Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 19:43

Blasi: "Cerano si può riconvertire con Tap"

Blasi: "Cerano si può riconvertire con Tap"

Brindisi - Sergio Blasi: “Rispetto per ‘No al carbone’, la loro battaglia è la mia battaglia. Ma Cerano si può riconvertire con Tap”.

Non per fare polemica ma nell’esclusivo interesse delle nostre popolazioni e della loro salute, leggendo le cronache dell’incontro tenutosi ieri a Trepuzzi dal titolo “Tap – Cerano”, vengo a conoscenza della dichiarazione del rappresentante del comitato “No al Carbone” di Brindisi rispetto all’ipotesi di una riconversione a gas della Centrale di Cerano. E non posso tacere nel momento in cui leggo che l’ipotesi viene ‘scartata a priori dal Comitato No al Carbone perché ritenuta irrealizzabile dal punto di vista economico e strutturale’.

Come in molti sanno il Comitato No al Carbone di Brindisi possiede 5 azioni Enel acquistate per portare le ragioni della opposizione al carbone fin nell’Assemblea dei soci del gigante dell’energia. Una strategia meritoria, che rivela la caparbietà della loro azione. Nella assemblea dei soci Enel del 30 aprile 2013 il sig. Daniele Pomes, rappresentante nell’assemblea del movimento “No al carbone” di Brindisi, dichiara: “In qualità di rappresentante del movimento ‘No al Carbone’ e in qualità di azionista, concludo chiedendo con forza che entro il 2020 si esca definitivamente dall’era del carbone a Brindisi, come richiesto dalla Comunità Europea, e che si riconverta la centrale Federico II a gas”.

Ci tengo a precisare che proprio perché considero sacrosante le battaglie del movimento “No al carbone” ho deciso di riportare al centro del dibattito su Tap la questione della riconversione di Cerano. Perché per troppo tempo la politica è stata assente su quella che oggi è un’opera che non possiamo rimandare.
(Link al verbale dell’assemblea dei soci Enel del 30/04/2013: http://bit.ly/1kWOHph )
In questa sede mi preme solo ricordare come oggi, con l’arrivo della Tap e con la possibilità dell’approdo a Cerano, è possibile realizzare una riconversione sola comincerebbe a compensare il territorio brindisino e leccese di un danno sanitario, quello della centrale a carbone Federico II, che l’Agenzia Europea dell’Ambiente ha quantificato tra i 500 e i 700 milioni di euro. Di questa possibilità la Regione Puglia deve farsi portavoce presso il Governo. A Roma sarebbe necessario aprire un tavolo tra le due multinazionali interessate, Enel e Tap, per favorire un accordo commerciale che renda la riconversione conveniente, anche attraverso la vendita agevolata del gas da parte di Tap a Enel.

Questo non perché ci premono gli affari di queste società, ma perché in Puglia ci siamo stancati di contare i malati mentre qualcun altro conta i soldi”


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner