Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 24 novembre 2017 - Ore 04:58

Giannetto: "Nessun buon segnale, aziende travolte dalla crisi"

Giannetto: "Nessun buon segnale, aziende travolte dalla crisi"

Lecce - Meno risorse, meno cassa integrazione e meno occupati in provincia di Lecce. È questo il quadro tratteggiato dal terzo rapporto Uil – Servizio Politiche del Lavoro sulla cassa integrazione relativo al mese di aprile 2015 e al primo quadrimestre dell’anno. L’analisi dei dati Inps evidenzia una contrazione del -58,4 per cento di ore autorizzate nel mese di aprile rispetto a marzo dell’anno in corso (da 453.125 a 188.563); dati in controtendenza con la media pugliese che registra un aumento dell’84,8 per cento: in questo caso, pesano i valori relativi alle province di Bari e Taranto dove invece le ore concesse per l’ammortizzatore sociale crescono rispettivamente del 198,6 e del 139,6 per cento. Per Brindisi (meno 49,1 per cento) e Foggia (meno 59,5 per cento) numeri in linea con Lecce. Il rapporto Uil analizza anche l’andamento dei primi quattro mesi dell’anno. Da gennaio ad aprile sono state garantite oltre un milione e cinquecentomila ore (1.583.512, per la precisione) di cassa integrazione in netto calo rispetto allo stesso quadrimestre del 2014: meno 31,5 per cento (2.311.985). In questo caso i valori sono in linea con il resto della Puglia dove la diminuzione media è del -40,8 per cento.

In Puglia, ad aprile 2015, i lavoratori che usufruiscono della cassa integrazione sono 13.880. Di questi, circa 4mila sono relativi alla provincia di Lecce. “I numeri che sembrerebbero positivi – commenta il segretario generale Uil Lecce Salvatore Giannetto – nascondono in realtà un quadro ancora preoccupante che non fa pensare alla ripresa. Questi dati risentono infatti del sostanziale blocco della cassa in deroga che continua, quindi, ad essere poco utilizzata. Solo in queste settimane, va ricordato, sono state sbloccate le risorse per "saldare" il 2014. In realtà molte imprese, industriali e dei servizi, sono nel pieno di complicati processi di ristrutturazione o, addirittura, di dismissione di intere aree. A tutto questo si aggiungono le tante vertenze irrisolte sul territorio, con gli over 50 che restano tagliati fuori dal mercato del lavoro e la disoccupazione giovanile in aumento. La situazione era e resta drammatica. Finché il tanto ventilato venticello di ripresa non si tradurrà in effetti positivi sull’occupazione – continua Giannetto - crediamo sia opportuno e necessario che il Governo riflettesse sull’importanza dello strumento della cassa integrazione, prima di procedere verso una strada che ne ridurrebbe l'utilizzo”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner