Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 07:37

Blasi su documento Pd Puglia: "Manca presa di coscienza su sviluppo"

Blasi su documento Pd Puglia: "Manca presa di coscienza su sviluppo"

Lecce - Blasi: "Nel documento Pd Puglia sul Mezzogiorno manca una presa di coscienza su innovazione e sviluppo"

Pochi giorni fa la Commissione Europea ha pubblicato il suo rapporto su innovazione e ricerca negli Stati membri. Una fotografia che vede ancora una volta la Puglia ai margini dello sviluppo innovativo e che conferma quanto ci sia da fare su questo campo in tutti i settori, dal pubblico all’industria, alla governance degli enti locali. Siamo in una fascia, noi pugliesi, appena un gradino sopra la Romania. Questi dati non possono che interrogare la classe politica pugliese sul cammino compiuto e su quello da intraprendere per sfruttare al meglio l’occasione – l’ultima – che ci viene offerta dalla programmazione europea. A interrogarsi deve essere prima di tutto il Pd pugliese, la cui direzione regionale ha approvato lunedì un documento sul Mezzogiorno nel quale manca una presa di coscienza sui temi dell’innovazione e dello sviluppo con una declinazione vecchia e superata della questione meridionale.

Insomma, in Puglia abbiamo un problema. Ed è bene che il Pd e il centrosinistra ne parlino apertamente anche perché entriamo in una fase nella quale la politica tornerà in subbuglio in vista della fine della legislatura e dell’emersione di proposte di governo per la prossima. Due anni fa, con gli stati generali del centrosinistra, boicottati dall’interno e dall’esterno del Pd, provai ad avviare questo percorso di merito. Penso che riprenderlo oggi sia ancora fondamentale.

Nell’agenda politica del centrosinistra, che porta sulle spalle l’onere e gli onori di una lunga stagione di governo, non può esserci altra priorità se non l’innovazione delle reti di comunicazione. Trascurare questo tema così urgente significherebbe svilire ogni potenzialità, anche di quei comparti in crescita, come il turismo, l’agroalimentare e il manifatturiero ad alta carica innovativa, che rischiano di restare fuori dall’accesso al mercato mondiale. Entro il 2014 l’Europa si è data l’obiettivo di eliminare il digital divide ed entro il 2020 quello di dare la banda larga a tutti e quella ultra larga al cinquanta per cento della popolazione. In Puglia siamo indietro. Nella nostra Regione ci sono ancora aree non raggiunte dall’adsl. L’infrastruttura per la banda larga copre una porzione troppo limitata di territorio per pensare che saremo in grado di rispettare l’obiettivo europeo. A marzo dovrebbe partire il primo bando per la banda ultralarga. Dovrebbe. Le imprese pugliesi sono penultime d’Italia per raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale. La Regione Puglia è all’ultimo posto per la trasparenza digitale degli atti amministrativi. Tutti insieme questi ritardi sono una ipoteca su qualsiasi ipotesi di sviluppo futuro. Il Governo e nell’ultimo anno di legislatura la Regione Puglia devono darsi una mossa per recuperare.

Accanto alle infrastrutture digitali, nell’agenda politica del centrosinistra e del Pd non vedo la razionalizzazione delle reti di trasporto. Nel Salento, la parte più dinamica della regione dal punto di vista della crescita del turismo, oggi sono in costruzione centinaia di chilometri di strade a quattro corsie, la maggior parte dei quali inutili e risalenti a progetti datati trent’anni fa, ed è ancora al palo la realizzazione di un sistema di trasporto pubblico sostenibile sulla vecchia rete delle Ferrovie Sud Est. Un sistema che sarebbe accessibile soprattutto a chi sceglie di andare in vacanza senza l’automobile. I costi ambientali di questa politica sono sotto gli occhi di tutti: la distruzione del paesaggio. Ma ci sono anche costi economici nei termini di perdita di attrattività. Le rilevazioni sui flussi turistici ci dicono infatti che, se da una parte il turismo cresce, dall’altra una consistente fetta di turisti non ritorna. Se questo accade è perché non riusciamo a garantirgli una comoda esperienza di viaggio, proprio a partire dai trasporti pubblici. Mi spiego con un esempio: come si fa a non immaginare nella rete ferroviaria locale un secondo binario dall’aeroporto di Brindisi verso il Capo di Leuca, che attraversi tutto il Salento, in modo da favorire i turisti che arrivano in aereo da ogni parte d’Europa? Perché invece continuiamo a investire sull’asfalto per potenziare il trasporto su gomma su brevi tratti? Innovativo, allora, per la politica pugliese sarebbe anche progettare lo sviluppo dei trasporti a partire dai bisogni reali. Parliamone, dunque, a viso aperto. Anche perché tutto ciò nel generico documento sul Mezzogiorno approvato dalla direzione regionale del Pd pugliese non c’è traccia.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
mario - 11/03/2014
Finalmente si fa politica.
Innanzitutto bisogna colmare il divario fra coscienza politica degli elettori e quella dei professionisti della politica, naturalmente
gli elettori sono distanti anni luce nei confronti dei politici pugliesi che continuano nella gran parte a considerare la politica
solo come una vacca da mungere,guadagnandosi privilegi poltrone ed onori.Mi son sempre chiesto, perchè al sud non fanno sistema come al nord e pretendere almeno in parte quello che si da?.Non è vero siqnor Blasi che la questione meridionale non c'è più, è
vero il contrario, mai è stata cosi aperta come ora.Tutti i servizi che lei ha citato , aspettano di essere risolti ,essi sono la prova
lampante di una classe politica che non funziona, i nostri politici stazionano a Roma e si ricordano della Puglia e delle altre
regioni del sud solo prima delle elezioni.I giovani son tutti Grillini, perchè giustamente credono solo nella politica del fare. Ha
ragione Luca Spongano, se noi perdiamo il carro dello sviluppo Turistico non ci rimane più niente, il Salento è perduto.Abbiamo
due buone università: lecce e Bari, facciamo anche noi della ricerca ,abbiamo dei giovani bravissimi, non sperperiamo i
soldi solo, in iniziative che risultano essere solo demagogiche.Confrontiamoci con le altre realtà turistiche delle altre regioni, e
soprattutto teniamo lontano la mafia dal nostro Salento .


Banner
Banner
Banner