Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 20 agosto 2017 - Ore 21:23

Capone: "Veleni interrati e 275, i cittadini chiedono la verità"

Capone: "Veleni interrati e 275, i cittadini chiedono la verità"

Salento - "E’ proprio vero che il sonno della ragione genera mostri. Ed è inquietante che una persona di solito saggia e misurata come il collega Rocco Palese, dinanzi al rischio veleni e diossina in un tratto interessato dal tracciato della 275, invece di ringraziare i cittadini che hanno firmato l’esposto esponendosi in prima persona, chieda l’apertura di un’indagine sugli stessi. L’accusa? Per il deputato Rocco Palese sarebbe quella di voler bloccare i lavori".

Così Salvatore Capone, parlamentare pd del Salento, dinanzi alle dichiarazioni apparse oggi sulla stampa.

“Da anni”, prosegue il parlamentare democrat, “le associazioni stanno conducendo una azione del tutto pacifica e democratica per sottolineare come il tracciato della 275, soprattutto nell’ultimo tratto, divenga una aggressione smisurata alla bellezza di un territorio. Da anni sostengono la necessità di una revisione del progetto, nella sicurezza che esistono modi più intelligenti e meno invasivi di coniugare sviluppo, sicurezza, rispetto del territorio e della sua bellezza.

Contemporaneamente da anni non c’è forza politica, anche quella cui appartiene Rocco Palese, che non affermi come l’identità del Salento sia divenuta nel tempo un formidabile attrattore turistico, capace di generare nuove economie e prospettive soprattutto per le giovani generazioni. Così assistiamo ad un evidente paradosso: da un lato si afferma che la bellezza genera economie, dall’altro rischiamo di perdere proprio la bellezza.

Per questo le dichiarazioni di Rocco Palese mi sembrano francamente spropositate.
Al di là di quanto io stesso possa pensare in merito alla 275 e alla oggettiva necessità di una arteria sicura per cittadini e automobilisti compatibile con l’ambiente e la sua ricchezza soprattutto nell’ultimo tratto, c’è un dato di fatto incontrovertibile: la denuncia di alcune associazioni e dei cittadini ha catalizzato l’attenzione della Magistratura che, evidentemente, ha ritenuto più che credibile quanto affermato.
A meno di non voler immaginare un grande complotto, credo che il lavoro dei Magistrati e delle Forze dell’Ordine debba essere svolto nella più grande tranquillità, a tutela della salute delle popolazioni. A maggior ragione dinanzi alla lettera inviata al Prefetto Perrotta dai primi cittadini di Alessano, Tricase e Tiggiano, dopo l’esame delle acque in quattro pozzi artesiani.
Ecco perché chiederei al collega Palese più accortezza.

Sono troppi i tasselli che indurrebbero ad essere preoccupati sullo stato dei terreni nella zona del Sud Salento, forse anche sulla concomitanza di alcuni dati, come ad esempio la prossimità della zona dove sono stati individuati gli scarti di lavorazione con un terreno interessato dall’insediamento di un campo fotovoltaico.  Il Salento ha bisogno di verità. Non certo di perseguire i cittadini che la invocano”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner