Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 23:28

Ecotassa: Andrea Guido risponde a Diego De Lorenzis

Ecotassa: Andrea Guido risponde a Diego De Lorenzis

Lecce - Andrea Guido risponde all'intervento del Deputato Diego de Lorenzis sulla questione Ecotassa:

"Siamo quasi in periodo elettorale e, purtroppo, come sempre succede, vengono affrontati da alcuni personaggi temi a loro sconosciuti che però gli permettono di essere visibili sulle pagine dei giornali. E’ questo il caso del deputato del Movimento 5 Stelle Diego De Lorenzis che ha prodotto un’uscita giornalistica sull’ecotassa regionale dai contorni risibili. E’ bene che il deputato sappia che Lecce, a prescindere dall’impugnazione della norma regionale che ha sortito gli effetti sperati, effettuata con successo insieme ad altri comuni, ha pienamente raggiunto entro giugno 2014 le percentuali di Raccolta Differenziata imposte sventando, in ogni caso, l’applicazione dell’ecotassa stabilita in euro 25,82 per i comuni inadempienti. In seguito la determina del servizio ecologia regionale ha sovvertito nuovamente la situazione. Secondo la Regione Puglia la riduzione è dovuta solo nel caso in cui il rifiuto a monte arrivi nell’impianto già differenziato e non indifferenziato come ora succede. La riduzione, secondo sempre la Regione, si applica solo per impianti AUTOMATICI che lavorano rifiuti differenziati e non comportano una bio-stabilizzazione. Pertanto gli scarti determinano i sovvalli su cui si applica la riduzione.

Tale tesi ha cercato di contrastare l’idea dei comuni che affermano da diverso tempo che in molte parti d’Italia la riduzione è applicata anche nel caso in cui il rifiuto a monte è indifferenziato e, pertanto, non si riesce a comprendere perché la Regione Puglia voglia continuare a vessare i suoi stessi comuni. In questo quadro si inserisce la determina prima detta, mossa da una sorta di rivalsa nei confronti dei comuni che avevano prodotto il ricorso nei confronti della norma regionale. Nei confronti del comune di Lecce è stato perpetrato un doppio sopruso poiché, a prescindere dall’esito dell’impugnazione, il comune si era cautelato raggiungendo la percentuale di Raccolta differenziata stabilita. Gli uffici regionali, distratti e disattenti, non hanno considerato i documenti trasmessi dal Comune di Lecce. Lo stesso dirigente regionale, Giovanni Campobasso, ha ammesso l’errore ed ha assicurato che emetterà una nuova determina per sanare la situazione di Lecce. Oggi, a distanza di circa un mese, questa rettifica non è arrivata e saremo costretti a rivolgerci all’autorità giudiziaria per chiedere di essere tutelati. Cose concrete su cui mi aspetto che il Deputato De Lorenzi prenda posizione al quale consiglio per la prossima uscita di informarsi meglio sui fatti.

Vorrei ricordare a tutti che la Regione, con l’approvazione del bilancio di previsione 2014 e dopo una lunga polemica di carattere tecnico e, per certi versi, anche politico, decise che i Comuni che avrebbero conseguito a giugno 2014 una percentuale di raccolta differenziata pari ad almeno il 5% in più rispetto ai dati validati riferiti al periodo settembre 2012 - agosto 2013, sarebbero stati esentati dal versamento della tassa. Questa occasione la città non se la fece sfuggire. Quel 5% in più fu ottenuto grazie alla partecipazione e al coinvolgimento di tutta la città, ad ogni livello. Denigrando l’operato della Giunta, quindi, il deputato De Lorenzis ha denigrato anche l’operato e l’impegno di quanti contribuirono al raggiungimento del traguardo: gli operatori ecologici delle ditte, gli studenti di ogni scuola e i nostri figli, gli operatori commerciali, i fruttivendoli, i fiorai, i ristoratori, le Forze Armate, i dipendenti delle ASL, del sistema bancario cittadino, del tribunale, dell’INPS e di ogni ufficio pubblico. In quei mesi, infatti, fu un grande gioco di squadra che permise alla città di dribblare la famigerata tassa regionale. Senza l’appoggio e il sostegno di tutti questi cittadini non si sarebbe potuto ottenere quel 5% in più.

Se l’On. De Lorenzis pensava di ottener un briciolo di notorietà ebbene c’è riuscito, ma in senso negativo. Vorrei dargli un consiglio da giovane amministratore quale sono: caro Onorevole si tolga la maschera del finto populismo e pensi a vivere la città prima da cittadino e poi da rappresentante politico. Prima di additare l’operato di qualcuno è bene documentarsi, perché screditare e denigrare l’operato e l’impegno di un’intera città solo per ottenere un po’ di visibilità sui media non mi pare sia un comportamento corretto".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner