Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 20:48

Il Comitato per la Tutela dell'area ex Massa incontra Angela Barbanente

Il Comitato per la Tutela dell'area ex Massa incontra Angela Barbanente

Lecce - Il Comitato per la Tutela, in vista della venuta a Lecce il giorno 6 della Commissione giudicatrice di Capitale Europea della Cultura, incontrerà in settimana (quasi certamente sabato 4) l’Assessore Regionale ai beni Culturali, Angela Barbanente per chiedere una forte e autorevole mediazione per evitare la mastodontica cementificazione dell’area e il mega parcheggio in piazza Tito Schipa, realizzando , invece un parco eco-archeologico che ospiti pure la tettoia liberty e il mercato delle erbe e dei fiori, cosa che potrebbe aumentare sensibilmente le chances per capitale europea della cultura molto di più della costruzione di una provvisoria e costosissima megatorre. Voler seppellire l’area sotto una colata di cemento, come proprio ieri l’assessore Martini ha annunciato di voler fare, costruendo addirittura anche una albergo sull’area che esiste sulla vecchia chiesetta ipogea di Santa Lucia, in contrasto con tutti i moderni studi e le moderne teorie di progettualità urbana, potrebbe compromettere la candidatura di Lecce a capitale europea della cultura. Si chiederà all’assessore ai Beni Culturali, Angela Barbanente, di attivare subito un tavolo di concertazione con le parti interessate, ascoltando pure l’associazionismo e il mondo della cultura. Alla Regione, che fornisce ingenti risorse per la candidatura di Lecce, è stato intanto già trasmesso il seguente documento :

"Comitato tutela ecoarcheologica 

Pz. T.Schipa-S.Maria del tempio Lecce:

Oggetto: URGENTE INTERVENTO DELLA REGIONE PER TUTELA AREA ARCHEOLOGICA PZ. SCHIPA LECCE DELOCALIZZARE IL MEGA PARCHEGGIO:

A.BARBANENTE

ASSESSORE BENI CULTURALI;

S. GODELLI

ASSESSORE CULTURA;

REGIONE PUGLIA

SINDACO LECCE

DIREZIONE REGIONALE BENI CULTURALI

SOPRINTENDENZA  BENI ARCHITETTONICI LECCE

SOPRINTENDENZA BENI ARCHEOLOGICI 

RETTORE UNIVERSITÀ SALENTO

DIRETTORE DIPARTIMENTO BENI CULTURALI UNIVERSITA’ SALENTO

ARCIVESCOVO LECCE

ING. DE NUZZO  CASARANO

 Il  TAR ha accolto il ricorso del Comune di Lecce contro le cogenti prescrizioni della Direzione regionale Beni culturali e della Soprintendenza di Lecce finalizzate ad una più ampia  tutela dell’area T. Schipa, interessata da un maxiprogetto edilizio.

Tale  sentenza   impone un immediato intervento  di mediazione istituzionale, affinché   ne sia scongiurata  la devastazione   con la realizzazione del  megaparcheggio e centro commerciale,   affidato dal Comune alla ditta De Nuzzo.

L’area  T. Schipa  (di circa un ettaro  a ridosso del Castello Carlo V )  è uno spaccato unico dell’architettura e  storia  culturale di Lecce rinascimentale, (presenti anche testimonianze romane e precedenti); ben conservate  le strutture di base,  sopravvissute alla distruzione del Convento S. Maria del Tempio voluta dall’Amministrazione di Lecce  44 anni fa.  Sagacemente  padre Luigi De Santis, francescano e storico, ammoniva prima della sua recente scomparsa: “Realizzare il megaparcheggio, distruggendo i resti importanti del monastero , significa reiterarne diabolicamente il delitto culturale già compiuto  dal Comune, a danno della storia religiosa della città”. Tale importante area architettonica fa parte della città consolidata:  non sarebbe edificabile  se si rispettassero e applicassero il PPTR , la Pianificazione comunale, lo Statuto della Città, invece  elusi  dal progetto (grazie anche a comode scappatoie; la VIA è stata evitata per aver previsto solo 499 parcheggi…): di fatto offesi nei principi e negli obiettivi.

Il progetto  affonda le radici nell’appetibilità dell’area a fini di speculazione edilizia cui fu immolato lo storico convento  e in una concezione  obsoleta  di cementificazione a ridosso del centro storico,  ormai superata  e censurata, a causa dei diversi impatti negativi connessi: alla distruzione dell’importante sito, si aggiunge  la funzione del parcheggio di forte attrattore di traffico verso il centro già oberato e inquinato,  e il danno agli esercizi della zona da parte del nuovo centro commerciale.

Un retaggio  del passato  che fa a pugni con la cultura urbanistica maturata negli ultimi decenni, con la pianificazione  regionale e cittadina,  con  la necessità di riqualificare  a parchi urbani  soprattutto le aree del centro. Realizzare nell’area Schipa un parco eco-archeologico, ospitanto la tettoia liberty e una mercato  di fiori : esso si inserirebbe  in  un percorso eco-culturale unitario con la adiacente  cripta medievale S. Lucia,  il Castello, i Giardini pubblici,il Teatro Apollo.

Lecce come può aspirare al prestigioso obiettivo di Capitale europea della cultura se  invece subisce e avalla  l’offesa della speculazione edilizia di maxicementificazione a danno della  propria storia e di una nuova progettualià urbana?

Il Ministero dei Beni culturali nel selezionare  tra le città candidate, potrà ignorare tale ingiustificabile scempio della cultura del territorio e  la mancanza della  visione di una città sostenibile?  EU-topia (bel luogo)  o OU-topia  (non luogo)? Potrà dimenticare  che il Comune di Lecce , che impegna  risorse pubbliche anche  regionali per conseguire l’obiettivo di Capitale culturale,  invece di  fare tesoro e assumere le prescrizioni  della  Direzione reg. Beni culturali  e della Soprintendenza di Lecce che riducono l’impatto devastante del progetto,  ha citato in giudizio  gli stessi enti (quindi il Ministero), difendendo acriticamente le ragioni della ditta, refrattaria ad accoglierle?

Il Comune vuole autotutelarsi da rivendicazioni finanziarie o condivide pienamente il progetto di cementificazione  e  distruzione culturale? Avrebbe dovuto recedere dal progetto quando sono emersi i primi indizi di ricchezza del sito già molti anni fa, rivedendo o rescindendo  la convenzione con l’azienda . Invece il Comune ha pervicacemente mantenuto  le scelte iniziali,  contrapponendosi alle Soprintendenze, non attivando una mediazione con la ditta per delocalizzare il progetto, ignorando l’appello di tutela sottoscritto da un migliaio di cittadini,  associazioni culturali e autorevoli intellettuali,( tra i quali  i vertici del Dip.di  Beni culturali e l’ex ministro Bray), scegliendo di non sottoporre il progetto a VIA  né  istruttoria pubblica possibili e previste. Perché? Eppure in altre situazioni di opere a impatto  negativo sul territorio (es. Centrale biodiesel) aveva dimostrato determinazione e ascolto dei cittadini.  Ancora, con una forte e autorevole mediazione, può e deve farlo! Realizzare  nell’area Schipa un PARCO NON UN PARCHEGGIO INCREMENTA  LE CHANCES PER CAPITALE EUROPEA, PIU’ DELLA COSTRUZIONE  DI UNA PROVVISORIA E COSTOSISSIMA (5 MILIONI DI EURO) MEGATORRE!

Ora occorre evitare  l’incrociarsi perverso della scelta del Comune a favore del megaparcheggio con la candidatura a Capitale europea: il primo potrebbe inficiare la seconda; la città di Lecce potrebbe ritrovarsi con una mastodontica opera di cementificazione realizzata sulle macerie della sua storia e cultura e con l’esclusione dalla meta ambita.

La Regione Puglia  supporta in prima linea con grande impegno e impiego di risorse la candidatura di Lecce;    è già  stata messa a conoscenza dell’assurdità del progetto e del suo devastante impatto. Dopo la sentenza del TAR e prima di quella della Commissione selezionatrice  della città Capitale europea, 

la Regione deve  esercitare una forte e autorevole iniziativa politica-istituzionale-culturale: promuova subito un tavolo di concertazione tra le parti interessate, ascoltando anche  l’associazionismo e la cultura, per trovare una soluzione di delocalizzazione totale  del progetto o almeno del  megaparcheggio. La comune volontà , determinazione e sensibilità dei destinatari, la capacità di guardare avanti e volare alto, senza essere  impantanati a difesa di vecchi e miopi interessi, può e deve  rendere praticabile tale soluzione. Un colpo d’ala verso l’obiettivo di Capitale culturale.

Distinti saluti

Comitato tutela pz. Schipa Lecce".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner