Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 25 novembre 2017 - Ore 06:55

Il Consiglio Provinciale in campo per la Fondazione Ico "Tito Schipa"

Il Consiglio Provinciale in campo per la Fondazione Ico "Tito Schipa"

Lecce - Seduta straordinaria per il Consiglio Provinciale di Palazzo dei Celestini, tornato a riunirsi in mattinata. Al centro dei lavori odierni un ordine del giorno sul futuro dei dipendenti della Fondazione Ico “Tito Schipa”.

Nel suo intervento sui possibili scenari che si apriranno per il futuro dell’Orchestra, anche alla luce delle imminenti riforme istituzionali, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone ha dichiarato: “Quello che ci preme chiarire, in quella che definirei una situazione di emergenza, è di poter garantire i lavoratori, in primis nel dare dignità al loro status, ma anche che di fronte abbiamo una eccellenza straordinaria. Alla luce, poi, della candidatura della Città di Lecce a Capitale Europea della Cultura nel 2019, il futuro dell’Orchestra assume un valore di vitale importanza. Dobbiamo dare un segnale chiaro e forte al territorio per l’eccellenza che l’Orchestra rappresenta, ed ai lavoratori per quello che si aspettano riguardo al loro futuro professionale. E’ necessario più che mai cercare di fare sistema, creare alleanze per far prendere coscienza a chi dovrà definire quale sarà il percorso di questa struttura, per non consegnarla ad un futuro pieno di incognite o di immeritata chiusura”.

Il Consiglio Provinciale all’unanimità, anche alla luce del disegno di legge per il riordino delle autonomie locali, impegna: il Governo a dare un’adeguata soluzione normativa finalizzata a dare stabilità ai 60 dipendenti della Fondazione “Istituzione Concertistica Orchestrale Tito Schipa” di Lecce; il presidente della Regione Puglia a modificare l’orientamento espresso dall’assessore Godelli e ad impegnarsi a dare certezza e stabilità ai dipendenti della Fondazione “Istituzione Concertistica Orchestrale Tito Schipa” di Lecce; l’intera deputazione salentina a farsi carico di avanzare proposte per una riforma rispettosa delle istanze del territorio e di una effettiva razionalizzazione dell’organizzazione dello Stato e della struttura amministrativa, capace di garantire, insieme all’efficacia, all’efficienza e all’economicità, anche il rispetto delle istanze di partecipazione democratica dei cittadini di ogni territorio ed il controllo degli stessi sugli eletti. Lo stesso Consiglio demanda al presidente della Provincia ogni ulteriore iniziativa ritenuta utile per il raggiungimento di tale scopo.

Inoltre, il Consiglio ha votato all’unanimità un emendamento proposto dal consigliere Adriana Poli Bortone, che impegna, altresì, il presidente della Provincia “sulla possibilità di dare vita ad una Fondazione di Partecipazione pubblico-privato, che abbia come obiettivo quello di organizzare sul territorio salentino l’attività culturale”. A tal proposito il consigliere Poli Bortone ha rimarcato come questa Fondazione possa essere “un vero e proprio azionariato popolare, che sostenga e guidi le sorti di questo bene così grande come la cultura”. E ha proseguito: “Cerchiamo di essere utili sino alla fine perché la Provincia può fare ancora opera di sensibilizzazione. Attraverso questa proposta sollecitiamo gli imprenditori, soprattutto chi è interessato al settore del turismo e, nel contempo, forniamo garanzie reali a chi ha operato sino a questo momento con e per la Provincia. L’intero territorio potrà trarre vantaggio da una organizzazione dell’offerta culturale con la compartecipazione di tutti e questa della Fondazione di Partecipazione può rappresentare una valida soluzione, purché i privati si convincano della bontà di questo strumento”.

Sulla questione è poi intervenuta la vice presidente ed assessore provinciale alla Cultura Simoma Manca: “Nel nuovo assetto politico-istituzionale che si sta delineando sarà necessario mettere il massimo impegno per non disperdere il patrimonio artistico ed umano rappresentato dalla nostra Orchestra. Purtroppo, in questo confuso decreto di riordino delle Province, non è stata spesa una sola parola sulle soluzioni di alcuni problemi concreti. Con il trasferimento di attribuzioni inerenti alla cultura ad altri enti, saranno spese cifre ingenti, così come abbiamo fatto sinora, per mantenere alto il livello dell’offerta di cultura?”.

“Purtroppo con questi scenari che si prefiggono all’orizzonte sono a rischio quasi 200 posti di lavoro tra orchestrali e dipendenti della Fondazione, senza tralasciare tutto l’indotto che gravita attorno” ha concluso la vice presidente.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner