Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 17 ottobre 2017 - Ore 07:44

2.300 osservazioni al Pptr, Galati a Barbanente: "Faccicamo chiarezza"

2.300 osservazioni al Pptr, Galati a Barbanente: "Faccicamo chiarezza"

Lecce - Sono circa 2.300 le osservazioni presentate da cittadini, tecnici, ordini e istituzioni pugliesi al Piano paesaggistico territoriale regionale. «Una vera alluvione – fa notare il consigliere regionale Antonio Galati – che deve farci correre ai ripari. L'obiettivo è salvare la sostanza del Pptr senza penalizzare i meno abbienti»

Molte osservazioni provenienti dal territorio salentino riguardano piccoli proprietari di modesti appezzamenti di terreno, sui quali il Pptr rileva la presenza di «boschi» (così come definiti - assai malamente - all'articolo 58) con le gravi conseguenze che da tale presenza derivano.

«Il punto però sta tutto nella definizione di “bosco”, che non tiene conto né delle dimensioni, né della continuità ecologica, né della presenza di essenze autoctone - sottolinea il consigliere regionale - la legge nazionale vigente (l'articolo 2 del decreto 227/01) ne dà una definizione al tempo stesso generica e oscura, tanto da aver creato orientamenti differenti fra la giustizia amministrativa e la giustizia penale. Il risultato è un caos giuridico, terreno fertile per i professionisti del contenzioso e quindi motivo di forti spese per i piccoli proprietari. Il Pptr – insiste Galati - poteva sciogliere il nodo, con una definizione limpida e semplice di “bosco”, che tenesse conto di tre elementi: continuità ecologica, dimensioni e presenza di essenze autoctone. Avremmo evitato paradossi come quelli di “boschi” rilevati nel perimetro delle città o all'interno delle zone industriali o nei giardini delle unità residenziali; al tempo stesso avremmo evitato l'alluvione di osservazioni da parte di tutti quei piccoli proprietari che si sentono lesi nei propri diritti»

Il consigliere di maggioranza si rivolge quindi direttamente all'assessore all'urbanistica, la vicepresidente Angela Barbanente, da mesi impegnata con grande abnegazione e competenza urbanistica in tour di divulgazione della filosofia e dei contenuti del Pptr sul territorio pugliese.

«Quello dell'assessore Barbanente è uno sforzo gravosissimo che va apprezzato – dice Galati – ma sarebbe stato ancora più meritorio partorire un Piano fruibile da tutti gli interessati, senza rendere necessaria la divulgazione dei politici o la mediazione dei professionisti. Fortunatamente siamo ancora in tempo per semplificare la norma, dando un riferimento certo a tutti gli interessati senza svuotarla della sfida culturale, ancor prima che urbanistica, che il Pptr contiene»

«Riguardo ai boschi, ad esempio, non c'è dubbio che si rivelerebbero decisivi quei tre requisiti fondamentali – chiosa il consigliere regionale –ovvero la dimensione dell'area boscata, la presenza prevalente in essa di essenze autoctone e soprattutto la continuità ecologica della fascia interessata da bosco, macchia o foresta, che non può essere interrotta da seminativi, colture intensive, insediamenti industriali, aree residenziali.
Applicando i tre requisiti – conclude Galati - i cittadini pugliesi, e in particolare quelli salentini, otterrebbero una definizione fedele alla realtà dei fatti, rispettosa della sfida culturale che il Pptr lancia e non penalizzante per migliaia di persone che hanno diritto a norme semplici, chiare e quindi intrinsecamente democratiche».


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner