Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 18 novembre 2017 - Ore 05:43

Capone: "Completare il Polo Riabilitativo di San Cesario"

Capone: "Completare il Polo Riabilitativo di San Cesario"

San Cesario - Completare l’iter già definito in sede regionale per il Polo Riabilitativo di San Cesario,
rafforzando quella vocazione all’eccellenza già espressa dalla struttura e che ne farebbe l’unica realtà regionale espressamente dedicata a recupero e riabilitazione funzionale, riabilitazione cardiologica, riabilitazione respiratoria.

Questo il senso della lettera che Salvatore Capone, parlamentare pd, ha inviato ieri mattina al Presidente della Regione Nichi Vendola, all’Assessora al Welfare e Sanità della Puglia Elena Gentile, al Direttore Generale Asl Lecce Valdo Mellone.

“Il trasferimento di ruoli e funzioni, nell’ambito della più complessiva riorganizzazione del Polo Ospedaliero “Vito Fazzi”, dall’Ospedale “Galateo” di Lecce a quello di San Cesario, e la successiva trasformazione dello stesso in Polo Riabilitativo di Eccellenza, unico nel suo genere in Puglia e sicuramente nelle Province di Lecce, Brindisi, Taranto”, ricorda Salvatore Capone nella lettera, “è stata la risposta non solo alla necessaria riorganizzazione dei servizi sanitari pubblici nella nostra come in altre province, quanto ad una esigenza ampiamente diffusa, correttamente interpretata dalle Istituzioni territoriali, recepita a suo tempo dalla Regione e supportata da team medici e manageriali di eccellenza. Duole per questo constatare che, nonostante la stessa Regione Puglia abbia negli ultimi giorni del 2012 confermato la trasformazione in Polo Riabilitativo dell’Ospedale di San Cesario con un adeguamento dei posti letto (suddivisi in 60 di recupero e riabilitazione funzionale, 20 di Riabilitazione Cardiologica, 20 di Riabilitazione Respiratoria), e con successive Delibere di Giunta abbia proceduto all’accorpamento delle Unità di Riabilitazione Cardiologia e di Riabilitazione Respiratoria provvedendo ad integrare – ancora esclusivamente sulla carta – la dotazione organica del Polo Riabilitativo, a tutt’oggi si sia ben lontani dall’aver raggiunto quanto indicato dalle decisioni regionali, così da evidenziare il rischio di una agonia dello stesso Polo in attesa di indicazioni nette e chiare, e soprattutto della completa attuazione di quanto deliberato. A fronte, peraltro, di una realizzazione parziale del progetto originario grazie all’individuazione di risorse umane e alle dotazioni strumentali già presenti, elemento che va sottolineato e che testimonia l’impegno e il lavoro in tal senso della Direzione Generale Asl Lecce, e degli operatori sanitari coinvolti nella struttura”.

Il punto, come ribadisce il parlamentare nella lettera evidentemente interlocutoria, non è “disconoscere quanto finora avvenuto, in termini di dotazione di risorse umane e strumentali, finalizzato all’attività, sia pure parziale, né l’attenzione e la disponibilità ai più diversi livelli per permettere al Polo Riabilitativo di svolgere la sua funzione. Purtuttavia”, rimarca Capone, “si evidenzia che l’obiettivo della eccellenza, e di una sempre più evidente e concreta integrazione di funzioni con le altre realtà della sanità pubblica territoriale insistenti nello stesso territorio, ha necessità – per dare i risultati attesi nei tempi previsti – di un impegno condiviso e di una convinta azione mirata”.

“E’evidente”, prosegue la lettera, “come, in un momento di difficoltà così forte per i cittadini e le famiglie salentine e pugliesi, un riferimento di eccellenza nel campo della riabilitazione rappresenti il miglior presidio e baluardo della Sanità Pubblica, oltre che la certificazione di una sanità al servizio del pugliesi, mentre non sfugge la necessità che proprio il Pubblico si caratterizzi sempre più e sempre meglio per l’erogazione di servizi di qualità, differenziando al suo interno l’offerta nell’ambito di una politica di investimenti e risparmio lungimirante e di ampio respiro.
Questo lo spirito che anima questa mia, ancora una volta interpretando i bisogni delle nostre popolazioni e anche di quella parte medica e manageriale che così strenuamente ha creduto nel Progetto del Polo di eccellenza. Come parlamentare di questo territorio, e per anni Sindaco del Comune di San Cesario, sono fermamente convinto della necessità che il Polo Riabilitativo di San Cesario debba configurarsi esattamente nel modo in cui il dettato regionale indica, alla luce peraltro dell’unicità dello stesso sul territorio regionale, e della eccellenza delle prestazioni garantite anche in questo delicato momento”.

Avere chiarezza sullo stato dell’arte, sul futuro della struttura, su tempi e modalità della nuova fase di implementazione dei servizi e delle funzioni: queste le sollecitazioni che Salvatore Capone muove ai vertici regionali e alla direzione generale Asl, alla luce di un obiettivo che sembra alla portata di mano: potenziare la dotazione organica così come previsto per i servizi già indicati, agevolare l’integrazione tra i servizi già esistenti, permettendo alla rete integrata una risposta d’eccellenza al servizio dell’intera regione.

“Potenziare le reti della sanità pubblica territoriale”, commenta il parlamentare pd, “significa non solo venire incontro ai diffusi bisogni del territorio e, in questo caso, dell’intera regione, ma soprattutto andare ad incidere sui bilanci complessivi della sanità pugliese, grazie ad economie di scala. Lavorare per una Sanità dei Poli territoriali e dei Poli ospedalieri, razionalizzando ruoli e funzioni, può consentire di elevare la qualità e ridurre i costi. Obiettivi entrambi necessari”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner