Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 24 novembre 2017 - Ore 21:37

Il Movimento 5 Stelle vola nei sondaggi, le preoccupazioni della Sinistra

Il Movimento 5 Stelle vola nei sondaggi, le preoccupazioni della Sinistra

Italia - Beppe Grillo (e con lui il Movimento 5 Stelle) vola nei sondaggi elettorali che lo vedrebbero in piena corsa per le prossime Elezioni Amministrative. 

Tale importante dato non ha raccolto il favore di illustri esponenti politici, evidentemente preoccupati dall'esponenziale crescita di consensi del Movimento.

"Abbiamo in giro molti apprendisti stregoni che sollevano un vento cattivo. Se c'è qualcuno che pensa di stare al riparo dall'antipolitica si sbaglia alla grande. Se non la contrastiamo, spazza via tutti".
E' questo il pensiero di Luigi Bersani, Segretario Nazionale del Pd.

Anche Nichi Vendola, Governatore della Regione Puglia e Presidente di Sinistra e Libertà, si allinea al pensiero di Bersani : "Beppe Grillo è un fenomeno di populismo che non ha le caratteristiche per offrire una prospettiva al nostro paese. Considero il populismo un nemico. Quando sono crollati la democrazia e i partiti negli anni '30, il populismo ha fatto nascere un'avventura drammatica. I regimi reazionari sono stati alimentati dalle culture populistiche. Il nostro problema è ricostruire la democrazia, la credibilità delle forme organizzate per fare politica".

Dalle parole dei due leader della moderna Sinistra italiana si evince una malcelata preoccupazione politica: "come dargli torto?" verrebbe da dire, se si pensa alla recente migrazione di voti (direzione Lega) in occasione delle ultime tornate elettorali.

Beppe Grillo, con i suoi metodi eccentrici e le sue provocazioni, rischia di mettere in ginocchio un intero Sistema che appare ormai obsoleto.

Giusta o sbagliata che sia, la scelta di competere alle prossime elezioni comunali dovrebbe incentivare il mondo Politico italiano a mettersi in discussione, per dare vita ad un rinnovamento non solo in termini di valori, ma anche di uomini.

Dario Stefanelli


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
gaetano Castelli - 18/04/2012
Rispetto alle posizioni assurde di A.B. e C. -alfano, bersani,casini- bisogna che rispondiamo con programmi seri.
l'accusa di populismo che ci viene attribuita è semplicemente ridicola, il vero populismo è quello di A.B.C. che per paura di perdere il regno, raccontano stronzate e nessuno dei tre vuole ridare il voto di preferenza al popolo sovrano. Il movimento cinque stelle deve con immediatezza chiedere: la nuova legge elettorale con la rappresentanza nei collegi di gente abitante nel collegio elettorale e per un solo collegio; l'azzeramento del rimborso ai partiti, visto che tutti nessuno escluso i finanziamenti li usano per tutto tranne che per la campagna elettorale; la tassazione del patrimonio ai ricconi; la liberalizzazione dei fondi della BCE per aiutare le famiglie, le piccole imprese ed il mezzogiorno d'Italia, deriso negli ultimi venticinque anni da tutti i partiti; l'immediato taglio delle pensioni milionarie a tutti gli ex .... aumentando le pensioni della povera gente; il posto ai giovani; lo sviluppo serio del mezzogiorno senza se e senza ma; non per ultimo l'abbassamento delle tasse e l'aumento degli stipendi minimi è evidente che l'IMU va bocciata in toto e l'accise sulla benzina diminuisca del 50% considerato che con l'accisa paghiamo tutto e di più tranne che favorire la povera gente, che nel nostro amato Paese è aumentata a dismisura. con vera stima Gaetano Castelli


Banner
Banner
Banner