Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 22 ottobre 2017 - Ore 23:08

Guido sull'archiviazione dell'inchiesta su Torre Veneri

Guido sull'archiviazione dell'inchiesta su Torre Veneri

Lecce - L'assessore Andrea Guido ha commentato l'archiviazione dell'inchiesta su Torre Veneri:

"A quanto pare il Poligono di Torre Veneri risulta essere il sito più pulito del Salento, un luogo d’eccezione per la sua biodiversità perché non aperto al pubblico e alla frequentazione incontrollata e per la quasi totale assenza di opere in cemento. Questo è quanto ha dichiarato nella conferenza stampa odierna il Procuratore Cataldo Motta annunciando la chiusura dell’inchiesta per reati ambientali all’interno dell’area militare. Grazie al lavoro svolto dalla Procura leccese e grazie al meticoloso lavoro del Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali (Di.S.Te.B.A.) dell’Università del Salento, responsabile scientifico del Piano di caratterizzazione del sito del Poligono di Torre Veneri, oggi possiamo attestare con certezza che nell’area militare e nelle zone limitrofe non vi è alcune traccia di uranio impoverito o di altri materiali inquinanti pericolosi.

Ora spero che gli esponenti dell’associazione politica di centro sinistra Lecce Bene Comune, Gabriele Molendini in primis, a cui si deve l’avvio delle indagini e il tam tam mediatico che ne è scaturito, gli stessi che neanche un paio di mesi fa’ diffondevano con ogni mezzo forme di allarmismo estremo sulla questione e accusavano pubblicamente la Giunta Comunale di aver tenuto nascosti taluni documenti importanti nell’ambito della gestione del pericolo ambientale, si rendano conto del danno inutile che hanno procurato al territorio e all’immagine percepita all’esterno di esso, specie in termini di appetibilità turistica.

Ho saputo di amici che hanno messo in vendita le proprie residenze (e non solo quelle usate per la villeggiatura estiva), di altri che hanno preferito non frequentare più le spiagge a ridosso del sito di Torre Veneri optando per altre più lontane, situate magari in altri comuni della provincia, di aziende dedite all’accoglienza turistica che si son viste cancellare le prenotazioni e di agricoltori che hanno fortemente rischiato di rimanere fuori dal mercato perché i loro prodotti considerati “a rischio uranio”. Ecco a cosa hanno portato gli esposti in procura, le illazioni, l’allarmismo smisurato e l’accanimento di Lecce Bene Comune e di quei politici locali di centro sinistra vicini a questa associazione. Un enorme danno d’immagine per il territorio ed un forte rischio di paralisi dell’indotto turistico su tutta l’aria leccese che si estende da Frigole a San Cataldo. Ora, però, occorre solamente rimboccarsi le maniche per cercare di ricostruire in tempo per la prossima stagione l’immagine deturpata di un’area che giammai avrebbe meritato di essere al centro di una simile campagna denigratoria”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner