Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 19:36

Pdl e Io Sud, prove tecniche di coalizione

Pdl e Io Sud, prove tecniche di coalizione

Lecce - La vittoria di Paolo Perrone alle primarie del centrodestra ha lanciato un messaggio chiaro: il Pdl leccese è forte e unito. L'ex Ministro Raffaele Fitto ha scritto alla Senatrice Adriana Poli Bortone per cercare di capire quante possibilità ci siano per ricucire uno strappo che sembrava ormai definitivo. Futuratv ha raggiunto telefonicamente l'esponente di Io Sud, attualmente impegnata al Parlamento Europeo.

Senatrice innanzitutto grazie per la disponibilità; Fitto, subito dopo l'esito delle Primarie le ha scritto una lettera: è probabile un'alleanza per le prossime elezioni comunali?

Raffaele Fitto mi ha scritto una lettera fondata su basi corrette, puntuali. Si, abbiamo iniziato un dialogo costruttivo.

Discuterete anche della candidatura di Paolo Perrone?

Il dialogo lo abbiamo intrapreso con Raffaele Fitto. Stiamo discutendo di altro per il momento però, ripeto, ci sono delle basi interessanti.

Senatrice, cercherete un dialogo anche con Perrone?

Io rispondo a chi mi contatta. Sia essa una lettera o una telefonata.

Di seguito pubblichiamo la Lettera della Senatrice all'ex Ministro Fitto.

"Caro Raffaele, rispondo alla tua lettera aperta, che non mi lascia indifferente, con alcune riflessioni che voglio anch’io affidare, attraverso i canali dell’informazione, a quel popolo salentino che in molte occasioni ci ha generosamente sostenuto, spesso ci ha amato, anche oltre le nostre stesse aspettative, e qualche volta non ci ha compreso. E’ il popolo che ha salutato con entusiasmo quella straordinaria stagione di crescita, vissuta da questo lembo di terra salentina e pugliese, della quale siamo stati protagonisti assieme a tantissimi nostri amici e alle rispettive comunità umane e politiche. E’ il popolo che ci ha regalato le più grandi soddisfazioni, non solo perché ci ha dato la responsabilità e l’onore di essere parte, ai massimi livelli, del governo del territorio e della nazione, ma soprattutto perché quel popolo ha voluto essere in sintonia con i valori e i progetti ai quali ciascuno di noi crede e per i quali molte generazioni si sono battute.

Sono, per quanto mi riguarda, quei valori di destra che non ho mai rinnegato e che si coniugano naturalmente con l’orgoglio dell’appartenenza, la tenacia del coraggio, il calore della passione, la forza dell’onestà. E’ in nome di quei valori che rispondo alla tua lettera aperta, condividendone lo spirito. Nel recente passato i nostri partiti si sono trovati su posizioni politiche distinte e talvolta contrapposte. Le polemiche, anche aspre, che hanno caratterizzato i confronti tra i nostri partiti sono state il frutto di distinte impostazioni politiche e di specifiche sensibilità che sono state amplificate soprattutto sui temi della questione meridionale e su particolari vicende della politica cittadina. Ma è giusto anche riconoscere che tali polemiche sono state talvolta alimentate da contrapposizioni di altro tipo sulle quali hanno travato facile giovamento i tradizionali nostri avversari politici. Per questa ragione mi sento di condividere la necessità, da te espressa, di superare le logiche della sterile contrapposizione per recuperare invece il livello del sano e costruttivo confronto tra forze politiche diverse che sentono tuttavia il peso di un bagaglio di comuni riferimenti.

Nella tua lettera aperta intravedo il riconoscimento della dignità del progetto meridionalista per il quale mi batto da tre anni e dell’utilità dell’apporto di una forza territoriale, nella logica di una corretta politica delle alleanze che un partito nazionale come il PDL vuole utilmente porre in essere. E’ di tutta evidenza come questo riconoscimento sia fondamentale per poter rispondere positivamente a quella che tu chiami la sollecitazione del popolo di centrodestra. Sulla base di questi presupposti politici ritengo che possiamo reciprocamente verificare la reale fattibilità della condivisione di progetti, programmi ed esperienze di governo territoriale e ciò anche con riferimento alla città di Lecce dove, evidentemente, è richiesto un maggiore sforzo. Per quanto mi riguarda non pongo veti. Non ne ho mai posti, neanche quando ho avuto l’impressione di subirli. Chiedo però il rispetto dei ruoli, il riconoscimento della dignità, la pratica della lealtà, la condivisione dei programmi, tutti fattori indispensabili per assicurare stabilità ed efficacia dell’azione amministrativa.

Caro Raffaele, se ci guardiamo indietro scopriamo che questo nostro lembo di terra, negli ultimi quindici anni, ha fatto notevoli progressi grazie anche alla capacità di governo che le nostre comunità umane e politiche hanno saputo porre in essere. Se però guardiamo in avanti ci rendiamo conto che c’è ancora molta strada da fare. Anche per questo sento forte l’onere, assieme con tutto il mio partito, di non sottrarmi alla doverosa assunzione di responsabilità.

Lecce, 28 febbraio 2012

Adriana Poli Bortone"

Dario Stefanelli


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner