Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 03:51

Farmaci salva-vita introvabili: Salvatore Capone interroga il Ministro

Farmaci salva-vita introvabili: Salvatore Capone interroga il Ministro

Lecce - “Il Ministro Lorenzin intervenga immediatamente per capire come mai sia praticamente impossibile reperire farmaci così vitali”, lo chiede il parlamentare pd del Salento, e componente della Commissione Salute e Affari sociali, Salvatore Capone che stamane ha presentato una interrogazione al Ministro della Salute dopo la denuncia da parte della Presidente Regionale Cittadinanza Attiva Puglia – Tribunale per i diritti del malato, Anna Maria De Filippi, e del Vice Coordinatore Assemblea Provinciale Antonio Campa.

Nell’interrogazione il parlamentare ricostruisce i profili della vicenda e dell’allarme, ricordando come “a quanto emerge da una ricognizione effettuata dalla stessa Associazione, l’indisponibilità di tali farmaci parrebbe essere la conseguenza di una massiccia esportazione degli stessi da parte di soggetti probabilmente diversi dalle aziende produttrici e attratti da mercati più interessanti”.

E ancora: “Nella denuncia di CittadinanzAttiva-Tribunale per i diritti del malato si apprende inoltre dell’ipotesi avanzata dalla stessa Aifa finalizzata a redigere un elenco di farmaci vietati all’esportazione, correttivo ex post del problema e di nessuna garanzia, dal momento che la tempistica per l’inserimento in questo elenco di farmaci vietati all’esportazione sarebbe molto lungo e farraginosa e, inoltre, dovrebbe passare al vaglio delle Commissioni Parlamentari con conseguente approvazione in Consiglio dei Ministri, mentre la stessa Aifa avrebbe stilato un elenco dei medicinali carenti (circa 800), confermando la natura commerciale e amministrativa alla base della penuria sul mercato di alcuni di essi”.

Nell’interrogazione si fa inoltre riferimento all’esposto presentato alla Procura della Repubblica FederFarma, dove si chiede ragione di una penuria che coinvolge diversi territori italiani, nonché alla immediata rassicurazione da parte del il Direttore generale della Asl Lecce, dr. Valdo Mellone, “pronto a intervenire qualora fosse confermata la carenza di farmaci salvavita sul mercato, interloquendo direttamente con Ministero, Centri di distribuzione, Produttori e in tal modo bypassando le intermediazioni commerciali”.

“Non dovrebbe essere difficile”, scrive ancora il parlamentare, “risalire agli autori di tale fenomeno attraverso il numero di lotto presente su ogni confezione di farmaco, anche a tutela delle aziende farmaceutiche. Che peraltro, contattate direttamente dall’Associazione, si sono dichiarate disponibili, qualora ci fossero problemi di reperimento di farmaci attraverso i canali ufficiali, di inviare direttamente alle farmacie gli stessi”.

E’ necessario, conclude Salvatore Capone, “che il Ministro della Salute, per quanto di sua competenza, avvii una ricognizione per comprendere più puntualmente le ragioni della dinamica denunciata dal Tribunale del malato e da FederFarma, per individuare chi materialmente fa incetta di medicinali esportandoli all’estero, depauperando il mercato nazionale, causando enormi disagi ai malati, arrecando danni alle aziende produttrici. E che sia fatto tutto il possibile per risolvere rapidamente il problema bloccando una distorsione nel mercato, a salvaguardia della salute e del diritto di cura di ogni cittadino”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner