Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 21 ottobre 2017 - Ore 12:30

Riforma del Lavoro, scontro Fornero-Bonanni

Riforma del Lavoro, scontro Fornero-Bonanni

Italia - "Senza il sì preventivo dei sindacati sulla riforma del mercato del lavoro il Governo non metterà, in particolare sugli ammortizzatori sociali, una paccata di miliardi". A dirlo è il ministro del Welfare, Elsa Fornero, a margine di un convegno alla Farnesina. Il ministro ha dichiarato che "se c'è un accordo più avanzato mi impegno a risorse più adeguate e fare in modo che il meccanismo degli ammortizzatori e questo mercato del lavoro funzionino abbastanza bene". "Noi proponiamo qualcosa e mi sono impegnata a che le risorse non vengano tolte dall'assistenza. Mi sembra che questo sia un buon impegno. Anzi avrei voluto sentire anche una piccola parola di apprezzamento per questo impegno, che vuol dire non togliere, non sottrarre risorse all'assistenza. Mi sembra una buona cosa. Ma non ho sentito neanche mezza parola di apprezzamento". "Io ritengo", ha continuato Fornero, "che la riforma sia una buona riforma e mi risulterebbe molto difficile capire da parte del sindacato italiano che non si dichiari d'accordo con una riforma che lavora per l'intrusione e l'universalità degli ammortizzatori sociali". L'accordo sulla riforma del mercato del lavoro dovrebbe essere ultimato entro il 21 o il 23 marzo. L'obiettivo della riforma è "dare effettiva parità di accesso" alle persone. Ciò vuol dire "smantellare le protezioni che si sono costituite con stratificazioni profonde, magari motivate apparentemente da buonissimi principi, ma che hanno implicazioni di conservatorismo molto forte fino alla difesa di privilegi". Il responsabile del Welfare ha aggiunto che un mercato del lavoro dinamico, elemento fondamentale per dare pari opportunità a tutti, è quello dove c'è "maggiore facilità in entrata e un po' più di facilità in uscita. Bisogna quindi garantire il merito. Ma chi esce dal lavoro non deve essere lasciato solo. E questo è possibile se ci sarà un buon sistema di ammortizzatori sociali". Il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni ha risposto dicendo che "Il Governo deve stare attento, perché dopo la vicenda delle pensioni, se salta anche questo tavolo c'èuna cesura non facile" "Io, che rappresento una linea sindacale molto responsabile", ha aggiunto Bonanni, "e non abbiamo mai lesinato in responsabilità, chiediamo responsabilità anche agli altri, anche al Governo. Voglio capire se tutti nel Paese, compreso il Governo, lavorano per la coesione sociale". Bonanni ha poi rivolto un invito all'esecutivo: "Prima di vendere le persone, vendete i beni demaniali che valgono oltre 500 miliardi di euro".

Marcella Barone


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner