Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 18 ottobre 2017 - Ore 18:41

Blasi: "Sulla Tap ci vuole un no netto alla Via e agli espropri"

Blasi: "Sulla Tap ci vuole un no netto alla Via e agli espropri"

Lecce - Blasi: “Bene Vendola su riesame dell’Aia a Cerano, ma sulla Tap oltre a un tardivo imbarazzo ci vuole un no netto alla Via e agli espropri”

“Pochi giorni fa il presidente Vendola ha voluto affrontare la questione annosa dell’inquinamento del territorio brindisino, da tanti anni inserito tra i siti di interesse nazionale bisognosi di bonifica. Si tratta di porzioni di territorio che più di altre pagano la miopia di grossi investimenti industriali volti alla creazione di economia a tutti i costi e che in aree considerate depresse sono stati progettati e realizzati senza tenere conto delle ricadute sull’ecosistema dei territori e sulle popolazioni che le abitano. Ci troviamo così a dover investire oggi qualcosa come 40 milioni di euro per bonificare l’area della Micorosa, circa 50 ettari di Puglia inquinati dal petrolchimico.

Su quello stesso territorio, sempre a Sud della città adriatica e poco a Nord di Lecce, sorge la centrale a carbone Federico II di Cerano, ormai da tempo al centro dell’attenzione dei media e di una parte – in verità un porzione – della politica locale come possibile fonte di inquinamento. Su questo tema è in corso un processo per accertare l’incidenza delle polveri che si alzano dal nastro trasportatore e dal parco minerario e altri presunti danni all’ambiente. Ebbene questa volta, agendo in maniera più celere rispetto al caso dell’Ilva, la Regione Puglia ha cominciato a muoversi sul fronte delle possibili ricadute dell’attività della centrale sulla salute dei cittadini del Salento, chiedendo prevenzione attraverso il riesame dell’Autorizzazione integrata ambientale, sulla base di sforamenti nelle emissioni di pm10 registrati dalle centraline Arpa.

Personalmente mi sento di esprimere apprezzamento per questa iniziativa. E spero che il ministro Orlando prenda prontamente in considerazione la richiesta della Regione Puglia. Fare chiarezza sulle emissioni di Cerano e porre le basi, per quanto nei poteri della Regione Puglia, della decarbonizzazione dell’economia pugliese deve essere uno dei più rilevanti obiettivi di questa seconda parte della legislatura regionale.

È evidente che la tutela della salute, dell’ambiente, del paesaggio sono i temi sui quali la sinistra in Puglia deve misurarsi. Abbiamo davanti un compito: costruire una regione verde dove agricoltura e turismo giocano un ruolo rilevante nell’economia locale. Anche per questo motivo non possiamo permetterci passi falsi sui nuovi importanti interventi di creazione di infrastrutture energetiche che nei prossimi anni interesseranno il territorio salentino.

E se ormai a tutti sembra irrazionale, se non altro, immaginare che la Tap possa approdare a San Foca, vorrei dire con chiarezza al presidente Vendola che non è sufficiente condividere le ragioni della protesta. Sarà invece fondamentale per la Regione Puglia non mettere la firma sul gasdotto Tap ed esprimere un no in maniera chiara e netta, all’interno della procedura di Via e nelle procedure di esproprio dei terreni sui quali il gasdotto dovrebbe passare. Se nel caso del riesame dell’Aia di Cerano il presidente ha deciso di giocare d’anticipo, nel caso della Tap non possiamo accontentarci di un tardivo imbarazzo”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner