Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 16 agosto 2017 - Ore 15:32

Cassa integrazione: giugno nero, richieste raddoppiate rispetto a maggio

Cassa integrazione: giugno nero, richieste raddoppiate rispetto a maggio

Lecce - La crisi non va in vacanza. Anche nel mese di giugno, si registra una nuova, preoccupante impennata della cassa integrazione a Lecce e provincia. Lo evidenzia il V Rapporto elaborato dal Servizio Politiche del Lavoro della Uil su dati Inps. Sono 898.287 le ore richieste dalle aziende salentine a giugno, il 111,5 per cento in più rispetto al precedente mese di maggio (424.743 ore). Significativo, in particolare, l’aumento della cig in deroga che passa da zero a 45.457 ore richieste e della cig straordinaria (+420,8 per cento), da 124.223 a 646.992. Mentre calano del 31,5 per cento le richieste di cig ordinaria (da 300.520 a 205.838). L’aumento registrato è in linea con il dato pugliese (+297 per cento).

A ulteriore conferma della sofferenza occupazionale già segnalata nei precedenti Rapporti, nel primo semestre dell’anno (gennaio-giugno 2015) le ore di cig complessivamente autorizzate nel Salento sfiorano i 3 milioni, con un aumento dell’1,2 per cento rispetto al primo semestre dello scorso anno (2.906.542 ore contro 2.871.529 del 2014).

“Si tratta di dati – commenta Salvatore Giannetto, segretario generale della UIL di Lecce – ancora distanti dal reale fabbisogno di cassa integrazione da parte delle aziende. Si pensi alla cassa integrazione in deroga per la quale la penuria di risorse ha determinato un brusco blocco delle istanze”.

“La situazione di crisi congiunturale e tendenziale della Puglia, nonché dell’intero Paese – continua Giannetto - obbliga le istituzioni a reagire alla caduta libera della nostra economia affinché i lavoratori, i giovani e i cittadini possano riacquisire la fiducia persa. In tema di ammortizzatori sociali, ulteriore elemento di preoccupazione è l’ipotesi di riduzione qualitativa e temporale dello strumento che sembrerebbe al vaglio del Governo (all’interno dei decreti delegati di attuazione del Jobs Act). Un’assurdità a fronte di un meccanismo di protezione sociale che consente la salvaguardia di centinaia di migliaia di posti di lavoro in questi anni di crisi”. 

Infine, un’osservazione sull’intero semestre del 2015. “Con quasi 3 milioni di ore autorizzate, ma tenendo conto del basso dato complessivo della cassa in deroga (nonostante la crescita dell’ultimo mese), si può prevedere che alla fine dell’anno questo strumento verrà utilizzato meno rispetto agli altri anni,  ma ancora con forte intensità rispecchiando, cosi, lo stato dell’economia del Paese: una leggerissima ma non consolidata ripresa, con ancora forti preoccupazioni circa la tenuta occupazionale soprattutto in alcuni settori e aree territoriali”.

“Il Governo – conclude il segretario Uil Lecce - sta per approvare il decreto che riforma questi importanti strumenti di protezione sociale ed è bene che prima di decidere di ridurre durata e reddito, consideri gli effetti sociali di tali decisioni”. 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner