Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 20 novembre 2017 - Ore 08:30

UilPoste: "Saranno soppresse 83 zone con un esubero di 91 addetti"

UilPoste: "Saranno soppresse 83 zone con un esubero di 91 addetti"

Salento - Il 24 Febbraio scorso è stato sottoscritto un accordo nazionale fra Poste Italiane e le OO.SS. (UILPOSTE non ha firmato) sull’avanzamento della riorganizzazione del Servizio di Recapito. Un accordo sottoscritto frettolosamente, nonostante ci fossero 12 giorni per discuterne e nel quale l’Azienda, al di là di demagogici e futuribili progetti di sviluppo mai realizzati, ha riproposto il Recapito a Giorni Alterni modificando ancora una volta l’agenda di attuazione del progetto stesso.

Infatti, la provincia di Lecce viene scorporata dalla Regione Puglia ed insieme alla provincia di Brindisi vede anticipato il progetto riorganizzativo al prossimo Agosto 2016 mentre le altre province pugliesi vedranno lo start-up di tale progetto nel 2017.

Nell’accordo nazionale, da UILPOSTE non sottoscritto, ci sono solo vaghi progetti di rilancio del servizio, solo buone intenzioni di sostituzione di mezzi e strumenti e nulla viene definito in materia di sicurezza.

Con grande puntualità e chiarezza, invece, dalle tabelle allegate all’accordo si evince in maniera allarmante che nella nostra provincia già da quest’estate su un totale di 335 zone di recapito ne verranno soppresse 83 con un esubero di 91 addetti e, in tutta Lecce e provincia, si partirà con il Recapito a Giorni Alterni già dal  mese di Agosto.

In pratica, ad ogni portalettere vengono assegnate due zone di recapito e nel corso di due settimane la corrispondenza, di norma(?) viene consegnata solo cinque giorni: la prima settimana lunedì, mercoledì e venerdì, nella settimana successiva martedì e giovedì.

Con questo progetto, nella nostra provincia e su tutto il territorio nazionale, la parte più debole della popolazione (i cittadini, gli anziani, che vivono nei comuni più piccoli) viene ancora una volta penalizzata; e così dopo la chiusura di alcuni Uffici Postali, oggi l’ulteriore taglio prevede anche la riduzione del servizio di recapito della corrispondenza. A questo ennesimo provocatorio accordo beffa, la UILPOSTE ha detto NO!

La UILPOSTE ha da sempre evidenziato che Poste Italiane, la più grande rete di servizi nazionale, deve costituire il volano del rilancio del paese e DEVE avere il compito di includere e non escludere pezzi di popolazione; non può guardare sempre più alla redditività dei servizi e sempre meno ai bisogni dei cittadini. 

La UILPOSTE ha sfidato l’Azienda ad un maggior coraggio manageriale e ad  un maggior rispetto dei cittadini e dei propri dipendenti; a smetterla di far passare riorganizzazioni aziendali a vantaggio sempre dei soliti noti e sulla pelle delle fasce più deboli della popolazione e di tanti lavoratori e lavoratrici del settore che quotidianamente restano gli unici attori protagonisti che quotidianamente contribuiscono con l’impegno e professionalità alla vera trasformazione di Poste Italiane.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
mario - 07/03/2016

Ospedali,ferrovie,poste, giovani che scappano,fabbriche che chiudono;ci stanno togliendo tutto,abbiamo impiegato 50 anni per dare
al cittadino questi servizi e pochi anni per toglierceli .Burocrazia asfissiante,pensioni d'oro,tassazione che non lascia respirare,
fuga dei giovani, taglio dei servizi,inquinamento,lavoro inesistente, sono le sette piaghe d'Egitto che i nostri politici non toccheranno
mai.



Banner
Banner
Banner