Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 19 ottobre 2017 - Ore 07:24

Congedo su sanità: "Ritiro delibera o class action"

Congedo su sanità: "Ritiro delibera o class action"

Lecce - “Il provvedimento sulle assunzioni è assolutamente squilibrato e non deve essere applicato”. Così il vice presidente vicario del gruppo Pdl/Fi alla Regione Puglia Erio Congedo contesta la delibera della Giunta regionale che contiene il riparto delle assunzioni nelle varie Asl della Puglia, che tra le altre cose ha programmato appena 29 assunzioni a Lecce e provincia su un totale di circa 700.

“Come si fa - chiede - a ripartire in questo modo le assunzioni tra le varie Asl e mortificare sino a questo punto il territorio leccese? Evidentemente non hanno avuto peso alcuno criteri di carattere oggettivo come quello del numero degli abitanti, della situazione degli ospedali, del numero dei posti letto, se gli strampalati contenuti della delibera riservano a Bari 418 assunzioni su 703 e lasciano le briciole agli altri (158 a Taranto, 60 a Brindisi, 29 a Lecce, 26 a Foggia e nessuna alla Bat) e se Bari prende quasi 26 milioni di euro su 48, mentre a Lecce, ad esempio, toccheranno la miseria di 1 milione e 800 mila euro. A rendere ancora più deprimente queste scelte per i cittadini del Salento, peraltro, c’è la previsione del piano triennale della Asl di Lecce che ha evidenziato una vacanza in organico di ben 220 unità. Per cui quanto assegnato è appena il 13% di quanto necessario.

Si tratta di una forte discriminazione per il territorio e di uno sfregio ai bisogni di salute dei cittadini del Salento. Il provvedimento non può assolutamente essere applicato. Per cui chiedo alla Giunta di ritirarlo e di riformularlo previa concertazione con il Ministero della Salute e dopo un adeguamento che risponda in maniera equilibrata alle esigenze delle strutture del territorio salentino. In caso contrario - conclude Congedo - sarei il primo a sollecitare un ricorso anche in forma collettiva al tribunale amministrativo, una sorta di class action frutto dell’iniziativa di soggetti pubblici e privati”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
mario - 21/02/2014
Il pesce grosso mangia sempre il più piccolo.
Congedo ha ragione da vendere,quando vengono assegnate le risorse dovrebbero prima stabilire i criteri e le necessità di ogni
provincia.Se si considera il forte incremento del turismo nel Salento si dovrebbe capire che la presenza di centinaia di migliaia di turisti
nelle nostre coste, comporta ance l'onere e l'obbligo di garantire ha queste presenze, che arricchiscono anche Bari, una
assistenza sanitaria d'emergenza di cui è privo quasi tutto il tacco del salento.


Banner
Banner
Banner