Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 24 agosto 2017 - Ore 01:28

Negro: "L'appello del Papa non cada nel vuoto"

Negro: "L'appello del Papa non cada nel vuoto"

Taranto - “La contrapposizione sulla vicenda dell’Ilva non porta da nessuna parte. Lo ha detto anche il Papa. Oggi, ognuno di noi è chiamato a fare la sua parte, perché non si può assistere inermi al dramma di 12mila lavoratori e delle loro famiglie oltre e perché conciliare tutela dell’ambiente e lavoro è possibile”.Ad affermarlo, è il presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro che è tornato ad esprimere solidarietà ai lavoratori e ai dirigenti della più grande acciaieria d’Europa e si è detto preoccupato per l’evolversi della situazione dopo il sequestro del polo industriale disposto dalla magistratura. 

“Ci auguriamo che almeno l’appello del Santo Padre non cada nel vuoto – ha auspicato il capogruppo Udc – Governo e Istituzioni e la politica tutta devono fare la propria parte per individuare la soluzione più adeguata che porti a salvaguardare i livelli occupazionali e a tutelare il martoriato ambiente dell’area ionica. A tal proposito mi preme sottolineare anche la grande attenzione che sta dedicando la dirigenza nazionale dell’Udc e in particolare il presidente Casini alla questione Ilva di Taranto”.


“Abbiamo un grande rispetto per il lavoro della magistratura e siamo certi che sta procedendo nel rispetto della legge e nell’interesse della città – ha continuato il presidente Negro – ma auspichiamo che si tenga anche conto del difficile contesto economico che stiamo vivendo e delle conseguenze catastrofiche che potrebbero riversarsi sulla città e sull’intera nazione se si dovesse procedere allo spegnimento dell’Ilva. Siamo perciò in sintonia con l’appello del Presidente Nazionale Udc, Rocco Buttiglione, affinché la magistratura non sia sorda al grido d’allarme sulle conseguenze economiche e sociali delle proprie decisioni e sia più sensibile alla dimensione economica ed al valore sociale dell’impresa. Allo stesso tempo auspichiamo che siano tenuti in considerazione gli sforzi del Governo nazionale e delle Istituzioni regionali rivolte alla bonifica e alla salvaguardia dell’ambiente della città ionica. Siamo certi che con il concorso di tutti – ha concluso – i due principi costituzionalmente garantiti, diritto alla salute e diritto all’ambiente, potranno essere attuati in Puglia”.

Azzurra Monaco


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner