Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 04:04

Il movimento G.d. del Salento contesta il Governo Monti

Il movimento G.d. del Salento contesta il Governo Monti

Lecce - Il Governo ha approvato il Decreto 68 con il quale la Tassa A.Di.Su passa da 77 a 140 euro. I GD del Salento contestano il Governo Monti per l’aumento della Tassa A.Di.Su.
perchè ad essere colpiti duramente ancora una volta, sono gli studenti e le famiglie meno agiate.

"A dispetto dei proclami sulla necessità di investire in ricerca e sviluppo, dei proclami a difesa dei giovani e delle loro opportunità, ancora una volta questo Governo, - si legge nel comunicato - in assoluta continuità con il precedente, si interessa dell'Università italiana solo per proseguire il progetto di smantellamento dell’istruzione pubblica e del diritto allo studio. Oltre al DL 95/12, la così detta Spending Review, che permetterà agli Atenei di aumentare le tasse universitarie al di sopra dell’attuale limite del 20%, il Governo ha approvato il Decreto 68, con il quale la Tassa A.Di.Su passa dagli attuali 77,00 euro a 140,00 euro".


"Con questo provvedimento, - continua - il sistema di finanziamento delle Borse di Studio e dei servizi per il Diritto allo Studio, alloggi, mense, trasporti, libri, sarà quasi totalmente a carico degli studenti, sancendo l’abdicazione da parte dello Stato ad uno dei suoi compiti principali. Ad essere colpiti duramente sono, in modo particolare, gli studenti e le famiglie meno agiate. In questo quadro, viene meno il diritto all’accesso alla formazione universitaria per tutti, la possibilità per tanti giovani di crescere ed emanciparsi da una società che porta le famiglie meno agiate ad essere sempre più povere. Il diritto allo studio per questo Governo è un lusso".


"I Giovani Democratici del Salento ritengono che tutti i giovani debbano accedere ai più alti gradi dell’istruzione, che lo Stato debba permettere a tutti i capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, di poter studiare e realizzare le proprie aspirazione senza alcuna distinzione economica. Per far questo, chiediamo al Governo di cancellare i provvedimenti in atto, di provvedere a un sistema di Borse di Studio e servizi per il Diritto allo Studio che non gravino sulle spalle degli studenti e delle loro famiglie. Chiediamo che venga cancellata la figura dello studente idoneo-non vincitore per mancanza di fondi. Chiediamo un sistema di tassazione più equo che permetta a tutti di studiare e un aumento della dotazione finanziaria per l’Università. Dopo l’aspro innalzamento delle tasse, dopo la riforma delle pensioni, dopo la riforma del mercato del lavoro, dopo gli ultimi provvedimenti che riguardano il Diritto allo Studio, - concludono - verrebbe proprio da dire: Quest’Italia non è proprio un paese per Giovani".

Azzurra Monaco


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner