Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 23:23

Questo Lecce non finisce di deludere: l'incubo continua

Questo Lecce non finisce di deludere: l'incubo continua

Lecce - Piove sul bagnato in casa giallorossa. Sotto il diluvio di Perugia, il Lecce rimedia la quinta sconfitta consecutiva e, soprattutto, l'ennesima figuraccia. Al "Renato Curi" finisce 2 a 0 per i padroni di casa, sotto una forte pioggia che si abbatte su un terreno di gioco molto appesantito e che negli ultimi minuti risulta ai limiti della praticabilità, ma che comunque resiste fino alla fine. Chi non resiste per nulla, invece, è la formazione giallorossa, in balia degli eventi e che continua a regalare umiliazioni su umiliazioni alla propria tifoseria. Come si evince a un quarto d'ora dalla fine, quando gli olè del pubblico di casa sottolineano la melina dei giocatori perugini nei confronti della compagine salentina, rimasta in dieci per una sciagurata espulsione rimediata nel primo tempo e che,sotto di due gol,sembra proprio un toro ferito e in attesa di essere "matato".

Sorge spontaneo domandarsi quanti bocconi amari dovrà ancora mandar giù una intera piazza, che per giunta è stata tacciata di non essere più all'altezza della serie a. A tal proposito, unica nota positiva del grigio pomeriggio è la presenza di un nutrito gruppo di supporters salentini,entrati nello stadio dopo mezz'ora dal fischio d'inizio, ed encomiabili come sempre.
Pare legittimo chiedersi quanto ancora questo club dal glorioso passato -recente e non- possa sprofondare.

Intanto, il ritorno in panchina di Lerda al posto dello sfortunato Moriero non ha portato quella svolta immediata che si sperava. Anche se, va detto, è troppo presto per poter giudicare il lavoro del tecnico piemontese, il cui compito di provare a trovare il bandolo della matassa appare quantomai arduo. E anche i nuovi innesti, da Lopez ad Amodio a Sacilotto, non sembrano essere così risolutivi; ma per poter esprimere un parere completo e obiettivo, bisognerà vedere all'opera i nuovi arrivati nelle prossime gare. Di sicuro, la partita di oggi conferma, semmai ce ne fosse bisogno, tutti i limiti di un organico sul cui scarso valore tecnico complessivo ormai sono in pochi a nutrire dei dubbi.

Del resto,quale possa essere l'andazzo del match lo si intuisce immediatamente. Dopo appena 1 minuto e 11 secondi,infatti, il Perugia passa in vantaggio alla prima azione utile: discesa sulla sinistra e passaggio all'indietro per Nicco, che dal limite dell'area lascia partire un destro sporco che si insacca nell'angolo basso. Difesa completamente imbambolata e colta di sorpresa, come se i difensori giallorossi non avessero sentito la sveglia stamattina e stessero ancora dormendo. Il secondo gol degli umbri é un'altra situazione emblematica: un lancio che sembra innocuo diventa una ghiotta occasione per Fabinho, che si invola in area di rigore grazie ad un controllo sballato da parte di Melara, il quale completa l'opera falciando l'attaccante biancorosso. Il pasticcio è completo: espulsione per il giallorosso e rigore trasformato da Eusepi, che spiazza Perucchini. Al 36',quindi, la gara sembra già conclusa, dopo qualche azione degna di nota da parte del Lecce, che cerca di reagire al gol iniziale. Ma il raddoppio perugino (dopo diverse occasioni da gol per gli umbri) spezza le gambe ai ragazzi di mister Lerda,rimasti in inferiorità numerica. Nella seconda frazione di gioco la musica non cambia e la girandola di sostituzioni non serve a nulla. La formazione di casa esprime un bel gioco,nonostante il prato sempre più appesantito, e a tratti sembra un calcio spumeggiante, quasi da nazionale brasiliana, in confronto alla pochezza degli ospiti. La partita si conclude dopo sei minuti di recupero, sotto un temporale e un cielo plumbeo. Così come plumbeo è, inevitabilmente, l'umore in tutto l'ambiente giallorosso.

PERUGIA: Koprivec, Daffara, Vitofrancesco (Mungo al 43' st), Nicco (Moscati al 14' st), Eusepi, Fabinho, Insigne (Mazzeo al 18' st), Sini, Filipe, Comotto, Scognamiglio.

LECCE: Perucchini, (Doumbia al 37' st) Melara, Amodio, Salvi (Sacilotto al 21' st), Sales, Martinez, Diniz, Ferreira Pinto, Lopez, Bellazzini, Beretta (Zigoni al 15' st).

reti: 2'Nicco, 36'Eusepi (su rigore)

ARBITRO: Cifelli di Campobasso.

Espulso: Melara.
Ammoniti: Nicco, Lopez, Scognamiglio, Bellazzini, Diniz e Amodio.
Corner: 6 a 4 per il Perugia

Matteo Sbenaglia


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "SPORT"
04 Giugno 2017 - Lecce

Lecce - Il Lecce dice addio anche quest'anno ai sogni promozione. I ragazzi di mister Rizzo vengono eliminati ai quarti dall'Alessandria, pur avendo superato...

31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Finisce in parità la gara d'andata dei quarti di finale dei playoff, tra Lecce ed Alessandria. Ennesimo pareggio per i salentini, che hanno...

31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Il tecnico Roberto Rizzo ha convocato 22 giocatori per la gara Lecce - Alessandria, andata dei Quarti di Finale dei Play Off, in programma...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner