Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 25 novembre 2017 - Ore 03:08

Iniziative di "Valori e Rinnovamento" su Via Francigena

Iniziative di "Valori e Rinnovamento" su Via Francigena

Lecce - "Anche se è comunque apprezzabile questa tardiva attenzione dei politici al problema del riconoscimento fino a Leuca della Via Francigena, riconoscimento che avrebbe tra l'altro tante ricadute positive sul turismo culturale, rurale e religioso, ancora una volta io mi chiedo perchè Lecce debba sempre rincorrere, dopo essere stata esclusa, e non possa, invece, correre ed essere protagonista per tempo", sono queste le parole di Wojtek Pankiewicz, presidente del movimento "Valori e Rinnovamento". Col mio Movimento Culturale "Valori e Rinnovamento", insieme a SpeleoTrekkingSalento, ci stiamo, infatti, battendo da circa due anni come leoni per ottenere il riconoscimento della Via Francigena da Canterbury fino a Leuca. Abbiamo le prove scientifiche. Fu la giunta regionale baricentrica di Vendola che deliberò erroneamente il riconoscimento solo fino a Brindisi, recepito poi così dal Consiglio d'Europa. Un anno fa a marzo (vedere foto 1) noi di "Valori e Rinnovamento" facemmo un convegno sull'argomento e invitammo a parlare proprio il presidente di SpeleoTrekkingSalento, Riccardo Rella e la referente culturale di quell'associazione, Rita De Matteis (entrambi con me nella foto 1). Facemnmo un vigoroso appello alle istituzioni, ma nulla accadde. Il 7 ottobre scorso ospitammo 20 pellegrini norvegesi di passaggio da Lecce e li facemmo ricevere dal presidente della Provincia, Antonio Gabellone e dalla consigliera alla Cultura, Simona Manca (con me nella foto 2). Chiedemmo di creare un tavolo alla Provincia come ente che poteva coordinare gli altri comuni e coinvolgere la Regione, ma neppure qusta volta nulla è accaduto.

Oggi abbiamo scritto al Presidente Antonio Gabellone, rilanciando l'idea  di istituire subito un tavolo alla Provincia per unire le forze, anche con la Diocesi di Santa Maria di Leuca, dove anche il Vescovo, Mons. Vito Angiuli è impegnatissimo per questa giusta battaglia, per cercare di ottenere la delibera regionale da inoltrare poi al Consiglio d'Europa.

Comunque "Valori e Rinnovamento",  si muoverà autonomamente, perciò annuncio che, nell'ambito del programma della seconda edizione della rassegna BAROCCO CHE INCANTA, da noi organizzata, che comincerà a maggio, ci sarà un grande incontro: Venerdì 3 giugno 2016, ore 19, Terrazza della Galleria Art&Co CONVEGNO, RELATORE SUA ECCELLENZA MONS. VITO ANGIULI, VESCOVO DELLA DIOCESI DI UGENTO SANTA MARIA DI LEUCA, "VIA FRANCIGENA UN CAMMINO EUROPEO FINO A SANTA MARIA DI LEUCA" Interventi programmati di : Mariangela Sammarco (Archeologa del paesaggio di Valori e Rinnovamento) e Rita De Matteis, Riccardo Rella ed Ezio Sarcinella di SPELEOTREKKINGSALENTO, che segnerà il grande rilancio della nostra battaglia per il riconoscimento fino a Leuca".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
mario - 29/04/2016

Santa maria di Leuca,uno scempio edilizio e stradale che ha rovinato per sempre una delle perle più belle del basso salento.
Visitarla per credere,un imbuto edilizio che scoraggia chiunque a visitarla,mancano parcheggi,zone d'ombra e tutto ciò che ha che
ha fatto esplodere di vitalità e benessere città come Otranto e Gallipoli.Si può ancora salvarla? Si può ancora,dargli il posto che
merita tra le meraviglie del Salento?.....



Banner
Banner
Banner