Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 24 ottobre 2017 - Ore 07:59

D'Agata: Troppe informazioni internet sulle bombe

D'Agata: Troppe informazioni internet sulle bombe

Lecce - Giovanni D'Agata, componente del Dipartimento Tematico "Tutela del Consumatore" di Italia dei Valori e fondatore dello "Sportello dei Diritti" ha commentato il vile attentato alla scuola di Brindisi e la pericolosità delle troppe informazioni presenti su internet su come costruire un ordigno rudimentale esplosivo. Nello specifico ci si chiede come fare a bloccare una possibile spirale di violenza evitando i rischi della censura.

Infatti l'assurdo attentato del 19 maggio 2012 a Brindisi, al di là del movente, non può non far riflettere su una questione annosa e quanto mai d’attualità: la facilità nel reperire informazioni in rete per la fabbricazione di ordigni rudimentali e armi.

Non sono rari, infatti, i casi nel mondo di giovani e meno giovani, più o meno esaltati, anche non affiliati ad organizzazioni criminali, che con estrema facilità sono riusciti a reperire on line e poi a costruire bombe artigianali usate per compiere attentati anche di proporzioni devastanti come quello accaduta nella cittadina salentina.

In Italia, almeno in astratto la legge ove applicata correttamente è severissima. Va specificato però che se da una parte dare istruzioni per la costruzione di ordigni non costituisce istigazione alla violenza e quindi vera e propria fattispecie di reato, dall’altra provare a fabbricarne uno invece, si.
D’altronde non si può pensare che la Polizia Postale possa avviare una campagna d’indagine da clima di caccia alle streghe andando a bloccare tutti quei forum rinvenibili in rete nei quali si parla di ordigni e loro componenti senza che ci sia la prova o l’indizio di un reato o di un tentativo in tal senso.
In compenso, è opportuno che tutti gli internauti sappiano che la sanzione prevista dall’ordinamento per chi prova a costruire un ordigno esplosivo è l'arresto in flagranza con la possibile accusa di strage e le relative conseguenze in termini di pena.

La Redazione


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner