Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 19 ottobre 2017 - Ore 02:10

Il Lecce espugna Prato e resta in corsa. Tripletta di Barraco

Il Lecce espugna Prato e resta in corsa. Tripletta di Barraco

Lecce - Stavolta la trasferta toscana risulta positiva per il Lecce. A differenza di quanto accaduto due settimane fa a Viareggio, i giallorossi scendono in campo a Prato con l'approccio giusto e riescono a regolare un avversario ostico, nonostante le pesanti assenze a cui deve far fronte la formazione salentina, priva soprattutto del bomber Miccoli. A siglare una tripletta in questo caso ci pensa Barraco, che riesce nella difficile impresa di non far rimpiangere l'attaccante di San Donato. Il Lecce si aggiudica così per 3 a 1 un incontro segnato tra l'altro dalle espulsioni nella squadra toscana, che chiude la gara in otto; un successo che consente alla formazione leccese di mantenere il passo del duo Perugia-Frosinone.

Giornata grigia e piovosa in terra toscana. Allo stadio comunale Lungobisanzio il terreno è appesantito dalla forte pioggia caduta fino a pochi istanti prima del fischio d'inizio. Il Lecce deve fare a meno del proprio capitano, Fabrizio Miccoli, appiedato dal giudice sportivo, così come il difensore Abruzzese. Rimangono in "infermeria" gli infortunati Amodio, Bogliacino e Bellazzini, mentre tornano a disposizione dell'allenatore giallorosso Zigoni (che si accomoda inizialmente in panchina) e Doumbia (schierato titolare). Il tecnico di Fossano si affida così ad una sorta di 4-4-1-1, con Beretta unica punta, sostenuto e coadiuvato alle spalle da Barraco; confermato tra i pali Caglioni, la difesa è composta da Lopez, Vinetot (entrambi al rientro dopo la squalifica), Martinez e Sales; mentre a centrocampo alla solida coppia centrale formata da Papini e Salvi, si affiancano Ferreira Pinto e Doumbia sulle fasce. L'allenatore dei pratesi, Esposito, opta per un ordinato 3-4-1-2.

Nei primissimi minuti di gioco i biancazzurri locali, alla ricerca di punti utili per la corsa ai play-off, mostrano grande agonismo e lasciano intendere che per i salentini non sarà una gara facile. Sono gli ospiti, però, a rendersi insidiosi per primi con un cross di Barraco per Beretta, il quale di testa non riesce ad imprimere la giusta forza al pallone. Lo stesso attaccante giallorosso subisce un'ammonizione ingiustificata per proteste al 17', dopo aver subito un blocco irregolare ad opera di un difensore avversario. Al 23' tiro al volo di Salvi su servizio di Beretta, ma il portiere Brunelli si distende e devia in corner. Sugli sviluppi del calcio d'angolo la palla giunge sul secondo palo, dove Sales viene atterrato con una trattenuta da Romanò: l'arbitro Piscopo della sezione di Imperia, dopo essersi consultato a lungo col collaboratore di linea, decreta il penalty e decide di espellere il difensore Malomo (per errore, avendolo confuso con l'autore del fallo). Il calcio di rigore viene trasformato da Barraco. Al 27' i giallorossi si trovano così in vantaggio e con un uomo in più. L'allenatore Esposito prova a correre ai ripari inserendo Mancini al posto di un contrariato Magnaghi. I toscani tentano ammirevolmente di proiettarsi in avanti, ma la disparità numerica si fa sentire e la gara sembra essere in discesa per la compagine pugliese, che controlla il risultato senza troppi affanni. Al 45' Doumbia torna a farsi vedere con una delle sue poderose discese sulla fascia, entra in area e lascia partire un tiro cross deviato abilmente dall'estremo toscano. Quella del francese è una freccia micidiale che per troppo tempo è mancata all'arco di mister Lerda. Il primo tempo si conclude con gli ospiti in vantaggio di un gol.

La seconda frazione si apre con un approccio aggressivo della coriacea formazione pratese, alla ricerca di un pareggio difficile da agguantare. Dopo 8 minuti il destro al volo del centrocampista Serrotti finisce non lontano dalla porta difesa da Caglioni. Due minuti dopo sono i salentini a rendersi pericolosi con un'ottima combinazione tra Ferreira Pinto e Beretta, stoppata con tempestività dal portiere Brunelli. Al 16' arriva il raddoppio del Lecce, ancora una volta con Barraco che, servito dall'ottimo Salvi, realizza la doppietta personale con un preciso diagonale destro che si va ad insaccare nell'angolino basso. Un minuto dopo Lerda decide di far rifiatare Ferreira Pinto, inserendo al suo posto Rullo, anche per fornire maggiore copertura in difesa del doppio vantaggio. Ma il Prato non sta a guardare e dapprima va vicino alla marcatura al 18' con un tiro di De Agostini respinto da Caglioni, poi trova la segnatura dopo un ulteriore giro di lancette, con Pisanu (subentrato a Romanò) che è lesto a raccogliere la palla dopo un'incertezza del portiere leccese su un cross rasoterra giunto dalla destra. Distanze dimezzate. Passano appena tre minuti e il risultato cambia nuovamente in favore dei salentini: è il 23' quando Barraco, in giornata di grazia, sfrutta uno svarione clamoroso di Brunelli e va a realizzare il terzo gol, per il 3 a 1 finale. Al 26' l'autore della tripletta Barraco lascia il campo in favore del rientrante Zigoni, tra gli applausi del nutrito gruppo di supporters salentini presenti allo stadio. Ad un quarto d'ora dal termine, invece, Diniz subentra a Doumbia; senz'altro positivo il rientro del francese del Lecce. Per i padroni di casa, la gara prosegue nel peggiore dei modi, con un'ulteriore espulsione ai danni di Mancini per fallo da ultimo uomo, a cui si va ad aggiungere in pieno recupero quella del portiere Brunelli, autore di un fallo in area su Zigoni. Il calcio di rigore seguente viene battuto e sbagliato da Beretta, che spedisce il pallone abbondantemente alto sopra la traversa.

Si conclude così una partita ricca di emozioni, soprattutto in un secondo tempo a dir poco rocambolesco. La squadra giallorossa conquista un'importante vittoria in trasferta che le consente di raggiungere quota 52 in classifica, mantenendo invariate le distanze di un punto dal Perugia (vittorioso in casa contro la Paganese) e di sei lunghezze dalla capolista Frosinone (che espugna il campo del Gubbio). I salentini, inoltre, sanno di poter già contare sui tre punti che conquisteranno a tavolino domenica prossima, per il match che non si disputerà contro la Nocerina, società estromessa dal torneo.

Matteo Sbenaglia


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "SPORT"
14 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce impatta contro l'Akragas e rallenta, ma non arresta, la propria marcia in campionato. La formazione allenata da Liverani non riesce a...

07 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Quinta vittoria consecutiva per il Lecce, la quarta da quando sulla panchina siede mister Liverani. I giallorossi si impongono realizzando ancora una...

02 Settembre 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce riscatta l'opaco pareggio dell'esordio contro il Francavilla battendo con ampio merito e con una prestazione di carattere il Trapani. I...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner