Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 21 agosto 2017 - Ore 08:42

Gli altri utenti stanno guardando:

D'Amato: "Far conoscere Tempa Rossa al Parlamento Ue"

D'Amato: "Far conoscere Tempa Rossa al Parlamento Ue"

Taranto - "Una delegazione del Parlamento Ue per far conoscere da vicino il progetto Tempa Rossa e comprendere meglio l'entità dello scempio ambientale e sanitario che questo progetto rischia di provocare". E' la richiesta avanzata oggi a Bruxelles al Parlamento europeo dalle eurodeputate M5S Rosa D'Amato ed Eleonora Evi e dalla portavoce del movimento Legamjonici Daniela Spera. D'Amato, Evi e Spera sono intervenute nel corso di una riunione della commissione Petizioni, che ha dato l'ok al proseguimento dell'iter della petizione europea presentata da Legamjonici per fermare il progetto Tempa Rossa a Taranto.

"Oggi abbiamo compiuto un altro passo nella battaglia contro il progetto Tempa Rossa - dice D'Amato - Sono fiduciosa che riusciremo ad organizzare una visita di una delegazione del Parlamento europeo. Inoltre, oggi abbiamo sollevato l'attenzione sull'operato dell'Autorità Sanitaria Locale di  Taranto, che ha  negato l'accesso agli atti di una serie di documenti utili per la petizione. Un operato che è stato stigmatizzato da altri colleghi della commissione".

Il progetto Tempa Rossa prevede il collegamento tra l'omonimo giacimento petrolifero, che si trova in Basilicata, e il porto di Taranto. "Un collegamento - spiega D'Amato - che comporterà una crescita del traffico di petroliere nel mare Grande, con il conseguente aumento dell'inquinamento nello Jonio". I danni per Taranto non finiscono qui: "A causa dell’idrovora dell’Ilva, ossia il sistema di prelievo di acqua per il raffreddamento degli impianti - continua l'eurodeputata - si generano delle correnti marine dal mare Grande al mare Piccolo, che in questo verrebbe contaminato nuovamente, stavolta dall'inquinamento generato dalle petroliere, vanificando ogni possibilità di rigenerazione dei bacini più importanti per l’attività di mitilicoltura". Tra l'Ilva e il possibile progetto Tempa Rossa, ha concluso D'Amato, "Taranto sta diventando una bomba ecologica pronta ad esplodere. E questo interessa, credo, non solo i miei concittadini, ma anche tutti i cittadini europei". 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner