Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 03:56

Negro: "Occorre avviare un dibattito sulla riforma della sanità"

Negro: "Occorre avviare un dibattito sulla riforma della sanità"

Lecce - "Occorre avviare un dibattito sulla riforma della governance dell’intero comparto socio sanitario". E' quanto ha affermato il Presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, che ha aggiunto, "La gestione della sanità in Puglia viene realizzata sull’arido terreno dei tagli e dei numeri. L’appiattimento sui parametri della burocrazia comporta troppo spesso ritardi ed inefficienze che contrastano con la realizzazione del diritto ad un bene primario qual è quello alla salute. Rispetto a questa tendenza chiediamo un inversione di rotta da parte del Governo regionale e chiediamo al presidente della Commissione sanità di avviare in tempi brevi un dibattito sulla riforma della governance dell’intero comparto socio sanitario".

"All’aridità delle cifre e dei numeri occorre contrapporre servizi efficienti e controlli sull’operato della burocrazia", ha sottolineato il capogruppo Udc, "Controlli che non devono rappresentare un ulteriore freno alla macchina amministrativa, ma una misura preventiva per evitare possibili abusi o disfunzioni e offrire al cittadino un’immagine trasparente dell’operato della Pubblica Amministrazione. Per fare un esempio, nel dicembre del 2010 il Consiglio regionale ha approvato una legge che stanziava 200mila Euro annui a favore delle emittenti locali per la realizzazione di telegiornali che utilizzino il linguaggio dei segni (Lis) per audiolesi. Entro due mesi dalla data di entrata in vigore di tale legge, la Giunta avrebbe dovuto approvare il regolamento di attuazione per la distribuzione di tale contributo. Ma la questione è approdata in terza Commissione solo dopo quasi due anni. Chi pagherà i danni per questo inaccettabile ritardo di cui a farne le spese sono sempre e soltanto le categorie più deboli della nostra società? A chi competono controlli e sanzioni? Questo è quanto accade anche nel settore della sanità dove si tagliano servizi in base ad sterili calcoli senza offrire nulla in cambio": 

Da qui la richiesta sulla riforma della governance: "Mai come in questo momento si rende necessaria una verifica sulle modalità di comportamento dei funzionari responsabili, della gestione dei bilanci delle aziende sanitarie, del sistema degli appalti e delle forniture, ma anche sulle modalità ed i tempi di attuazione del piano di rientro e sugli ulteriori tagli che il governo regionale si appresta a varare".

La Redazione


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner