Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 13:43

Pankiewicz: "Un brand salentino sul modello del marchio Val De Loire"

Pankiewicz: "Un brand salentino sul modello del marchio Val De Loire"

Lecce - Il presidente del Movimento politico-culturale "Valori e Rinnovamento" Wojtek Pankiewicz, lancia l'idea del Marchio Salento:

"L’idea del Marchio Salento riteniamo che sia un’idea progettuale, strategica. Essa sarà, perciò, l’idea fondamentale che il nostro Movimento porterà avanti da questo momento. La lanciamo oggi in margine all’inaugurazione della Borsa internazionale del turismo di Milano, dell’annuncio del Ministro Bray di nuovi fondi europei per Beni Culturali salentini e mentre il Salento si conferma anche per il 2014 “Territorio dell’anno”, il territorio più amato dagli italiani, nel sondaggio sulle mete preferite dai vacanzieri, che la rivista “Italia Touristica” ha effettuato in vista dell’edizione 2014 della Bit. Nel sondaggio sono stati premiati in particolare il mare, il barocco, la cultura e la qualità enogastronomica”, afferma Pankiewicz.

“Nella legislazione italiana, statale e regionale, non esiste un marchio per i territori che si impegnino a mettere in valore e a proteggere contemporaneamente il proprio patrimonio artistico e quello paesaggistico”, continua, “Lo scorso 29 gennaio, nel corso della riuscitissima conferenza-dibattito, da noi organizzata, sul tema “La cultura per uscire dal declino”, introdotta dalla pregevole relazione dell’editorialista Enrico Longo, la pittrice leccese Gabriella Legno, componente del Direttivo di “Valori e Rinnovamento”, nel suo intervento ha proposto la creazione di un Marchio Salento seguendo la felice esperienza francese Missione Valle della Loira. In Francia, infatti, ha spiegato l’artista salentina, si è creato un Marchio Val de Loire per questo paesaggio e per i numerosi castelli presenti e il risultato finora è stato di 280.000 nuovi posti di lavoro, 8 milioni di visitatori e un miliardo di ricavo annuo. Occorre allora mettere un Marchio anche al nostro paesaggio per tutelarlo e valorizzarlo alla perfezione sia dal punto di vista paesaggistico che architettonico. In provincia di Lecce, infatti, contiamo la presenza di una cinquantina di Castelli e di una trentina tra Palazzi Baronali, Marchesali, e residenze fortificate e castellate, siti archeologici, grotte, tratti di costa di una bellezza stupefacente e città d’arte arricchite da chiese e cattedrali meravigliose, oltre a tradizioni religiose (feste patronali, la Focara a Novoli , la processione Madonna dell’Altomare a Otranto, eccetera), musicali come La Notte della Taranta, ed enogastronomiche”.

Gabriella Legno mentre illustra la sua proposta“L’intervento pubblico è una componente essenziale per lo sviluppo del territorio, basato sulla valorizzazione del patrimonio artistico-culturale e sui legami trasversali tra la filiera culturale e le altre filiere interdipendenti, in primo luogo l’accoglienza turistica. La valorizzazione del patrimonio culturale ha dato un notevole impulso all’industria turistica dell’area Valle della Loira, che ha contribuito a sua volta alla crescita del reddito e dell’occupazione nel territorio”.

Il Movimento, dunque, ha articolato e intende fermamente portare avanti la proposta del MARCHIO SALENTO.

“CERCHEREMO DI PROMUOVERE LA PIENA VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO SALENTINO ATTRAVERSO UNA STRATEGIA D’INSIEME E INTEGRATA CON ATTIVITA’ CULTURALI, IL TURISMO, ARTIGIANATO, AGROALIMENTARE, ENOGASTRONOMIA , LE NUOVE PROFESSIONI E LE NUOVE IMPRESE LEGATE AI BENI CULTURALI. SARA’ QUESTA LA CHIAVE (ANCORA TROPPO POCO PRATICATA DA POLITICI E IMPRENDITORI SALENTINI) PER UN SALTO DI QUALITA’ CHE FARA’ DELLA NOSTRA PROPOSTA UN ASSE DI COESIONE SOCIALE E DI SVILUPPO”.

A tale scopo, Movimento incontrerà i rappresentanti di: Regione, Provincia, Comuni, Sindacati, Confindustria, Confartigianato, Camera di Commercio, Ordini Professionali eccetera. “Siamo convinti che sia questa l’idea strategica vincente per lo sviluppo del Salento in modo coerente con la sua vocazione. E’ necessario, lo ripetiamo accoratamente, quindi preservare il nostro paesaggio da deturpazioni di vario genere come gasdotti, distese selvagge di torri eoliche e pannelli fotovoltaici, trivelle nel nostro mare. Crediamo , alla luce di tutto ciò, che sia un obbligo per tutti proteggere la bellezza delle nostre terre e la magia che le avvolge e promuovere il nostro territorio nel mondo. Creare il Brand Salento darebbe al nostro territorio la certezza di salvaguardare la sua bellezza artistica e paesaggistica, porterebbe occupazione e ricchezza, e la possibilità di mantenere il posto che merita agli occhi del mondo".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner