Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 16 agosto 2017 - Ore 21:41

Capitale della Cultura 2019: Congedo risponde a Blasi

Capitale della Cultura 2019: Congedo risponde a Blasi

Lecce - Il vice presidente vicario del gruppo Pdl Erio Congedo commenta le dichiarazioni di Sergio Blasi sulla candidatura di Lecce a Capitale Europea della Cultura 2019: "Se non conoscessi bene Sergio Blasi e la sua attenzione per la cultura, e dovessi dunque fermarmi a ciò che dice, penserei di essere di fronte a uno dei singolari casi di sdoppiamento della personalità cui ci ha abituati la Sinistra pugliese. Perché oggi che Lecce ha passato il primo turno di candidatura a Capitale Europea della Cultura 2019, il segretario regionale del Pd la descrive ingenerosamente come città brutta, inaccessibile, non valorizzata, poco rispettata dai suoi amministratori, in forte ritardo nel campo della programmazione culturale e poco aperta, nel suo dossier di candidatura, al resto del Salento.

Vale la pena domandarsi cosa ha fatto il partito di Blasi e, più in generale, la sinistra che Governa la Regione con l’apporto determinante del PD per il raggiungimento di questo risultato che, comunque, vada è già un successo straordinario per Lecce, il Salento e la Puglia.
Voglio ricordarlo io: a Bari il sindaco di Bari Michele Emiliano ha scelto di appoggiare Taranto pur sapendo che aveva pochissime chances di vittoria; a Brindisi il gruppo consiliare del Pd, in contrasto con il suo sindaco Mimmo Consales, è uscito dall’aula per non votare il provvedimento di estensione della candidatura alla città di Brindisi; la Regione, per finire l’opera, ha mandato Lecce al primo turno di candidatura senza il suo appoggio ed a tutt’oggi non si comprende come intende concretamente sostenere la sua candidatura. Se dovessimo attenerci ai fatti, saremmo autorizzati a sospettare che proprio il partito di Blasi e la sinistra regionale quantomeno non abbiamo fin qui fatto tutto ciò che avrebbe potuto e dovuto.
Comincia adesso una fase nuova, e siamo convinti che la Puglia, in modo compatto e coeso, in tutte le sua articolazioni istituzionali, sociali e politiche comprenda l’importanza della posta in palio e faccia fronte comune per il raggiungimento di una risultato storico i cui riflessi anche in termini di sviluppo sarebbero straordinari. In questa affascinante battaglia per Lecce Capitale Europea della Cultura 2019, è lecito attendersi dal presidente Vendola e dall’assessore Godelli, che facciano seguire ai proclami delle interviste, atti concreti capaci di dimostrare con i fatti che adesso la Regione si adopererà per sostenere questo progetto. Da Sergio Blasi come consigliere regionale, e come segretario del Pd, ci attendiamo già nelle prossime ore, quando Paolo Perrone andrà a negoziare l’appoggio della Regione, che lui e il PD siano al fianco di Lecce per renderne più forte e competitiva la candidatura. Per quanto riguarda il centrodestra regionale garantisco che saremo al fianco Lecce, del Salento e della Puglia in questa ambiziosa sfida per Capitale Europea della Cultura 2019".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner