Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 22 ottobre 2017 - Ore 02:58

Salvemini: nel mio programma la legge 109 per il riutilizzo dei beni confiscati

Salvemini: nel mio programma la legge 109 per il riutilizzo dei beni confiscati

Lecce - Riutilizzare i beni confiscati alla mafia per venire incontro alle esigenze dei cittadini e creare opportunità lavorative per i giovani. Sarebbe questa una delle proposte del candidato sindaco per il centro sinistra Carlo Salvemini, con la quale, ha aperto la conferenza di questa mattina. A permetterlo, sarebbe la legge 109 del 1996, che verrà inserita nel suo programma elettorale. Un'iniziativa ambiziosa, ma che in altre parti d’Italia, è stata attuata con successo. Un esempio reale e vicino a noi è rappresentato dalla città di Mesagne dove afferma Salvemini : “grazie alla cooperativa Terra di Puglia Libera Terra sui terreni sottratti alla Scu oggi è sorto un vigneto, un uliveto, un seminativo il tutto gestito da una cooperativa di 11 persone: 6 soci lavoratori, 3 soci volontari e 2 sovventori. Nella nostra città, lo spazio per realizzare pratiche virtuose, ci sono ad esempio, 8 appartamenti e un terreno ancora in attesa di una destinazione, mentre di recente, s'è inaugurata la nuova sede della Guardia Forestale in Via Monteroni, e tante altre possibilità restano aperte. Quello che bisogna fare- continua Salvemini- è Capire le opportunità ancora aperte con l'iniziativa promossa dalla Regione Puglia nell'ambito del programma operativo Fesr 2007 – 2013, Libera bene e del Programma Bollenti Spiriti, che promuove il recupero, la riconversione ed il riuso dei beni confiscati in Puglia alla criminalità organizzata, per scopi sociali, economici e di tutela ambientale attraverso il finanziamento degli enti locali destinatari dei beni, il coinvolgimento attivo dei territori, la raccolta di idee per la loro riconversione a fini economici e sociali" . Il responsabile di Lecce2.0 dodici, invece, ha affermato che:"Grazie all'applicazione di questa legge si sta diffondendo nel nostro Paese un innovativo metodo di lavoro che vede coinvolti, in una collaborazione virtuosa, soggetti istituzionali pubblici, enti e soggetti della società civile tutti impegnati nella costruzione del capitale sociale e di beni comuni. Quello che oggi vogliamo suggerire è di attivare anche a Lecce pratiche capaci di sviluppare una sana occupazione, servizi per il territorio mediante il riuso dei beni confiscati, esperienze che hanno il doppio merito di rafforzare la fiducia nelle istituzioni e offrire opportunità ai giovani. La trasformazioni di beni serviti alla criminalità in attività gestite da giovani e associazioni che si ripropongono finalità sociali o di pubblico interesse, è un tassello fondamentale nella costruzione di una società liberà che vuole crescere nel più assoluto rispetto della legalità".

Azzurra Monaco


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner