Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 24 novembre 2017 - Ore 10:30

Beppe Grillo domani in Piazza Sant'Oronzo

Beppe Grillo domani in Piazza Sant'Oronzo

Lecce - Partirà domani sera alle ore 22 in Piazza Sant’Oronzo, la campagna elettorale del Movimento 5 Stelle in vista delle elezioni amministrative leccesi.
Per sostenere il programma del Movimento interverrà anche il suo fondatore, Beppe Grillo che scenderà ancora una volta in Piazza per urlare il proprio dissenso verso la situazione politica attuale e per proporre un nuovo modo di intendere la politica in Italia.

Un'edilizia più intelligente, meno vorace e più sostenibile, la realizzazione di un sistema di trasporti moderno ed efficiente basato sul servizio pubblico, la revisione della gestione dei rifiuti, l'introduzione del referendum a quorum zero nello statuto comunale come arma di decisione nelle mani dei cittadini e la totale trasparenza delle istituzioni cittadine sono i cinque punti su cui s’incentrerà la campagna elettorale del movimento, pronto a tuffarsi sulla scena politica cittadina “non solo per sparigliare le carte della competizione elettorale nella veste di outsider, ma soprattutto con l'obiettivo di portare una nuova prospettiva culturale con cui ripensare il concetto di cosa pubblica e di bene comune e rimodellare il ruolo degli amministratori, pensati come cittadini al servizio delle istituzioni, rigorosamente "a tempo determinato".

Lecce sarà solo la prima tappa dove il comico genovese interverrà a sostegno delle liste pugliesi del Movimento 5 Stelle che parteciperanno anche alle elezioni amministrative nelle città di Taranto e Trani.
Durante il comizio inoltre, verranno presentati anche i 24 candidati al ruolo di consigliere comunale, assieme al candidato sindaco Maurizio Buccarella. Un "comizio" da non perdere, 30 minuti di riflessioni al vetriolo sulla situazione italiana, mondiale e locale.
Nel comunicato diffuso dal movimento, si legge: “È chiaro che non si è scesi in campo per vincere. Piuttosto per convincere. Per convincere Lecce, allo stesso modo di come avverrà in altri 100 comuni italiani, che una nuova politica è possibile. Prenderemo con tutta probabilità molti meno voti del centrodestra, nonostante pochi elettori saranno in grado di spiegarci come si può caricare in corsa il partito di colei che per anni si è indicata come la madre del dissesto delle casse comunali. O come si può ricandidare in extremis esemplari della peggiore destra omofoba o personaggi resisi attori di indegne farse in un settore delicato come quello degli alloggi popolari. Prenderemo comunque molti meno voti del Pdmenoelle, nonostante il nostro gazebo in piazza li abbia surclassati come presenze e come entusiasmo e nonostante l'inconsistenza e le lacune di una classe dirigente che nonostante le sconfitte in serie in tutte le competizioni elettorali locali è sempre la stessa. - Continua- abbiamo sempre affermato che il nostro progetto è solo all'inizio. La nostra ambizione è ristabilire il primato degli amministrati rispetto agli amministratori, tramite >l'emancipazione e la presa di coscienza dei primi uniti al freno alla arroganza ed alla sordità dei secondi alle istanze della cittadinanza.Ciò non toglie che ameremmo stupirci. E magari scoprire che più di quanti fossimo in grado di immaginare hanno invece già recepito la possibilità di un cambiamento, di una alternativa reale all'attuale sistema della delega in bianco. Il banco di prova non potrà che essere il momento del voto. Come mai nessuno prima stiamo sforzandoci di legare ad una reale convinzione nel Progetto. - In conclusione- non promettiamo nulla, noi. Non sistemeremo parenti ed amici.Non garantiamo appalti o posti di lavoro. Anche se fossimo nella posizione di poterlo fare.
Chi ci voterà lo farà o perché conosce le nostre idee e le nostre posizioni o perché conosce direttamente le persone che si sono messe in gioco. O forse anche perché di votare "le altre" proprio non ce la fa più. Un suggerimento: non disgiungere il voto.
Se credi in noi barra il simbolo del MoVimento. Per evitare brogli o per simpatia personale, magari barra anche il nome del nostro portavoce Buccarella. Ma soprattutto barra il simbolo del MoVimento.Il voto disgiunto altererà la nostra valutazione sulla penetrazione del progetto a 5 stelle su Lecce. Se vuoi darci forza, votaci pure, ma poi unisciti a noi per aiutarci a cambiare”.

Azzurra Monaco


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
Sandro - 19/04/2012
Quando una democrazia non è più in grado di salvaguardare i più elementari diritti del cittadino (lavoro,sicurezza sociale,assistenza sanitaria,protezione delle fasce più deboli) non ha più il diritto di chiamarsi tale. E' stato detto che il finanziamento ai partiti serve per preservare l'ordine democratico, ma vi pare questo un "ORDINE DEMOKRATICO?" . La peggior forma di dittatura è quella che è spacciata per democrazia. I signori politici hanno fatto della Repubblica (Cosa Pubblica) Cosa Nostra! Si sta agitando lo spauracchio della lotta all'evasione fiscale, "e questo ci sta bene", tutti dobbiamo pagare le tasse, ma nella maniera giusta. L'evasione fiscale è punita perchè è un furto alla Comunità, ma anche i rimborsi ai partiti sono un furto al Popolo, allora perchè questi signori non sono perseguibili? EVASORE FISCALE: Parassita della società Politico: SFRUTTATORE di un POPOLO. Viva l'Italia
Avatar
stefano - 09/04/2012
ai leccesi date un esempio di voglia per cambiare migliorare questa società di corrotti movimento 5 stelle ultimo baluardo per la libertà
Avatar
Nando - 08/04/2012
Ottima scelta per svegliare i quiescenti....


Banner
Banner
Banner