifica di quattro mesi, deve fare a meno di capitan Miccoli e del difensore Abruzzese e si affida ad un classico 4-4-2, in cui spicca la presenza del leccese doc Francesco Lepore, anch'egli rientrante dopo una lunghissima squalifica, schierato titolare sulla fascia destra. In attacco, spazio alla coppia Della Rocca-Moscardelli. L'allenatore dei siciliani, Grassadonia, sceglie invece un 3-5-2 in chiave difensiva, per arginare le falle che hanno portato la formazione biancoscudata ad imbarcare la bellezza di 11 gol nelle ultime tre giornate.

Partenza eccezionale per il Lecce, che sblocca il risultato dopo appena tre giri di lancette grazie ad un gol straordinario di Moscardelli, che insacca con uno splendido sinistro al volo da fuori area: il pallone a spiovere si va ad insaccare sotto l'incrocio dei pali, battendo l'incolpevole portiere messinese. Prima marcatura stagionale per bomber "mosca-gol", che si sblocca nel migliore dei modi. La reazione dei padroni di casa giunge al 10' con un tiro a giro di Corona che termina di poco a lato. Al quarto d'ora, ottima azione manovrata confezionata sulla destra dal duo Lepore-Mannini, con cross basso in favore di Della Rocca, la cui girata al volo finisce fuori bersaglio. Al 20' il tiro al volo di Lepore colpisce l'esterno della rete. Al 31' percussione sulla destra di Mannini, il cui tiro-cross viene deviato in angolo. Lo stesso centrocampista giallorosso si ripete al 37', ma il suo destro di prima intenzione sfiora soltanto il palo. E' dal settore di destra che nascono quasi tutte le azioni degli ospiti. Al 43' una grossolana ingenuità di Lopez costringe il Lecce a disputare il resto della partita in inferiorità numerica: l'uruguagio, troppo nervoso, reagisce con una gomitata ad una provocazione di un avversario e viene espulso dal direttore di gara. Proprio allo scadere Moscardelli ci riprova da fuori, ma stavolta il suo sinistro finisce tra le braccia di Iuliano. Il primo tempo si chiude con i salentini meritatamente in vantaggio di un gol, ma costretti a disputare i secondi 45 minuti in dieci uomini.

Nell'intervallo resta negli spogliatoi Franco Lepore, sostituito dal difensore centrale Carini. L'avvio di ripresa è uno shock per il Lecce, che subisce il pareggio dopo appena venti secondi dalla ripresa delle ostilità: l'esterno messinese Orlando è lesto ad approfittare della scarsa attenzione della retroguardia pugliese e trafigge Caglioni, il quale perde l'imbattibilità che durava da cinque turni. 49', primo cambio in casa Messina, con Bonanno che fa spazio a Pepe. I locali prendono coraggio e sulle ali dell'entusiasmo si riversano in attacco. Al 54' Corona si vede annullare un gol per evidente posizione di off-side; ma è il preludio al raddoppio, che viene siglato al 56' dallo stesso Corona: l'attaccante ribadisce in rete il pallone che aveva colpito la traversa sul tentativo di anticipo di Sacilotto, su un traversone da destra, portando il punteggio sul 2-1. Al 60' Carrozza subentra ad uno spento Doumbia. 65', calcio di punizione di Moscardelli da buona posizione, fuori. Sempre Moscardelli prova a risolvere la situazione da solo ed una sua ottima girata al 69' finisce di pochissimo sopra la traversa. Papini e compagni risentono dell'uomo in meno e non riescono ad imbastire trame di gioco incisive, mentre i siciliani si accontentano di difendere il vantaggio. Al 74' Lerda gioca l'ultima carta a disposizione, mandando in campo Filipe Gomes al posto di Salvi, mentre tra i giocatori di casa Izzillo rileva Nigro. All'81 fa il suo ingresso anche Paez, che prende il posto dell'autore del primo gol messinese Orlando. Il Lecce si proietta generosamente in avanti, senza però concretizzare. Il Messina, invece, arrotonda addirittura il risultato all'86' col neoentrato Pepe, che trasforma nel migliore dei modi un calcio di punizione dal limite e realizza, così, il gol del definitivo 3 a 1. C'è tempo per una conclusione di Carrozza che si spegne tra le braccia dell'estremo difensore Iuliano e per un pallonetto abbondantemente alto di Moscardelli, che nell'occasione prende anche un cartellino giallo per aver stoppato il pallone con un braccio.

Finisce così una partita persa male dal Lecce, che torna dall'amara trasferta in Sicilia a bocca asciutta e incassa la seconda sconfitta in campionato, rimanendo fermo a 11 punti in classifica, mentre il Messina sale a quota 7. La compagine salentina nel prossimo turno dovrà vedersela in casa con una delle formazioni più in forma del momento, ossia la Casertana vittoriosa per 1 a 0 nell'anticipo del venerdì contro il Matera. L'appuntamento è per sabato prossimo, alle ore 14.30, al Via del Mare. In settimana, Lerda e i suoi uomini avranno di che riflettere su una prestazione decisamente negativa, non soltanto per il risultato.

Tabellino di MESSINA - LECCE  3 - 1

MESSINA (3-5-2): Iuliano, Benvenga, Silvestri, Bucolo, Altobello, Stefani, Orlando (81',Paez), Nigro (74',Izzillo), Corona, Bonanno (49',Pepe), Damonte. A disp: Lagomarsini, Cane, Marin, De Bode.  All. Grassadonia

LECCE (4-4-2): Caglioni, Mannini, Lopez, Papini, Martinez, Sacilotto, Lepore (45',Carini), Salvi (74',Filipe Gomes), Della Rocca, Moscardelli, Doumbia (60',Carrozza). A disp: Petrachi, Donida, Rosafio, Rullo. All. Lerda 

Reti: 4' pt Moscardelli, 45' Orlando, 56' Corona, 86' Pepe.

Espulso: 43' Lopez.

Ammoniti: 13' Salvi, 68' Mannini, 71' Orlando, 91' Moscardelli.

Recupero: 2 min pt, 4 min st

Arbitro: Alessandro Caso di Verona

Assistenti: Damiano Margani di Latina e Michele Grossi di Frosinone.

Matteo Sbenaglia


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "SPORT"
30 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Successo sofferto e fondamentale per il Lecce. La compagine salentina riesce ad avere la meglio sul Cosenza grazie ad un'autentica prodezza del...

14 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce impatta contro l'Akragas e rallenta, ma non arresta, la propria marcia in campionato. La formazione allenata da Liverani non riesce a...

07 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Quinta vittoria consecutiva per il Lecce, la quarta da quando sulla panchina siede mister Liverani. I giallorossi si impongono realizzando ancora una...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner