Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 22 novembre 2017 - Ore 10:29

Differenziata al 51%, incremento di quasi 40 punti in un anno

Differenziata al 51%, incremento di quasi 40 punti in un anno

Lecce - Si passa dal 12,17% di aprile 2015 al 50,97% di aprile 2016. Questi i dati ufficiali che sanciscono il successo di un progetto che, malgrado ancora non abbia riscontrato la partecipazione attiva dalla totalità dei cittadini e non abbia ancora investito la totalità dell’area urbana, ha rivoluzionato il modo di gestire i rifiuti solidi urbani della città e, contestualmente, le abitudini della maggior parte dei leccesi. 

Si tratta di un aumento di quasi 40 punti percentuali rispetto al dato corrispondente dello scorso anno. Ad aprile 2015, infatti, erano solo il 12,17% i rifiuti urbani conferiti in maniera differenziata e avviati al recupero. Oggi, invece, dopo la partenza del sistema porta a porta avvenuto il 24 aprile dello scorso anno con l’avvio del servizio di Monteco s.r.l., oltre la metà di tutti i rifiuti segue il ciclo virtuoso legato alla differenziata per rivivere come materia prima secondaria, restituendo alla comunità cittadina importanti benefici economici attraverso la filiera dei consorzi di recupero.

“Sono emozionantissimo, ma il merito è di tutti - commenta Andrea Guido, l’Assessore Comunale delegato all’Ambiente - Questo sistema di raccolta differenziata ha richiesto lo sviluppo di un grande senso civico da parte dei cittadini. Ha preteso, inoltre, un grande impegno pratico necessario per selezionare in maniera coscienziosa le varie frazioni di materiali e rispettare le scadenze temporali di conferimento, mettendo di fronte a tutti una serie di interrogativi relativi alla correttezza dei gesti che si compiono. Il lavoro da oggi si concentra sui controlli nei riguardi del fenomeno dell’abbandono che, come tutti sanno, è da imputarsi non solo agli evasori fiscali della tassa dei rifiuti ma anche a qualche isolato menefreghista senza scrupoli”.

“Ma un altro dato importantissimo che ho avuto il piacere di rilevare - continua Guido - è quello che si riferisce al quantitativo totale di rifiuti prodotti in città. Qui abbiamo una riduzione di ben 15 punti percentuali. Un buon 15% che sta a significare un emblematico cambio di rotta nelle abitudini di noi leccesi. Stiamo assistendo al passaggio da una società altamente consumistica e sprecona ad una più responsabile e consapevole. E’ dal giorno del mio insediamento - conclude l’Assessore all’Ambiente del Comune - che lavoro senza sosta per la riduzione dei quantitativi di rifiuti prodotti tra le mura domestiche e per promuovere uno stile di vita sostenibile da parte delle famiglie. E oggi tocco con mano finalmente i risultati degli sforzi profusi e, soprattutto, il grande feedback che la città ha restituito e dietro il quale si cela partecipazione, volontà, impegno, e costanza dei leccesi”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner