Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 06:29

Gli altri utenti stanno guardando:

TAP: "Dal sindaco Potì informazioni non corrette e allarmistiche"

TAP: "Dal sindaco Potì informazioni non corrette e allarmistiche"

Melendugno - "Nella seduta del consiglio comunale dello scorso 17 aprile, il sindaco di Melendugno Marco Potì è tornato a fare affermazioni non corrette ed allarmistiche sul gasdotto TAP e sull’impatto che la sua costruzione avrebbe sull’ambente e sull’economia di Melendugno e delle sue marine. Tali affermazioni, rese di fronte al più alto consesso democratico della comunità e rilanciate anche dai media hanno destato in alcuni preoccupazioni tanto comprensibili quanto infondate e numerose richieste di chiarimento a TAP". Si legge in una nota diffusa a mezzo stampa dalla stessa Società.

"E dunque: non è vero che “sulla spiaggia di San Basilio non si potrà più fare attività”, poiché come più volte spiegato, grazie alle tecniche costruttive del tratto che interessa l’approdo, la spiaggia - continua Tap- non sarà toccata e resterà pienamente a disposizione dei cittadini. Per quanto riguarda lo specchio d’acqua antistante San Basilio, le caratteristiche del progetto non prevedono limitazioni alla pesca o alla navigazione e all’attracco di imbarcazioni da pesca e da diporto. Quanto alla “mutazione genetica” del territorio salentino che deriverebbe dall’espianto degli ulivi lungo il percorso del gasdotto, si rammenta che è in corso nell’area il censimento e la geolocalizzazione degli alberi, un’attività volta a garantire, a massima tutela del ripristino del paesaggio, il reimpianto nella loro posizione originaria degli ulivi, che sarà necessario temporaneamente rimuovere durante i lavori. Altrettanto non corrette sono le informazioni riportate dal Sindaco, in relazione agli ulivi, a “una fascia di rispetto o di sicurezza di 40 metri o 60 metri”: la fascia di rispetto infatti è di 20 metri per lato e definisce l’area nella quale sarà vietata soltanto la costruzione di edifici (incidentalmente, un’ulteriore tutela del paesaggio)".  

"Quanto infine al presunto “effetto devastante” delle emissioni del terminale di ricezione, si tratta della ennesima ripetizione di un’informazione non corretta e falsa. TAP ribadisce che nel suo funzionamento ordinario il PRT non produrrà emissioni in atmosfera. Le uniche emissioni previste, prodotte occasionalmente (e comunque per non oltre un massimo di 160 ore all’anno) saranno equivalenti a quelle prodotte da 96  caldaie domestiche di Melendugno in un anno. TAP - conclude - conferma il suo impegno a fornire in modo trasparente informazioni corrette sul progetto, con particolare riferimento alla sua sicurezza, anche per mezzo di una campagna informativa in corso in questi giorni".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner