Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 04:02

Congedo interroga Vendola e Capone sulle fonti alternative in Puglia

Congedo interroga Vendola e Capone sulle fonti alternative in Puglia

Lecce - Il vice presidente vicario del gruppo Pdl/Fi alla Regione Puglia Erio Congedo ha rivolto una interrogazione al presidente Nichi Vendola e all’assessore allo Sviluppo Economico e all’Energia Loredana Capone finalizzata a chiarire la situazione delle fonti alternative di energia sul territorio regionale e le strategie del governo regionale sul tema.

“Ciò che tutti i pugliesi hanno sotto gli occhi - osserva - è un territorio disseminato di impianti fotovoltaici ed eolici, molto impattanti e praticamente inutili sul fronte della riduzione della produzione energetica inquinante, dello sviluppo economico e occupazionale, della riduzione delle bollette per imprese e famiglie. Anzi, il dato più significativo è che nella nostra Regione si produce una quota di energia superiore al fabbisogno. Nel 2013, infatti, le rinnovabili hanno coperto il 55% di quanto necessario e, a causa dello sfasamento tra domanda e offerta, in alcune ore della giornata si crea un surplus di energia che viene irrimediabilmente disperso. Senza che ciò incida sulle bollette dei pugliesi o sugli incentivi che i produttori continuano comunque a incassare.

Insomma - continua Congedo - il contesto sarebbe sufficiente quanto meno a indurre la Regione a una pausa di riflessione per quanto riguarda nuove autorizzazioni di impianti. Presso l’Ufficio Energie e Reti Energetiche, per esempio, giacciono solo per la provincia di Lecce ben 72 istanze per l’insediamento di nuovi impianti di energia rinnovabile, di cui 37 per eolico, 22 per fotovoltaico e 13 per biomasse.
Preso atto del quadro esistente, è lecito allora chiedersi in prospettiva, ed è il quesito contenuto nell’interrogazione che ho rivolto al presidente Vendola e all’assessore Capone, che cosa la Regione intende fare con le numerose istanze pendenti e, più in generale, se non è il caso di illustrare ai pugliesi in modo compiuto e chiaro quali sono le strategie sul tema e quale sarà la politica energetica dei prossimi mesi, ancora quella del “più impianti per tutti” o finalmente una gestione più equilibrata che faccia gli interessi della comunità e dell’ambiente di Puglia?”.




Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner