Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 20 agosto 2017 - Ore 02:26

Pankiewicz: "Frecciarossa, questione salentina mai risolta"

Pankiewicz: "Frecciarossa, questione salentina mai risolta"

Lecce - Wojtek Pankiewicz, presidente di “Valori e Rinnovamento” interviene sul tema Frecciarossa, definendolo "questione salentina mai risolta" ed invita i cittadini a contestare, il prossimo 12 settembre, il Premier Renzi:

"Alle origini della questione meridionale ed in particolare della questione salentina ci sono soprattutto fattori storici e politici. Al sig. premier Matteo Renzi e all'ottuso e incompetente Amministratore Delegato di Trenitalia va ricordato che nel periodo dell'unificazione italiana, dall'impresa dei Mille al primo dopoguerra, si operò un trasferimento di risorse dal Sud per finanziare l'industrializzazione del Nord. E così il Nord, che era ricco, divenne più ricco e il Sud, che era povero, divenne più povero. Come hanno evidenziato diversi meridionalisti, durante il processo di unificazione, invece di adottare un sistema fiscale di incentivi rivolto a migliorare l'efficienza del settore portante dell'economia meridionale e salentina, qual era l'agricoltura, questa era considerata come il settore da cui succhiare danaro per lo sviluppo del Nord. La questione salentina è una questione italiana e deve divenire un fatto di cultura e di civiltà. “Valori e Rinnovamento” si batte per questo dal momento della sua nascita, tre anni fa.

Alle affermazioni burocratiche e ottuse dell'Amministratore delegato di Trenitalia, Elia, rispondiamo che i trasporti fanno parte dei servizi pubblici e non possono essere resi ai cittadini solo se sono remunerativi, altrimenti cessano di essere servizi pubblici. Questa è una pericolosissima mentalità che si sta facendo strada sempre più, purtroppo, anche per i servizi sanitari. Pezzo, pezzo, stanno smantellando lo Stato sociale, ci stanno privando dei diritti sociali e nessuna sinistra o destra sociale fa nulla per evitarlo.

E a proposito di servizi remunerativi, il Ministero dei Trasporti si riprenda il Filobus che, oltre ad avere stuprato Lecce con la foresta di pali neri e la ragnatela di fili, viaggia sempre vuoto e costa alle tasche dei cittadini leccesi ogni anno centinaia di migliaia di euro. Auspico vivamente petizioni di Gazzetta e Quotidiano per smantellarlo e restituirlo al Ministero. Il 12 alla Fiera del Levante c'è Renzi. Istituzioni e politici salentini facciano fronte comune. Se non sarà ufficialmente annunciato l'arrivo a Lecce del Frecciarossa già dalla prima corsa del prossimo 20 settembre, lo contestino vivacemente anche con forme  clamorose. Noi popolo del Salento siamo estenuati per tutti gli scippi e le rapine che storicamente abbiamo subito e non ne possiamo più".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
mario - 18/09/2015

Non è mai troppo tardi,finalmente i politici salentini si sono svegliati dal lungo letargo, circa 8 anni, cercando di salvare il il salvabile.
Non voglio rivangare il passato,questo vale per tutto il sud, i nostri politici è da sempre che si sono comportati da ZOMBI, erano
presenti a Roma solo con il corpo, per il resto completamente assenti.Era ora che si svegliassero e che facessero i rappresentanti
del popolo.Questa battaglia va fatta a Roma, facessero capire a Renzi che si trova come leader del PD soprattutto per i voti
dei meridionali, se non ci rappresenta non lo voteremo più.La puglia conta circa 4,5 milioni di abitanti e la gente consapevole di
questa forza ha capito che i sevizi non vengono tagliati ma incentivati, nel contempo desidera una classe politica nostrana ,più
combattiva e accorta facendo un salto di qualità.Vogliamo che la frecciarossa termini a Gagliano del capo.
Vogliamo anche che la finiscano con le trivelle.



Banner
Banner
Banner