Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 23 ottobre 2017 - Ore 17:25

Cassa integrazione, Lecce è "maglia nera" in Puglia

Cassa integrazione, Lecce è "maglia nera" in Puglia

Lecce - I dati sulle ore di cassa integrazione richieste dalle aziende salentine nel primo bimestre del 2015 segnano una nuova, pesante impennata: +42,6% rispetto allo stesso periodo del 2014. Complessivamente, sono 941.824 le ore autorizzate dall’Inps, contro le 660.621 di gennaio-febbraio dello scorso anno. L’aumento si manifesta solo per la gestione straordinaria, che segna un +1102% (da 56.186 a 675.396 ore), mentre registrano un calo sia la gestione ordinaria (-56,2%, da 571.707 a 250.188), sia la cassa in deroga (-50,4%, da 32.728 a 16.240). 

Secondo il Rapporto dell’Osservatorio Politiche del lavoro della Uil, Lecce si piazza tra le prime dieci province italiane che registrano gli aumenti più alti nel primo bimestre 2015. “Un dato drammatico - commenta Salvatore Giannetto, segretario generale di Lecce – prima di noi ci sono solo L’Aquila, Messina, Rimini, Livorno, Caltanissetta, Asti e Genova. Non solo. Lecce è anche “maglia nera” in Puglia: a livello regionale, infatti, si registra un calo del 24,3%, tant’è che in quasi tutte le altre province si manifestano forti contrazioni delle ore di cig (Bari, -22,5; Foggia, -61,6; Taranto, -50,7; fa eccezione solo Brindisi con un aumento del 28, 2)”.

In riferimento ai settori produttivi, su 941.824 ore complessivamente autorizzate dall’Inps è l’Industria ad assorbire il maggior numero di ore richieste (831.520), seguita da Edilizia (79.228) e Commercio (31.076). 

“Conosciamo bene la situazione di forte difficoltà che stanno ancora attraversando molte delle nostre piccole e medie imprese – continua Giannetto - così come la persistente chiusura di molte di queste. Prova ne è la crescita costante della cassa straordinaria, che nel primo bimestre dell’anno registra una vera e propria “esplosione”. Crescita che sottolinea come molti processi di ristrutturazione non siano terminati e che, inoltre,  è presumibile un travaso dalla cassa ordinaria a quella straordinaria”.

Infine un’osservazione sul calo della cassa integrazione in deroga. “Certamente questo ‘crollo’ sembra essere dovuto più all’assenza di risorse ad hoc (unitamente alle nuove regole che hanno ristretto a soli 5 mesi l'utilizzo massimo da parte delle imprese interessate per il 2015), piuttosto che all’uscita dalla crisi delle aziende che ne fanno ricorso. E la preoccupazione maggiore è che, se si intenderà riformare il sistema della cassa integrazione secondo le intenzioni del Governo (e cioè riducendone i periodi di durata), non solo si correrà il rischio di una anticipazione dell’ingresso dei lavoratori nelle fila dei disoccupati (con inevitabile ampliamento del bacino), ma anche di non poter garantire sostegno alle imprese che tentano, ancora, di desistere alle difficoltà senza licenziare. Siamo quindi in presenza di un sistema che se non ben congegnato e concepito, produrrà un forte allarme sociale”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner