Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 24 ottobre 2017 - Ore 07:59

Cassa integrazione: nuova impennata in provincia di Lecce

Cassa integrazione: nuova impennata in provincia di Lecce

Lecce - Torna a crescere la domanda di ammortizzatori sociali da parte delle imprese salentine. Secondo il terzo rapporto annuale a cura della Uil – Servizio Politiche del lavoro, nel mese di marzo la cassa integrazione ha registrato un vistoso aumento rispetto al mese precedente (+328,2%). Forte l’incremento della cassa in deroga (+5.058,4%), che passa dalle 4.844 ore autorizzate a febbraio alle 249.871 di marzo. Ma è la cassa straordinaria a registrare l’aumento più consistente, pari a +21.738,4% (da 513 ore a 249.871). Riguardo alla cassa integrazione ordinaria, a febbraio l’Inps ha autorizzato 158.559 ore, che a marzo sono diventate 339.957 (+114,4%).

Complessivamente, nel mese di marzo, sono state autorizzate 701.859 ore di cig contro le 163.916 di febbraio (+328,2%) e le 664.794 di marzo 2013 (+8,9%). Un triste primato che pone Lecce tra le prime dieci province italiane per gli aumenti più consistenti, dopo Oristano (+740,2%), Ragusa (+639,6), Pescara (+519,8), Parma (+404,9) e Piacenza (+367,9).

“E’ un dato, quello della cigs, che impensierisce non poco– commenta il segretario generale Uil Lecce Salvatore Giannetto - in quanto viene sovente accordata nelle ipotesi di crisi aziendale. Pertanto, ne consegue che aumentano le aziende salentine che rischiano di cessare l’attività produttiva e di attivare altri licenziamenti, facendo crescere così ulteriormente il già disarmante tasso di disoccupazione della regione. E certamente preoccupa pure, ancorché in presenza dei noti problemi di finanziamento dello strumento, la crescita inquietante della cassa in deroga, che in tutta la Puglia è passata dalle 180 mila ore autorizzate a febbraio a quasi 2,5 milioni a marzo. Di fronte a questo drammatico dato di fatto - prosegue Giannetto - vanno compiute scelte semplici e chiare: in attesa della crescita dell'economia, è necessario garantire, senza andare troppo per il sottile, adeguati finanziamenti, soprattutto per la cassa in deroga. Molti lavoratori aspettano il pagamento del sussidio da cinque o sei mesi e questo è inaccettabile. Quando sarà il momento, è giusto affrontare il tema di una riforma del sistema, ma non a discapito di chi, oggi, necessita di aiuto”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner