Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 24 novembre 2017 - Ore 21:39

Melica: "L'Udc presenterà un'interrogazione al ministero"

Melica: "L'Udc presenterà un'interrogazione al ministero"

Lecce - L’Udc presenterà un’interrogazione parlamentare al Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, volta a conoscere la regolarità e la completezza della documentazione presentata dal Comune di Lecce, in merito al sistema di trasporto ecocompatibile realizzato dall’amministrazione comunale.

 “Appare davvero strano – obietta il capogruppo Luigi Melica – che si passi da una situazione in cui, dapprima la Commissione governativa di Alta Vigilanza, poi il CIPE ed infine il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti abbiano intimato al Comune di Lecce di predisporre un documento di programmazione certa sull'attivazione delle Linee 1 e 2, e che, una volta scaduti i termini entro i quali far pervenire tale documentazione, addirittura, il Ministero abbia trasmesso gli atti alla Procura della Corte dei Conti (marzo 2011), per poi, improvvisamente, tornare ad un clima disteso e ad una ritrovata tranquillità. Nella seduta di ieri, infatti, al cospetto della Commissione controllo, il dirigente comunale ai Trasporti, Sergio Aversa, ha assicurato che il Comune di Lecce non dovrà restituire i 12 milioni di euro di finanziamento statale. Tale sicurezza deriverebbe dall’ultimo incontro intercorso il 29 luglio 2012 tra lo stesso dirigente e il sindaco Perrone, da una parte, con il direttore generale del Dipartimento del Trasporto pubblico locale Di Giambattista”.

"A fronte dunque di prescrizioni puntualissime e stringenti pervenute al Comune sino al Marzo 2011, è oggi sufficiente" – osserva Melica – quanto inviato dal Comune al Ministero con la missiva del 10.09.2012, ossia la mera attestazione dell’avvenuto ripristino funzionale di soli due filobus.

“L’Udc vuole rassicurare sino in fondo i contribuenti leccesi e pertanto presenterà un’interrogazione parlamentare al ministero ai Trasporti, al fine di conoscere se effettivamente è scongiurato il rischio di dover restituire 12 milioni di euro al Ministero.  Noi siamo convinti che il Filobus non entrerà mai a regime perchè il Sindaco Perrone è il primo a non volerlo; senza sottacere, come pure emerso in Commissione, che, in ogni caso, senza la chiusura del centro alle autovetture la tutela della salute dei cittadini è solo una chimera vanificandosi, quindi, l'intera finalità alla base del finanziamento ministeriale. Non credo fossero queste le intenzioni originarie della sua più fervente sostenitrice, ovvero la senatrice e allora sindaco di Lecce, Adriana Poli Bortone”, conclude Melica.

"Se poi il Ministero, rispondendo all'interrogazione parlamentare, riterrà che il rischio di restituire il contributo è tutt'altro che scongiurato, allora il nuovo debito diverrà la causa del commissariamento del Comune dato che è noto a tutti che non esiste un euro in cassa.

 

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner